HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow Bangkok Dangerous – Il codice dell’assassino
Lunedì 26 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Bangkok Dangerous – Il codice dell’assassino PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 13
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
lunedì 25 gennaio 2010

Bangkok Dangerous – Il codice dell’assassino
Titolo originale: Bangkok Dangerous
USA: 2009  Regia di: Olatunde Osunsanmi Genere: Azione  Durata: 100'
Interpreti: Nicolas Cage, Charlie Yeung, Shahkrit Yamnarm, Nirattisai Kaljaruek, Panward Hemmanee, Dom Hetrakul, Namngen Boonnark, Panward Hemmanee
Sito web: www.bangkokdangerousmovie.net
Nelle sale dal: 29/01/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Duro

Bangkok Dangerous – Il codice dell’assassinoNel 2005 i fratelli Pang si sono cimentati per la prima volta in un film in lingua inglese “The Messengers”, scaturendo negli stessi produttori del film la curiosità di vedere la loro filmografia, tutta profusa di atmosfere nuove, fresche e di forte impatto.
Il film che li ha attirati maggiormente è stato “Bangkok Dangerous” del 1999 (distribuito in Italia dalla Eagle Pictures), che ha partecipato a numerosi festival del cinema e ha ricevuto ottimi consensi.
Da lì il passo è stato breve nel proporre ai due fratelli di realizzare una versione americana.
L’intento dei Pang è stato quello di dare vita a una nuova versione moderna, di prendere lo stesso concetto e di raffinarlo, portandolo così ad un pubblico più vasto.
Per adattare la pellicola originale è stato chiamato lo sceneggiatore Jason Richman, che l’ha svecchiata, e sono stati apportati alcuni cambiamenti ai personaggi.
Lo sceneggiatore e i due registi hanno voluto portare sullo schermo il vissuto attuale dei tailandesi, catturando appieno la cultura e la bellezza della Tailandia.

Joe è un killer spietato con delle regole ferree alle quali si attiene scrupolosamente. Viene ingaggiato da un boss di Bangkok, Surat, per assassinare quattro individui che gli sono scomodi. Joe si reca in Tailandia, assolda Kong affinché gli faccia da galoppino, lo istruisce su cosa non deve fare e sulla puntualità che deve avere se vuole essere pagato.
Joe si mette a lavoro, ma alcune interferenze esterne cambiano il corso degli eventi così minuziosamente orchestrati.
L’uomo feritosi dopo il secondo omicidio si reca in farmacia e fa la conoscenza di Fon, una ragazza sordomuta, che risveglia in lui delle emozioni. Dall’altra parte Kong gli chiede di poter essere suo allievo e imparare l’arte. Joe inizia a uscire con Fon e lentamente si rende conto di una diversa possibilità di vita. Il suo ultimo obiettivo è un uomo politico e Surat non sta ai patti e cerca di ucciderlo, Joe si troverà faccia a faccia con se stesso.

Il primo cambiamento rispetto all’originale è il diverso isolamento che prova il protagonista, il quale non è sordomuto.
Il suo isolamento deriva dall’incapacità di parlare la lingua tailandese e dalla mancanza di familiarità con la cultura locale, così per ovviare a entrambi i problemi giungono in suo soccorso Kong per la lingua e Fon per la cultura. In una sequenza in particolare Joe e Fon sono a cena insieme, i piatti tailandesi che gli vengono serviti sono “infuocati”, e l’uomo mostra il suo disagio nel proseguire, Fon gli porge delle erbe che lo aiutano a rinfrescare il palato.
Si è scelto di rendere sordomuta la figura di Fon per mantenere il riferimento con l’originale. Fon condivide con Joe lo stesso tipo di isolamento dal mondo esterno per motivi diversi e questo istintivamente crea in loro un forte legame.
Il rapporto che si instaura tra Joe e Kong è inizialmente di maestro e allievo rispecchiando pienamente quel filone del cinema asiatico in cui l’allievo viene allenato strenuamente e preparato dal proprio maestro per il combattimento finale.
Qui il combattimento finale viene attuato dallo stesso maestro, che liquida il suo avversario portandolo con sé.
I fratelli Pang hanno dato vita a un’atmosfera fredda, oscura, fatta di poca luce e molte ombre nelle quali si cela il protagonista, la parte della pellicola in cui c’è la luce e i toni sono più caldi sono le sequenze in cui sono presenti Joe e Fon. La farmacia dove lavora Fon è illuminata a giorno, appena messo piede fuori dalla soglia, il buio pervade il marciapiede e le strade, offuscate da deboli lampioni.
Toni caldi e colori accesi si possono vedere nel momento in cui Fon è impegnata in una danza tradizionale tailandese, per il resto i colori sono desaturati, rispecchiando l’animo e il lavoro del personaggio.
Un altro elemento che cattura l’attenzione infondendo al film un’aura sospesa, quasi poetica è il ridimensionamento dei dialoghi, del protagonista in particolare. Le sue parole sono concise e calibrate rispecchiando l’indole di un vero killer, concentrato sul lavoro da compiere senza dare inutili spiegazioni.

Joe, interpretato da Nicolas Cage, è un personaggio complesso, che da sotto la scorza ruvida e violenta, potrebbe scaturire un animo buono. Sta scappando dai suoi demoni e quando incontra Fon viene attirato dal concetto di pace che la ragazza incarna, qui il personaggio inizia il suo conflitto interiore che vedrà una risoluzione nel finale. Nicolas Cage ha fatto venire fuori queste emozioni attraverso il suo sguardo, mostra un uomo perso e confuso.
Charlie Young, che incarna Fon, è stata bravissima nel delineare un figura fragile e forte, il suo sguardo possedeva quel calore umano dal quale Joe è rimasto attratto.
Un personaggio che contribuisce alla resa del film è senza dubbio la Tailandia. La città e la gente con la quale Joe entra in contatto a Bangkok sono il motivo primario per cui il killer decide di non voler più uccidere.
La cultura tailandese gli fa aprire gli occhi.
I gemelli Pang hanno mostrato un ritratto quanto più accurato possibile della Tailandia moderna, mostrandone la cultura e la spiritualità. I registi hanno inserito nella pellicola molti simboli tradizionali tailandesi, come l’elefante, che ha un significato speciale per la popolazione.
Inoltre sono state utilizzate 47 vere location tra Bangkok e le vicine province. Tra queste una delle più pittoresche è “Il Mercato Galleggiante Damnoen Saduak”, dove è stato girato l’inseguimento sulle barche.
Questa versione di Bangkok Dangerous è degna dell’originale, la presenza degli stessi registi dietro la macchina da presa è stata fondamentale, mantenendo non solo lo spirito, ma anche l’atmosfera e le caratteristiche culturali del paese di accoglienza. Il tema della redenzione e della possibilità di una seconda occasione è profuso nell’intero film.
È un film amaro, con un po’ di dolcezza, pieno di ritmo e azione, che spinge a credere che esiste il cambiamento, che ogni individuo possa cambiare spinto da qualcuno o qualcosa che gli dia la motivazione giusta.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere