Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Colombiana PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 25
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
mercoledì 30 novembre 2011

Colombiana
Titolo originale: Colombiana
USA, Francia: 2011. Regia di: Olivier Megaton Genere: Azione Durata: 108'
Interpreti: Zoe Saldana, Jordi Mollà, Lennie James, Amandla Stenberg, Michael Vartan, Cliff Curtis, Beto Benites, Jesse Borrego, Cynthia Addai-Robinson, Callum Blue, Graham McTavish
Sito web ufficiale: www.colombiana-movie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 5,5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: La vendetta è mia!
Scarica il Pressbook del film
Colombiana su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

colombiana_leggero.pngDolente femminilità e il senso oscuro della passione pervadono un lavoro che Luc Besson ha plasmato dalla materia di cui la donna è fatta,regalando al cinema una splendida espressione dei conflitti estremi che si raccolgono dal fascino agitato e misterioso di Nikita (Anne Parillaud).
In "Leon",la ricca caratterizzazione di un assassino (Jean Reno) colto nel silenzio di un'umanità sofferta,forma i colori del profondo rapporto fra un professionista della morte e una ragazzina (Natalie Portman).

In "Colombiana",film diretto da Olivier Megaton ("Transporter 3"),Besson,qui autore di una sceneggiatura più derivativa,scontorna un altro personaggio femminile sullo sfondo della rabbia che alimenta la vendetta. Bogotà,Colombia.
La piccola Cataleya Restrepo (Zoe Saldana) assiste all'omicidio dei genitori per mano dei sicari di Don Luis (Beto Benites),potente boss di un cartello della droga.
Sopravvissuta alla strage,la bambina fugge negli USA,dove trova rifugio presso lo zio Emilio (Cliff Curtis),cui Cataleya chiede di essere addestrata per diventare killer di professione.

Dopo 15 anni,la donna è pronta per affrontare gli assassini della sua famiglia e spegnere la sua sete di vendetta. Pigro assortimento di spunti raccolti da lavori più significativi di Besson,"Colombiana" sopravvive del ritmo innaturale di una svogliatezza composta in un meccanismo messo in un moto ad alto regime di giri ma con poca energia risultante.
In un lavoro dove il legame fra missione e protagonista è chiamato a giustificare la pochezza di sostanza e il sovraffollamento di analogie ed appelli ai contenuti dei film di genere,Besson e Megaton non offrono i guizzi sospirati per poter ammirare i buoni e odiare il traditore e sembrano assopirsi su una trama ordinaria che non vibra della passionalità emotiva che genera sentimenti e sensazioni.

Pur condividendo con Hanna (Joe Wright) e Nikita la dilaniante realtà che la emargina in un universo cui è destinata e nel quale è relegata sia dalla sorte che dalle decisioni dell'uomo,l'inferno di Cataleya non porta i colori saturi e intensi di una sofferenza solo raccontata e non partecipata,lasciando a Saldana il compito pedissequo di prestare alla protagonista solo le fattezze estetiche e l'abilità acrobatica,snaturate dei tratti interiori e del disagio intimo di percezioni sepolte.
Megaton pone l'accento sui contrasti stridenti che graffiano lo sfondo di una storia che nasce dalla malattia sociale e respira l'aria guasta di una comunità corrotta,dove morbo e affetto incarnano le realtà opposte che traducono la tragedia della violenza.

Così nella bella sequenza dell'incontro di Cataleya con lo zio,forse la più nobile frazione di film,il regista fa incontrare smarrimento e casa,rifugio e strada,ricorrendo al confronto di un'innocenza andata perduta (Cataleya) con il monito al ravvedimento (lo zio) e dove si scopre il conflitto fra il desiderio di riconoscersi nella principessa Xena,eroina di sogni e fantasie e la tensione a spegnere una sete di vendetta.
L'esile sottotrama del rapporto fra Cataleya e Danny (Michael Vartan) non concede spazi di approfondimento e la relazione resta quasi pretestuale per l'introduzione di bridge-intermezzo fra i luoghi di un'azione pressochè ininterrotta.
Un montaggio nevrotico di tessere di sequenze forma l'illusoria dinamica di una struttura filmica difficilmente percepibile e poco plausibile nelle scene di azione,serrate in microfrazioni di riprese cucite in moviola.
La missione di Cataleya si chiude nell'ellisse del suo stesso personaggio,un volto bellissimo con poco nome in un film dall'identità negata,un dramma messo fuori giri e poca energia,come un palcoscenico con grandi tende e poco spettacolo.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere