HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow C’era una volta in Cina e in America
Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
C’era una volta in Cina e in America PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
martedì 11 febbraio 2014

Titolo: C’era una volta in Cina e in America
Titolo originale: Wong Fei-hung chi saiwik hung si
Hong Kong: 1997. Regia di: Sammo Hung Kam-Bo Genere: Azione Durata: 102'
Interpreti: Xiong Xin-xin, Jet Li, Rosamund Kwan, Chan Kwok-Pong, Jeff Wolfe
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Conclusivo
Scarica il Pressbook del film
C’era una volta in Cina e in America su Facebook

cera_una_volta_in_cina_e_in_america.jpgOggi disponibile in Dvd Far East Film - distribuito dalla Tucker Film e CG Home Video - “C’era una volta in Cina e in America” è il sesto film della serie “C’era una volta in Cina”, dedicati alla vita del maestro di kung fu ed eroe popolare cinese Wong Fei Hung.
Iniziata nel 1991, viene scritta, diretta e prodotta da Tsui Hark, eccezion fatta per quest’ultimo capitolo diretto da Sammo Hung. Jet Li ritorna a vestire i panni del carismatico maestro, dopo aver interrotto la collaborazione con Hark, a causa dei difficili rapporti intercorsi sul set del terzo film. Nei due successivi capitoli il ruolo da protagonista viene affidato a Vincent Zhao Wenzhuo.

Il maestro di kung fu Wong Fei Hung arriva in America con la fidanzata e il suo braccio destro per fare visita al suo amico dottore che ha aperto un ambulatorio. Durante il viaggio in carrozza soccorrono Billy, un giovane cowboy. Poco dopo vengono aggrediti da un gruppo di indiani. Nel respingere gli assalitori il maestro batte la testa perdendo la memoria. La tribù di pellerossa, che lo trae in salvo, viste le sue doti nel combattimento, decide di farlo restare con loro. Nel frattempo la fidanzata lo cerca preoccupata.

Ciò che caratterizza la serie di film è sicuramente il nazionalismo cinese, al quale si affianca man mano l’accettazione della cultura occidentale e la conseguente apertura alla modernità. Questo film mette in evidenza i differenti usi e costumi delle due culture - ad iniziare dal non toccare una donna neanche con una pacca sulle spalle, per esempio - le differenti armi utilizzate e l’essere etichettato come straniero. A tal proposito viene bene evidenziato come non solo i nativi americani subissero dei soprusi a quei tempi, ma anche le altre minoranze etniche.
Naturalmente se in tanti film americani ambientati nel lontano ovest i cattivi erano i pellerossa e i buoni erano ‘i visi pallidi’, in “C’era una volta in Cina e in America” la situazione viene ribaltata: i nativi americani e i cinesi condividono lo stesso destino, ovvero quello di essere discriminati e di subire le angherie dei cowboy.
Al tempo stesso viene sottolineata l’eccezione nella persona di Billy, un cowboy che simpatizza per i cinesi e ne diventa un amico sincero. Il regista sottolinea l’avidità dell’uomo occidentale personificato dal sindaco, che fa ricadere la colpa del furto in banca sui cinesi per arraffare tutto il malloppo. Inoltre nel confronto tra le arti marziali e le armi da fuoco si nota l’accostamento tra la tradizione, che sta scomparendo, e la modernità che avanza.

Tuttavia Billy rimane affascinato dal Kung Fu e chiede che gli venga insegnato, mettendo in evidenza che le arti marziali avranno sempre un loro spazio sia in Oriente sia in Occidente, anche se non predomineranno più come un tempo.
Il film esce nel week-end del Capodanno cinese e deve tenere testa a “Mr. Nice Guy”, diretto dallo stesso Sammo Hung e interpretato da Jackie Chan, riuscendo a ottenere un buon risultato con quasi 4 milioni di dollari al box office hongkonghese. Maggiormente di rilievo in questo sesto capitolo non è tanto l’esile trama, quasi una scusa per dare voce alle questioni sopracitate, quanto le coreografie delle scene d’azione ideate da Sammo Hung, per le quali ha ricevuto una Nomination agli Hong Kong Film Awards 1998, e sicuramente la presenza scenica e bravura di Jet Li, che incorpora ottimamente l’eroe popolare cinese. Per quanto riguarda gli attori secondari avrebbero potuto certamente fare di meglio.
“C’era una volta in Cina e in America” è la conclusione di una serie, che si può gustare anche senza aver visto i capitoli precedenti, indirizzata ai collezionisti e a coloro che amano il genere.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere