HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow Fair Game - Caccia alla Spia
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Fair Game - Caccia alla Spia PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 48
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
giovedì 21 ottobre 2010

Fair Game - Caccia alla Spia
Titolo originale: Fair Game
USA: 2010. Regia di: Doug Liman Genere: Azione Durata: 107'
Interpreti: Sean Penn, Naomi Watts, Sam Shepard, Bruce McGill, David Andrews, Byron Utley, Deidre Goodwin, Naeem Uzimann, Jesse Daly, Khaled Nabawy, Scott Takeda, Anastasia Barzee, Melody Weiss, Kevin Makely, Quinn Broggy, Rebekah Paltrow, Ty Burrell, David Denman, Noah Emmerich, David Warshofsky, Anand Tiwari, Sean Patrick Reilly, Brooke Smith, Michael Kelly, Tim Griffin, Philipp Karner, Iris Bahr, Geoffrey Cantor, Kristoffer Ryan Winters, Sunil Malhotra, Ashley Gerasimovich, Liraz Charhi, Sean Mahon, Tricia Munford
Sito web ufficiale: www.fairgame-movie.com
Sito web italiano:  www.fairgame.it
Nelle sale dal: 22/10/2010
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Scrutatore
Scarica il Pressbook del film
Fair Game - Caccia alla Spia su Facebook

Fair GameFair Game è la trasposizione cinematografica di due libri, “The Politics of Truth” di Joseph Wilson e “Fair Game” di Valerie Plame Wilson, che raccontano le vite dei due autori alle prese con il Governo, ma soprattutto, con il loro matrimonio. Per realizzare questa storia di spie, di politica e di rapporti interpersonali che si sgretolano, i produttori hanno voluto il regista Doug Liman, che in passato ha raccontato storie con ambientazioni simili, come “Mr. and Mrs. Smith” e “The Bourne Identity”.

A differenza dei precedenti qui è tutto preso dalla realtà e il regista e i due sceneggiatori, Jez Butterworth e John-Henry Butterworth, hanno fatto molte ricerche e parlato con un’infinità di persone per ottenere una veridicità la più possibile vicina ai fatti. I Wilson hanno collaborato, per quanto gli è stato concesso dalla CIA, visto che ci sono segreti che devono rimanere inviolati.

Valerie Plame è un agente segreto della CIA, ma agli occhi di familiari e amici è la moglie dell’ambasciatore in pensione Joe Wilson. Joe viene inviato dal governo degli Stati Uniti nel Niger, per confermare i rapporti che parlano di un grande acquisto di uranio, da parte del governo iracheno. Ciò che scopre è che queste voci sono infondate.
Il governo statunitense decide di ignorare la sua scoperta. L’uomo indignato per questa decisione, scrive un articolo sul New York Times esponendo le sue conclusioni. Qualcuno dall’alto dà in pasto ai giornalisti la vera identità di Valerie, che si vede costretta a difendersi da chiunque. Questo sarà l’inizio di un calvario, che porterà Valerie a rischiare la carriera e il suo matrimonio.
Doug Liman in “Fair Game” dà risalto alle reazioni dei due coniugi di fronte alla campagna ordita ai loro danni. Joe e Valerie agiscono in maniera differente, e questo li porta a non condividere ciò che fa l’altro. Joe risponde con vivacità, rilascia interviste per raccontare la verità. Valerie, che ha vissuto nell’ombra, non vuole che la sua vita sia data in pasto al mondo e vorrebbe che il marito non fosse così attivo, almeno così la pensa all’inizio.

Sceneggiatori e regista hanno voluto realizzare una storia nella quale il privato ha un ruolo predominante rispetto al politico.
La politica e i giochi di potere sono l’ambiente in cui si sviluppa la storia di due vite straordinarie, ma non sono il tema centrale. L’intento è stato quello di dare forma a un ritratto emozionale di due persone coraggiose, tenaci e che lottano per salvare le loro vite e il loro matrimonio, da qualcuno che li vuole annientare proprio emotivamente.
Il punto debole di ognuno è il lato emotivo, gli affetti, se si fa terra bruciata di questi intorno a un individuo, c’è la concreta possibilità che questi si lasci andare e rinunci alla lotta. Questo non accade a Joe e Valerie, che con fatica riescono a trovare la forza l’uno nell’altra, dopo un momento iniziale di cedimento da parte della donna. Il film mostra due persone che non hanno avuto paura di parlare davanti a un abuso.
Doug Liman ha dichiarato che Joe e Valerie sono i veri Mr. & Mrs. Smith, della sua pellicola precedente.

Liman sottolinea la forza di una donna, che per 18 anni ha lavorato per il governo in un ruolo di responsabilità, senza poterne parlare a nessuno, che ha superato prove molto dure e meglio di molti altri. Poi, però, c’è un momento in ognuno di cedimento, l’animo di Valerie vacilla tutto d’un colpo, ma si riprende.
Per ciò che riguarda la scelta dei due attori principali, Liman ha pensato di far leggere la sceneggiatura a Naomi Watts, che ha accettato, e a sua volta ha proposto Sean Penn nel ruolo di Joe. Entrambi hanno saputo incarnare perfettamente i Wilson.
Sean Penn, ad ogni nuovo ruolo, mostra la sua padronanza emotiva, il saper catturare in pieno la profondità del personaggio.
Per rimanere il più fedeli possibili ai luoghi in cui si sviluppa la storia, la troupe si è recata in Giordania, al Cairo e in Iraq.
Fair Game ha una partenza un po’ lenta. Man mano, che il racconto procede, il ritmo si accende.
La seconda parte ha uno sprint emotivo che scuote lo spettatore, che si ritrova da disorientato a partecipe delle vite dei due protagonisti.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere