HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow All Is Lost - Tutto è perduto
Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
All Is Lost - Tutto è perduto PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 28
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
sabato 08 febbraio 2014

Titolo: All Is Lost - Tutto è perduto
Titolo originale: Robocop
U.S.A. 2013. Regia di: J.C. Chandor Genere: Azione Durata: 105'
Interpreti: Joel Kinnaman, Gary Oldman, Samuel L. Jackson, Abbie Cornish, Michael Keaton, Jay Baruchel, Jackie Earle Haley, Jennifer Ehle, Michael Kenneth Williams, Marianne Jean-Baptiste, WBBrown II
Sito web ufficiale: www.allislostfilm.com
Sito web italiano: www.allislost-ilfilm.it
Nelle sale dal: 06/02/2014
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Intenso
Scarica il Pressbook del film
All Is Lost - Tutto è perduto su Facebook

allislost_leggero.pngCon “All is Lost – Tutto è Perduto” il cinema americano riscopre il silenzio – e quanto esso valga - lasciando parlare la gestualità, le espressioni corporee e facciali, e riuscendo a tenere lo spettatore concentrato fino all’ultimo, su ciò che fa l’unico personaggio in scena.
Dopo il doppio impegno registico e interpretativo di “Leoni per agnelli” nel 2007, devono passare cinque anni prima di rivedere Robert Redford davanti ad una cinepresa.
È il 2012 quando esce “La regola del sospetto”, con “All is Lost” prosegue la scia tracciata.
Lo si vedrà, infatti, in “Captain America – Il soldato d’inverno”, in uscita a marzo 2014. In “All is Lost” Redford padroneggia lo spazio, i silenzi, i minuti come solo un attore navigato sa fare.

Durante un viaggio solitario l’imbarcazione sulla quale si trova un uomo sperona un container abbandonato nell’oceano indiano, procurando una falla non da poco. L’uomo – di cui non si conosce il nome – riesce a sigillare il buco alla meno peggio, ma l’oceano sembra non volergli dare tregua. L’arrivo di una tempesta aggrava le condizioni dello yacht.
Sarà una lotta estenuante che lo vedrà dare fondo a tutte le sue astuzie marinare. Il film possiede un ritmo cadenzato e un avvicendarsi di colpi di scena, a volte, sorprendenti, ma possibili. Ci si sente emotivamente coinvolti per quanto accade al protagonista, scoprendosi dei testimoni pieni di apprensione per la sua sorte. Il regista e sceneggiatore J.C. Chandor non risparmia nulla al suo personaggio, sembra che le forze della natura e la fortuna si siano rivoltate contro quest’uomo, il quale nonostante tutto mantiene il sangue freddo e non si arrende.
Il protagonista utilizza il kit di sopravvivenza di cui lo yacht è dotato, in ogni suo accessorio.
Chandor evidenzia cosa di questo kit sia adeguato in una emergenza reale, lasciando affiorare il pensiero che in situazioni estreme ci voglia qualcosa di più. In verità per sopravvivere l’uomo mette a frutto le sue conoscenze e la sua inventiva, non potendosi affidare completamente all’equipaggiamento della barca.

“È un action movie esistenziale di un uomo perso in mare, in lotta contro gli elementi e contro se stesso” afferma il produttore Neal Dadson. È raro che la macchina da presa si soffermi a lungo su un personaggio, lasciandolo pensare, riflettere, ragionare sul da farsi, come fa in questo film. In effetti in gran parte dei film americani e non solo si parla e tanto, si agisce e spesso di fretta, si entra in azione accompagnati da rumori di sottofondo continui.
In “All is Lost” la macchina da presa indugia su un uomo che forse per l’ultima volta si rade la barba. Indugia sul suo volto, sulla sua progressiva stanchezza, poi sulle azioni sempre molto ponderate, che conferiscono un’intensità costante. Redford esegue in prima persona molti degli stunt più impegnativi - quando la barca entra in collisione con il container, l’arrampicata sull’albero maestro e diversi altri - merito del suo fisico preparato e del suo amore per l’acqua e per il nuoto.

“Questo personaggio continua ad andare oltre il punto in cui alcuni si arrenderebbero” spiega Redford e continua “Lui semplicemente non si arrende perché non c’è altro da fare. Qualcuno non farebbe così, ma lui si”.
È un film che mostra come in qualsiasi situazione difficile un essere umano possa trovarsi non smette mai di darsi per vinto, di voler vivere. “All is Lost” è di forte impatto emotivo e fa amare la vita. L’intento dell’autore è che il pubblico si rispecchi nel protagonista, vuole che lui diventi “la personificazione delle loro speranze, dei loro interessi, dei loro sogni, delle loro preoccupazioni, delle loro paure (…), spero lui possa diventare una specie di specchio”.

Le riprese sono state effettuate in diverse parti dell’Oceano Pacifico, nei Caraibi e a largo di Ensenada, in Messico. Alle Bahamas una troupe di cameraman si è immersa a più di 20 metri per catturare le immagini di un banco di pesci e dozzine di squali presenti in una particolare sequenza. Per le scene più pericolose, come la collisione col container o l’affondamento dello yacht, la produzione ha utilizzato il complesso dei Baja Studios, Messico, quello costruito da James Cameron per le riprese di “Titanic”. Inoltre Chandor ha voluto due direttori della fotografia: Frank G. DeMarco e il fotografo subacqueo Peter Zuccarini, che hanno filmato con obiettivi grandangolari, utilizzando molta luce naturale.
La musica sembra provenga dall’oceano per brevi, ma intensi attimi. È un film avvincente, avventuroso, riflessivo e vigoroso.
Da vedere.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere