HOME arrow IL CINEMA ASIATICO arrow Azione arrow Blood Brothers
Lunedì 29 Novembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Blood Brothers PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
lunedì 10 settembre 2007

Blood Brothers
Titolo originale: Blood Brothers
Cina, Hong Kong, Taiwan: 2007. Regia di: Alexi Tan Genere: Azione Durata: 95'
Interpreti: Liu Ye, Shu Qi, Daniel Wu, Zhang Zhen, Chen Chang, Tony Yang
Sito web: www.bloodbrothersthemovie.com
Voto: 6
Recensione di: Anna Maria Pelella

64venezia_piccolo.jpg

 

 

bloodbrothers_leggero.jpgCina, anni trenta. Due fratelli, Kang ed Hu e il loro amico Feng, decidono di cercare fortuna a Shanghai. Là iniziano con difficoltà una carriera come aiutanti di un grosso boss locale, proprietario di un locale notturno. Feng, salva la vita ad uno dei fratelli del suo capo e nello stesso tempo si scopre attratto da Lulu, la compagna del boss. Questa sarà la causa della rovina dei tre, che per diverse motivazioni si troveranno uno contro l’altro.

“Ti ricordi il volto delle persone che hai ucciso?
Io non li guardo in faccia.”

Sembra un dialogo tra malavitosi, ed apparentemente è di questo che si tratta, ma in realtà a voler guardare bene siamo di fronte a persone di sentimenti troppo umani, oltre che profondi tali da suggerire un coinvolgimento contro lo propria volontà nei piani dei boss locali e dei fratelli di sangue invischiati con questi. Feng, un bravissimo Daniel Wu è chiaramente il punto debole dei tre, o per lo meno l’ostacolo più grande all’idea di soldi facili che il primo dei due fratelli con cui si accompagna si era fatto andando a Shanghai. Là si imbattono in un altro trio, il boss Hong, la sua compagna Lulu, e il fratello di sangue di lui Mark, che casualmente è anche l’amante di lei. La faccenda ovviamente si complicherà su più livelli. Da una parte ci sono le remore di Feng circa l’uso delle armi e il coinvolgimento con malavitosi, dall’altra le aspirazioni di Kang che si trascinerà dietro il fratello in un’avventura tragicamente fuori dalla portata dei tre ingenui ragazzotti. Il solo a dare prova dell’avvenuta trasformazione da ragazzo di provincia a seguace degno del suo capo, sarà appunto Kang, che pagherà comunque carissimo il raggiungimento dei suoi obiettivi. Inoltre il legame che si crea tra Feng, Lulu e Mark creerà un ulteriore trio in contrapposizione con i precedenti, che trascinerà tutti in una situazione difficile e senza possibilità di ritorno.
Lavoro dichiaratamente ispirato al Bullet in the Head del celeberrimo John Woo, questo Blood Brothers si lascia guardare senza sorprese, nè clamorosi colpi di sonno. Si tratta di un’onesta trasposizione cinematografica dell’incrocio tra Cotton Club ed Il Padrino, con qualche ammiccamento allo stile di regia di John Woo. Peccato che Alexi Tan non osi di più rimanendo nel recinto di un citazionismo che ormai ha fatto il suo tempo, e lasciando solo intuire le sue reali capacità, purtroppo allo stato attuale ancora tutte da scoprire. La regia rimane minimale tutto il tempo, ma lascia presagire una buona possibilità di evoluzione in una tecnica personale, una volta che il regista abbia accettato la sua bravura nelle rappresentazioni didascaliche, visibile nelle scene finali e in quelle del villaggio, ed abbandonato l’emulazione di stili di regia lontani dalle sue corde, e già troppo omaggiati da altri prima di lui.
Le scene del villaggio sono molto ben fotografate e suggeriscono l’esistenza del paradiso che i tre avevano cercato a Shanghai, dove invece il club, Paradise appunto, diventerà il loro personalissimo inferno. Gli attori sono quasi tutti nella parte, con una menzione speciale per il sempre bravo Daniel Wu, mentre la recitazione di Ye Lui risulta leggermente sopra le righe, molto meno convincente che in the Curse of the Golden Flower. Qi Shu sempre bellissima, e vista di recente in Confession of Pain, in questo caso offre anche un buon saggio delle sue capacità canore.
Come spesso nelle ultime produzioni asiatiche i costumi sono molto suggestivi e la colonna sonora regge da sola il portato di alcune belle scene dal sapore retrò. A questo punto non mi resta che augurarmi che un giorno qualcuno mi spieghi come mai in presenza di qualsiasi capo malavitoso, mafioso o di qualunque altra appartenenza ed a qualsiasi latitudine, l’unica colonna sonora possibile sembra essere la musica lirica, qua abbiamo una versione strumentale di Casta Diva

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere