Domenica 26 Giugno 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
La collina dei papaveri PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 36
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
domenica 28 ottobre 2012

Titolo: La collina dei papaveri
Titolo originale: Kokuriko-Zaka Kara
Giappone: 2011. Regia di: Goro Miyazaki Genere: Animazione Durata: 91'
Interpreti:Masami Nagasawa, Junichi Okada, Keiko Takeshita, Yuriko Ishida, Rumi Hiiragi. «continua Jun Fubuki, Takashi Naito, Shunsuke Kazama, Nao Omori, Teruyuki Kagawa
Sito web ufficiale: www.kokurikozaka.jp
Sito web italiano: www.luckyred.it/lacollinadeipapaveri
Nelle sale dal: 06/11/2012
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Nostalgico
Scarica il Pressbook del film
La collina dei papaveri su Facebook

lacollinadeipapaveri_leggero.pngA un anno di distanza dalla presentazione al 6° Festival Internazionale di Roma, il 6 novembre 2012 esce nelle sale italiane, in un’unica data, “La collina dei papaveri”, opera seconda di Gorō Miyazaki, figlio dello straordinario Hayao Miyazaki, che qui si è occupato degli storyboard, e della sceneggiatura insieme a Keiko Niwa.
E pensare che in principio Gorō Miyazaki non aveva intenzione di seguire le orme del padre. Finita l’università il giovane Gorō mette a frutto i suoi studi dedicandosi alla progettazione di giardini e sedi di istituzioni pubbliche, poi il produttore Toshio Suzuki gli propone di lavorare alla realizzazione del parco a tema dello Studio Ghibli, il Ghibli Museum, successivamente viene spinto alla regia. Il suo primo lungometraggio è “I racconti di Terramare” del 2006, che riceve riscontri positivi da critica, pubblico e dal padre.

Yokohama, 1963. Umi è una ragazza di 16 anni, che vive insieme alla nonna e alle sorelle in una casa sulla collina dei papaveri. Il padre marinaio muore in mare durante la Guerra di Corea (25 giugno 1950 – 27 luglio 1953), la madre lavora negli Stati Uniti.
Shun è un diciassettenne, impegnato nel club di letteratura e nel giornalino scolastico. I due si conoscono a scuola e Umi inizia a collaborare con Shun.

Nasce una simpatia reciproca, il passato però sembra dividerli. Il film è l’adattamento dello shōjo manga omonimo del 1980, scritto da Tetsurō Sayama e disegnato da Chizuru Takahashi. Diversi sono gli aspetti tematici affrontati nel film, come è solito fare lo Studio Ghibli in tutti i suoi progetti. Primo fra tutti è quello di mantenere il legame - e il ricordo - col passato, perché solo conoscendo i propri trascorsi e gli errori fatti, si può sperare di costruire un futuro con basi solide per sé e per gli altri.
Chiare e nette sono le parole del protagonista a riguardo. Altro aspetto è il rapporto filiale, sia Umi che Shun hanno un vincolo particolare con la rispettiva figura paterna. Il pensiero di Umi vola ogni giorno al padre che non c’è più, ogni qualvolta issa le due bandiere, augurio di una buona navigazione, insegnatole quando era più piccola.
Shun è stato adottato e vorrebbe saperne di più sul suo vero padre, anch’egli morto in guerra. Viene espresso l’affetto tra due giovani innamorati, tenero e forte come loro. Un sentimento talmente puro che nei disegni e nella sceneggiatura di Hayao Miyazaki diventa magico e fa sognare.
Quello descritto è un sentimento adolescenziale, differentemente da quello maturo de “Il castello errante di Howl”, ma ogni impedimento viene affrontato con una maturazione in divenire da parte di entrambi i ragazzi.

A queste tematiche si aggiunge una peculiarità che si ritrova in molti film giapponesi: quella dell’unione che fa la forza. Quando alcuni club scolastici si trovano in difficoltà, perché rischiano di non avere più una sede, ragazzi e ragazze si danno da fare per rimettere a nuovo l’edificio, così giorno dopo giorno anche i non diretti interessati si impegnano al massimo.
È un film che mescola bene il classico ad una genuinità che rapisce. Non si può dire diversamente dei film dello Studio Ghibli, che si distinguono non solo per la bellezza del disegno, ma anche per la poesia e la magia associate alla realtà della storia, come in questo caso. Se Miyazaki padre coniuga fantasia e realtà in maniera esemplare e impeccabile, Miyazaki figlio esprime la realtà con tutte le sue mille sfaccettature con un tocco delicato e penetrante al contempo.

“La collina dei papaveri” ha un finale prevedibile e le soluzioni adottate per arrivarci sono semplici, tuttavia è il percorso narrativo che ci conduce fino a quel momento ad essere ben strutturato, inoltre gli aspetti storici conferiscono un senso realistico, rendendo così trascurabile qualche pecca. Nel 2012 ha vinto nella categoria Migliore Animazione dell’Anno sia al Tokyo Anime Award che al 35° Japan Academy Award. Grazie alla Lucky Red – che ha distribuito diversi film dello Studio Ghibli (già disponibili in Blu-ray e Dvd) – “La collina dei papaveri” esce in sala, ma in un’unica data.
Chiunque abbia voglia di godersi la sua visione al cinema lo scriva sull’agenda, si faccia un promemoria, tenga libera un’ora e mezza del 6 novembre 2012 per un incontro che non lo deluderà.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere