HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow Die Hard - Vivere o morire
Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Die Hard - Vivere o morire PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 17
ScarsoOttimo 
Scritto da Vittorio Castagna   
giovedì 18 ottobre 2007

Die Hard - Vivere o morire
Titolo originale: Live Free or Die Hard
USA: 2007. Regia di: Len Wiseman Genere: Azione Durata: 130'
Interpreti: Bruce Willis, Timothy Olyphant, Maggie Q, Justin Long, Jeffrey Wright, Mary Elizabeth Winstead, Edoardo Costa
Sito web: www.livefreeordiehard.com
Voto: 7
Recensione di: Vittorio Castagna

diehard4_leggero.jpgDie Hard 4 è una buona riuscita perché ci regala innanzi tutto due ore in più con un personaggio che sembrava andato in pensione da Hollywood.
Bruce Willis entra comodamente nelle scarpe di McClane per l’ennesima missione di salvataggio che ci regala nuove e coinvolgenti emozioni.
Il detective John McClane non smette mai di stupire e questa pellicola è una chiara testimonianza. Questa volta non si trova di fronte a dirottatori di aerei e neppure a una festa di Natale in un grattacelo, anche le mode terroristiche sono soggette a cambiamenti; infatti a minacciare la quiete pubblica è un gruppo di cattivi che si sono addentrati nei computer più importanti d’America. Die Hard, anche nelle precedenti edizioni, non ha mai segnato l’attenzione degli spettatori con dialoghi introspettivi e messaggio etici, non è il suo genere, è infatti un film d’azione, e, nel caso specifico, è al contempo un’iniezione di adrenalina. Nel suo genere è un buon film, coinvolgente e non banale, con effetti speciali mozzafiato e un Bruce Willlis in perfetta forma, 12 anni non sembrano passati se non si facesse caso a qualche ruga.
L’inizio della pellicola non è esaltante, con un detective McClane che spia un appuntamento della figlia Lucy (Mary Elizabeth Winstead), una scena che può destare un’immediata delusione per gli euro di cui ci si è privati per accedere alla poltrona. Ma superati questi primi minuti, il resto della storia è mirabile. In seguito a un blocco dei sistemi operativi che mette a rischio la sicurezza nazionale, McClane è chiamato in causa per scortare un hacker dal New Jersey a Washington D.C., una cosa abbastanza nella norma, se non fosse che l’hacker, Matt Farrell (Justin Long), un po’ imbranato e abbastanza ingenuo, è inseguito da persone che lo vogliono eliminare.
Da qui in poi il nostro detective andrà sempre più in fondo fino a confrontarsi con il cattivo di turno. Di caratteristico nel confronto con il passato notiamo subito un McClane più pudico nel linguaggio, non a caso il cinema sta riscrivendo la figura dei duri che appaiono sempre meno volgari, un passo indietro verso lo stereotipo degli anni ’50-‘60.
Il regista Len Wiseman è riuscito a coagulare un modello che nel 1988 recepiva le istanze di un determinato modo di fare cinema con il nostro modo di vivere il cinema, che ha parametri e esigenze diverse. Sicuramente il miglior collante è stato Bruce Willlis, ma anche la trama e gli effetti speciali sembrano aver ridato giovinezza ad un classico del cinema d’azione.
Ad un certo punto della pellicola McClane dice: “Sono troppo vecchio per saltare fuori dalle macchine”; forse è un addio, ma di certo non gli auguriamo di finire come Stallone nei suoi ultimi Rocky.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere