HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow Bastardi senza gloria
Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Bastardi senza gloria PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 36
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Manca   
martedì 06 ottobre 2009

Bastardi senza gloria
Titolo originale: Inglourious Basterds
USA: 2009. Regia di: Quentin Tarantino Genere: Azione Durata: 148'
Interpreti: Brad Pitt, Samuel L. Jackson, Diane Kruger, Eli Roth, Mike Myers, B.J. Novak, Cloris Leachman, Julie Dreyfus, Mélanie Laurent, Christoph Waltz, Daniel Brühl, Samm Levine, Til Schweiger
Sito web: www.inglouriousbasterds-movie.com
Nelle sale dal: 02/10/2009
Voto: 9
Trailer
Recensione di: Francesco Manca
L'aggettivo ideale: Affascinante

Sai che ti dico? Questo potrebbe essere il mio Capolavoro…

bastardisenzagloria_leggero.jpgPresentata lo scorso maggio alla 62a edizione del Festival di Cannes, arriva finalmente in Italia l’ultima attesissima fatica di quel geniaccio amato/odiato che porta il nome, ormai indelebilmente scolpito nella storia del cinema contemporaneo, di Quentin Tarantino.
Tutto parte da “Quel maledetto treno blindato”, storico war-movie del 1977 firmato Enzo G. Castellari di cui Tarantino si è follemente innamorato, e non solo di questo specifico titolo ma di tutta la filmografia nostrana di genere appartenente agli anni ’60 e ’70 (non a caso, Sergio Leone rappresenta il suo orgasmo cinefilo…), ma non fatevi fuorviare dalle apparenze: quello di Tarantino, eccetto il titolo (originale), non è né un remake né un omaggio al film di Castellari, bensì una personalissima revisione del cinema tedesco, francese e italiano risalente a prima della metà dello scorso secolo.
“Inglorious Basterds”, infatti, trova la sua collocazione temporale nel 1944, sul finire della Seconda Guerra Mondiale, anno in cui il Tenente Aldo Raine riunisce una schiera di soldati ebrei soprannominati i ‘Bastardi’ con l’intento di sterminare ogni nazista che capiti a tiro.

Più che un film, Tarantino ha dato vita ad un romanzo, non solo per via della suddivisione in capitoli della storia ma per lo stile così appassionato e accurato che il regista adotta nella costruzione di tutte le sequenze, dalla prima all’ultima; la descrizione dei paesaggi e dei volti degli interpreti, la strutturazione dei dialoghi e la rappresentazione della violenza iperrealista e onnipresente nel cinema del regista italo americano fanno appassionare talmente lo spettatore al film che egli stesso, come detto, non crede più di trovarsi in una sala cinematografica di fronte ad un grande schermo ma piuttosto in un luogo appartato e fuori dal mondo sfogliando le pagine di un libro, un grande libro che ha il potere di trasformare le sue parole in immagini, immagini forti e spazianti che, nel bene e/o nel male, attraversano la mente e soprattutto il cuore di ogni spettatore.
L’effetto, ovviamente, varia da persona a persona, poiché ricordiamo che il cinema di Tarantino è soggettivo, e anche per il suo più accanito amante la sensazione non è mai la stessa.
Dimenticatevi “Le iene” e “Pulp Fiction”, ormai Quentin è passato ad un cinema più maturo, e lo ha dimostrato già nel 1997 quando si ritrovò di fronte ad un mezzo flop, almeno commerciale, del suo poliziesco dal titolo “Jackie Brown”, nel quale, secondo molti, traspariva per la prima volta il Tarantino maturo, che ha indubbiamente voglia di manifestare le sue velleità autoriali e lasciarsi alle spalle il cinema, meno freddo e più divertente dei due film sopraccitati che lo hanno imposto come mentore del cinema anni ’90. Il percorso di maturità, Tarantino lo ha proseguito nel dittico “Kill Bill” e lo ha (solo momentaneamente) abbandonato nell’esperito double-feature “Grindhouse”, in cui, a divertirsi, erano praticamente solo lui e il compagno d’avventure Robert Rodriguez..

Con “Inglorious Basterds”, Tarantino raggiunge finalmente la tappa del suo percorso di maturità autoriale (perché, diciamolo pure, il buon Q. è un Autore con i contro cazzi), realizzando un film potente, che trasuda amore per il cinema e che vuole coinvolgere non solo i Tarantiniani Doc ma tutti coloro che, magari, sono appena entrati in contatto con il suo cinema.
A questo proposito, è d’obbligo evidenziare il fatto che non è assolutamente vero che, come qualcuno ha detto, Tarantino non vuole più divertirsi insieme al ‘Suo’ pubblico ma solo in compagnia dei suoi più stretti amici e collaboratori (il Rodriguez di poco fa, tanto per citare un nome), ma stava invece cercando di evolversi (e ci sta riuscendo), sia come uomo che come cineasta, proprio insieme ai suo amici ‘spettatori’, che hanno seguito tutti i suoi film e che hanno contribuito (non poco!) a farlo diventare ciò che è ora, ovvero, uno dei registi e autori più venerati, idolatrati e, al contempo odiati degli ultimi vent’anni e che, probabilmente, stanno anche loro evolvendosi con lui.
Semplicemente straordinaria è anche la sua capacità di dirigere e, ancor più, di scegliere gli attori che dovranno recitare nelle sue pellicole; basti pensare che nel cast di “Inglorious Basterds”, il vero mattatore è niente meno che uno ‘sconosciuto’, tale Christoph Waltz, 54enne attore austriaco che, fino ad ora, aveva realizzato più che altro prodotti televisivi e che, grazie a Tarantino, sta rapidamente diventando una star a livello internazionale grazie al suo impressionante e strabiliante talento dimostrato nell’interpretare un ruolo estremamente complesso come quello del Colonnello nazista Hans Landa; lo conferma il Premio per la migliore interpretazione maschile all’ultimo Festival di Cannes.

E un bravo anche a Brad Pitt, che veste con innata eleganza i panni sornioni del Tenente Aldo Raine confermando una volta di più di aver intrapreso, anch’esso, come Tarantino, un percorso di maturazione artistica e personale, riuscendo a passare con straordinaria disinvoltura da un ruolo sopra le righe e stravagante come quello del personal trainer Chad Feldheimer, interprete del film dei fratelli Coen, “Burn After Reading”, ad un altro di stampo completamente differente come quello dell’anomalo Benjamin Button nell’omonima pellicola di David Fincher fino a questo ancora più differente intrapreso in “Inglorious Basterds”.
Eccellenti anche tutti gli altri interpreti: da Eli Roth (che nella gag ‘siciliana’ si chiama Antonio Margheriti, chiaro omaggio al celebre e compianto regista italiano di b-movies) a Michael Fassbender, da Daniel Brühl a Til Schweiger, da Mélanie Laurent a Diane Kruger fino al curioso Mike Myers (Generale Ed Fenech, altro evidente omaggio al nostro cinema di serie B, questa volta riguardante la nostra cara Edwige) in un ruolo di contorno ma portato comunque avanti distintamente.
Quasi scontato dire che il reparto tecnico è non buono ma superbo, soprattutto per l’eccelsa fotografia di Robert Richardson (già collaboratore per Tarantino in “Kill Bill”), per il superlativo montaggio di Sally Menke (fedelissima collaboratrice del regista) e per l’accuratissima e raffinata ricostruzione scenografica di David Wasco (anch’egli uno dei più fedeli collaboratori di Quentin).
Ma cos’è alla fine “Inglorious Basterds”? E’ un’opera maestosa, eccitante, realizzata da persone, una in particolare, che ama il cinema e che fa a sua volta innamorare del cinema.
Spiazzante e incomprensibilmente affascinante come un sogno…

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere