HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow Crank 2: High Voltage
Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Crank 2: High Voltage PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 10
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
martedì 23 febbraio 2010

Crank 2: High Voltage
Titolo originale: Crank: High Voltage
USA: 2009 Regia di: Brian Taylor, Mark Neveldine Genere: Azione Durata: 96'
Interpreti: Jason Statham, Amy Smart, Bai Ling, Corey Haim, Glenn Howerton, Efren Ramirez, Dwight Yoakam, Clifton Collins Jr., Christine Quynh Nguyen, Joseph D. Reitman, Holly Weber, Liana Mendoza, Joseph Julian Soria, Reno Wilson, Billy Unger, Nicole Randall, Janna Beth, Menina Fortunato, Shirley To, Simone Bargetze, Setu Taase, Darryl Chan, Jimmy Ortega, Mandy Amano, Anne Girard, Art Hsu, Tony Flores, Ted Garcia, Ho-Kwan Tse, Orlando Wilson, Jason Trost, Najja Meeks, Larry Eudene, Portis Hershey, Yeva-Genevieve Lavlinski, Atticus Todd, Alexandre Chen, Jessica Millhouse, Jai Stefan, Danna Hansen, Sorana Black, Kurly Tlapoyawa
Sito web: www.crank2.com
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Scarico

Crank 2 highvoltageBrian Taylor e Mark Neveldine ("Gamer"),riprendono lo script del loro "Crank" del 2006 e propongono un sequel al primo episodio,nell'auspicio di ottenerne lo stesso plauso.
Il killer Chev Chelios (Jason Statham) nel primo film era impegnato in una corsa contro il tempo per impedire che il veleno iniettatogli nel corpo dal boss Ricky Verona potesse arrestargli il cuore;solo elevati dosi di adrenalina potevano essere l'antidoto per sconfiggere la tossina.
In "Crank 2" i registi riprendono al storia dall'epilogo della prima pellicola,in cui Chelios precipita al suolo dopo un combattimento con Verona.

Salvo per un improbabile miracolo dopo un volo di cinquecento metri,Chev viene catturato da una gang di cinesi che lo mette sotto i ferri per asportargli il cuore e destinarlo al loro boss mafioso,trapiantando al suo posto un organo di plastica,funzionante solo se regolarmente soggetto ad impulsi elettrici.
Chelios si mette subito alla ricerca del suo cuore,distruggendo tutto quello che ostacola la sua folle corsa. Gratuito sequel nello scontato panorama del marketing di cassetta per un cinema usa e getta destinato a far girare il cash flow delle produzioni e la testa agli spettatori di bocca facile.
Il film è confezionato clonando gli schemi del primo episodio e riciclando gli stessi folli elementi indotti a tradurre in immagini il limite dell'immaginario.
Tutto è irriverente e provocatorio dalle prime immagini,dove il corpo di Chev viene spostato dall'asfalto della strada con l'uso di un badile,come materiale organico,all'epilogo cui si giunge esausti e provati,con nel mezzo una delirante narrazione frantumata in un montaggio nevrotico e composta in schematici split screen,innesti grafici omaggianti i '70ies e accelerazioni di girato per esasperare ciò che è già eccessivo.
E' chiaro che Taylor e Neveldine presunti araldi dell'enterteinment show biz,si prendono gioco di loro stessi e del loro prodotto divertissement,che i registi trasformano in farsa grottesca,proponendo al pubblico il relativo minore del cinema d'azione di Tarantino.

Intenzionalmente esagerato e bizzarro,il film è tutto incentrato sul ritmo e sulla scansione dei minuti fino all'ossessione,in un mosaico di sequenze indisponenti ed altamente diseducative,che inizialmente possono divertire,ma col procedere di una pedante insistenza conducono ad un senso di noia e fastidio.
E' molto diverso dal primo episodio,questo "High Voltage",imbastito sull'eccedenza di trash e comuni volgarità,prive di altro intento se non la provocazione senza misura.
I registi provano a raccogliere l'eredità del loro primo "Crank" e a spremerne le valenze in termini di vitalità e velocità,elaborando,in una regia agitata e convulsa un prodotto al servizio del cinema da botteghino ma senza riuscire a raggiungere l'intento di bissare la loro precedente e più meritata popolarità,pur avendo puntato tutto o molto sull'aspetto visivo della tecnologia digitale.
Attingendo a mani basse da Tarantino e Rodriguez,lasciandosi portare dalla disinvolta corrente di un cinema che oggi ama essere importuno e scomodo,i registi fanno questo film che inizialmente è certamente spassoso e ameno,fino a quando i conti non tornano e la precarietà del contenuto forzatamente umoristico non ne regge l'indigenza e l'eccesso della trasgressione fine a sè stessa volge a noia e l'inflazione dell'assurdo smette di divertire.
Il troppo stroppia e "High Voltage" trascende nella prosopopea della corporalità e nell'apoteosi della ipercinesi come mezzo transduttore di emozioni che,come gli impulsi elettrici nel film,durano poco e poi si scaricano.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere