HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Animazione arrow Il Piccolo Principe – Il pianeta del Serpente
Mercoledì 8 Aprile 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
il_mostro_della_laguna_nera_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
cg_banner_header.jpeg
Il Piccolo Principe – Il pianeta del Serpente PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Alessia Vegro   
domenica 11 novembre 2012

Titolo: Il Piccolo Principe – Il pianeta del Serpente
Titolo originale: Le petit prince
Francia, Italia, Germania, Svizzera, India: 2012. Regia di: Pierre Alain Chartier Genere: Animazione Durata: 66'
Interpreti: Voci: Pino Insegno, Manuel Meli, Franco Mannella, Laura Lenghi
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Festival di Roma 2012
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Alessia Vegro
L'aggettivo ideale: Spaziale
Scarica il Pressbook del film
Il Piccolo Principe – Il pianeta del Serpente su Facebook

il_piccolo_principe_leggero.pngIl Piccolo Principe vaga per lo spazio in compagnia del fidato amico Volpe, che combatte al suo fianco per opporsi all'avanzata delle Idee Nere, soldati del Serpente.
L'animale, stanco di di perdere continuamente contro il suo piccolo avversario, decide di compiere un ultimo tentativo. Recatosi sull'asteroide B612, dove vive il Piccolo Principe, approfitta della sua assenza per rapire la Rosa.
La risposta è immediata: il Piccolo Principe e Volpe partono alla ricerca della tana del Serpente, per ritrovare l'amica e liberare tutti gli altri prigionieri, persone finite nel Mondo delle Tenebre per aver perso la speranza. Per raggiungere Rosa i due amici devono attraversare la nebulosa della disperazione, oltre la quale non ci sono più stelle ma solo illusioni.
Quando arriva, il Piccolo Principe scopre però di aver perso i suoi poteri. Riusciranno i due piccoli eroi a portare a termine la loro missione?

Il regista Pierre-Alain Chartier, diplomato presso l'Accademia di Belle Arti Emile Cohl, è un co-fondatore della società Okidoki, con la quale ha progettato vari video-game e lavorato a livello di animazione.
Dal 2008 è regista della serie “Il Piccolo Principe”, trasmessa e co-prodotta in Europa da France Television, WDR e Rai. In questo lungometraggio, presentato in anteprima mondiale in formato 3D al Festival Internazionale del Film di Roma, fa vivere una nuova avventura al Piccolo Principe, creazione letteraria di Antoine de Saint-Exupéry. Il film non è solo una semplice trasposizione del libro ma un suo prolungamento, insieme libero e fedele. Anche il messaggio alla base resta lo stesso: “Si vede bene solo con il cuore, l'essenziale è invisibile agli occhi”.

Il giovane Manuel Meli, che presta la voce al Piccolo Principe, ha alle spalle un nutrito elenco di film animati doppiati, da “Arthur e la vendetta de Maltazard”, passando per “Athur e la guerra dei due mondi” (entrambi per la regia di Luc Besson), alla serie “Phineas e Ferb”. La sua voce “affronta” un sibilante Pino Insegno ben armonizzato al ruolo del Serpente. L'attore non è nuovo al doppiaggio, è sua la voce della tigre nei tre film de “L'era glaciale” ed ha impersonato il narratore in “Principi e Principesse” di Michel Ocelot. Le immagini, che riportano all'iconografia del libro originale, acquistano nuova profondità grazie alle tre dimensioni, permettendo allo spettatore di tuffarsi in un universo a misura di bambino. Chartier ci permette di viaggiare tra stelle a 5 punte e piccoli pianeti con un unico abitante, attraversando lo spazio comodamente seduti su un'ala del piccolo deltaplano del protagonista.

Le sue traversie ci aiutano a riflettere sulla natura umana: l'essenza del Serpente, scaltro e oscuro, si annida in ciascuno di noi. Il modo migliore per sconfiggere le Idee Nere, che avvolgono un cuore disperato mentre annega nell'oscurità delle tenebre, è usare l'immaginazione. Amore e speranza trionfano, questo l'insegnamento di una favola scritta in un'epoca in cui la crisi in Europa era ancora più grave di quella che stiamo vivendo.
Il Piccolo Principe, che “vede con il cuore”, ci ricorda che non si deve mai smettere di credere, mostrando come un animo puro può superare ogni difficoltà. Il Piccolo Principe ricorda una verità che spesso scordiamo: anche dopo essere sprofondati all'inferno possiamo trovare la strada per salire “a riveder le stelle”.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg


paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere