Giovedì 21 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
My dear enemy PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
venerdì 15 maggio 2009

My dear enemy
Titolo originale: Meotjin haru
Corea del Sud: 2008  Regia di: Lee Yoon-ki  Genere: Drammatico  Durata: 123'
Interpreti: Jeon Do-yeon, Ha Jung-woo
Sito web:
Voto: 7,5
Trailer
Scarica ora My dear enemy con eMule Official e per velocizzare il download usa Speed Downloading!
Recensione di: Francesca Caruso

mydearenemy_leggero.jpgIl regista Lee Yoon-ki si è distinto, fin dal suo film d’esordio “This charming girl” nel 2004, per la sua vena intimista, soffermandosi sul variegato universo femminile.
Con My dear enemy allarga la sua visione per raccontare una storia intensa e insolita. Quando Hee-soo si trova di fronte l’ex fidanzato Byung-woon, senza neanche accennare ad un saluto o ad ipocriti convenevoli, pronuncia solo quattro parole “Voglio i miei soldi”. Tre milioni e mezzo di won sono la somma che la donna gli ha prestato un anno prima e che non le sono stati ancora restituiti.
Byung-woon rimane basito dal rivedere Hee-soo e cerca di sdrammatizzare il momento di tensione venutosi a creare. La rassicura dicendole che entro fine giornata avrà il suo denaro, però deve racimolarlo, essendo rimasto a secco.
La donna decide di accompagnarlo nei suoi spostamenti, per tenerlo d’occhio, mentre l’uomo fa visita a diverse vecchie amiche e conoscenze (tutte donne) chiedendo un prestito per saldare il suo debito. Nell’arco della giornata vengono riaperte vecchie ferite, si instaura un’intimità tra i due che si pensava oramai cessata e Hee-soo scopre un lato nuovo di Byung-woon che non aveva mai visto e cose che lo riguardano che ignorava.

Il film si apre con un piano sequenza che permette allo spettatore di avere un primo approccio visivo con i due protagonisti, non lasciando capire, fino all’istante in cui si rivolgono la parola, chi e cosa li lega.
Il regista pone sotto l’occhio della macchina da presa i due giovani mostrandoli da diverse angolazioni, creando una certa aspettativa e tensione che nell’arco del racconto va evolvendosi come la relazione tra i due. Hee-soo è inizialmente scostante e fredda con Byung-woon ed è riluttante a dover passare del tempo con lui, vuole risolvere la faccenda al più presto e non sente ragioni. Basta guardarla nel viso per capire i suoi diversi stati d’animo.
La sua postura durante l’attesa di Byung-woon mostra nervosismo, necessità, poi sorpresa e comprensione. L’attrice Jeon Do-yeon riesce a infondere al suo personaggio quel senso di vuoto e di perdita che Hee-soo ha dentro. Byung-woon, dal canto suo, si scopre essere un uomo che si prodiga per il prossimo, restituendo i favori che gli sono stati fatti in precedenza. È un uomo sorridente e ottimista, che riesce a comprendere Hee-soo e cerca di farle notare il lato positivo  in cui si trovano.

L’attore Ha Jung-woo rende il suo personaggio accattivante, fascinoso e simpatico, qualcuno con cui è veramente difficile arrabbiarsi. Entrambi gli attori mettono in atto una performance interpretativa superiore e calibrata, creando la giusta sintonia tra i personaggi, la loro espressività mette al centro dell’azione queste due forti personalità, rendendoli umani e nei quali ci si può riscontrare.

Il regista realizza un road movie inusuale, Hee-soo e Byung-woon si spostano da un quartiere all’altro della città con la macchina di lei, poi con l’autobus e, per un piccolo tragitto, a piedi. Ad ogni tappa si incontrano personaggi atipici e si viene a conoscenza di un pezzetto di vita dei due, Lee Yoon-ki mette lentamente a nudo le loro anime con pochi cenni.
Lascia ampio spazio, in determinate sequenze, ai silenzi costruendo un’atmosfera soave e rarefatta.
Il ritmo del film non ha battute d’arresto, l’attenzione dello spettatore rimane alta fino alla fine, le varie angolazioni delle inquadrature utilizzate e alternate ripetutamente contribuiscono a porre in primo piano l’intimità del loro essere. Un film geniale nella sua semplicità di un regista abile e sicuro.

 

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere