Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Fury PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
giovedì 11 giugno 2015

Titolo: Fury
Titolo originale: Fury
USA 2014 Regia di: David Ayer Genere: Azione Durata: 134'
Interpreti: Brad Pitt, Scott Eastwood, Logan Lerman, Shia LaBeouf, Jon Bernthal, Michael Peña, Jonathan Bailey, Jim Parrack, Eugenia Kuzmina, Brad William Henke, Branko Tomovic, Anamaria Marinca, Christina Ulfsparre
Sito web ufficiale: www.furymovie.tumblr.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 02/06/2015
Voto: 7,5
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Notevole
Scarica il Pressbook del film
Fury su Facebook

fury_1_leggero.pngIn questo inizio d’estate torrido e con le solite uscite nelle sale che sembrano vecchi saldi di fine stagione, ecco comparire un bel film di guerra, scritto e diretto bene, recitato da attori convincenti ( Brad Pitt, Shia LaBeouf, Logan Lerman, Michael Peña, Jon Bernthal ), con una bella fotografia ( Roman Vasyanov ) e per fortuna senza effetti speciali e ritmi da videogioco.

Una regia solida che ricorda certi film del mitico Samuel Fuller; un film forte, secco, costruito in maniera originale e classica. Senza lunghezze o prolissità. Senza manierismi o ricerca di psicologismi da quattro soldi.
Ci ricorda in parte il bel film Lebanon, in quel caso la guerra era vista unicamente dall’interno di un carrarmato, in questo caso la storia è solo in parte all’interno della balena calda, puzzolente e dall’odore di morte.
Certo ci sono un paio di passaggi non proprio all’altezza ( La ragazza vergine tedesca che si accoppia subito con il bravo soldato americano, come se entrambi cercassero più che un rapporto sessuale un modo di allontanare l’orrore della guerra, è più abbozzato che altro; la scena finale da Grand Guignol in stile peckimpakiano è un po’ eccessiva in stile hollywoodiano ), ma il regista e sceneggiatore Ayer costruisce uno script solido, concreto e veritiero ( come nei film da lui scritti in precedenza U-571, Training Day e Tolleranza Zero ), muove la macchina da presa con discrezione, senza mai invadere il campo con inquadrature eccessive e fluorescenti e anche la morte che c’è dappertutto è raccontata senza compiacimenti o inquadrature ‘ morali ‘.

Ayer si rifà a quel cinema bellico americano Anni Cinquanta senza epicità e remissione dei peccati, arrabbiato e deciso, dove il nemico nazista – nonostante la coerenza da nemico – è la rappresentazione del Male assoluto. Per cui, i cinque nostri protagonisti, devono spazzare via dalla faccia della Terra quel cancro anche a condizione di perdere la vita senza troppi rimpianti. Le loro psicologie sono appena abbozzate ma noi non sentiamo la necessità di saperne di più e inoltre sono coerenti a se stessi come i soldati di Coppola che risalgono il Mekong in Apocalyps Now: c’è il sergente Don Wardaddy Collier ( un Brad Pitt contenuto e maturo ) che risulta un uomo indurito dall’orrore della guerra che ha già fatto su vari fronti, ma è anche equilibrato, umano e rispettato dl gruppetto; c’è Boyd Bible ( Shia La Boeuf, attore di successo che abbiamo visto l’anno scorso in Nymphomaniac volume I e II ) un uomo molto religioso che combatte per una missione; c’è Grady " Coon-Ass " ( il convincente Jon Beranthal che riesce a non strabordare ) il più cinico e selvaggio ai limiti dell’animalesco; poi c’è Trini " Gordo " ( Michael Peña ) il messicano che fa multietnicità americana e sostituisce il ‘ nero ‘ di turno; infine giunge per ultimo il quasi adolescente Norman Ellison ( Logan Lerman ), colui che è appena arrivato in guerra e in poco più di due giorni fa la sua educazione sentimentale attraverso la violenza e il dolore.

Siamo nell’ultimo mese di guerra, in una Germania stremata e devastata ma che vede i soldati tedeschi resistere tenacemente e insensatamente, al punto che non sembra quasi che la guerra stia per terminare, anzi sembrerebbe che potrebbe cambiare destino.
La strenua resistenza dell’esercito tedesco può avvenire perché è estrema e folle sino al punto che si serve di soldati poco più che bambini e soprattutto perché hanno dei panzer molto più robusti di quelli americani. Il nostro quintetto di soldati guidati da Don sono in missione dietro le linee nemiche, dentro un tank Sherman.
Hanno appena perso il loro tiratore e lo sostituiscono con un giovanissimo dattilografo, Norman Ellison, un soldato che non accetta la guerra e le sue regole feroci.
Don gli fa da padre e lo inizia alla guerra anche con modi decisi e violenti, gli altri lo prendono un po’ in giro ma i fondo sono protettivi con lui. Intorno c’è solo morte e distruzione, fango, sangue e impiccati.
E su questa linea del fronte sono rimasti pochi equipaggi di tank e devono avanzare contro il nemico a tutti i costi, provare a distruggere mezzi e il più possibile numero di carrarmati e di soldati avversari, ma quando restano da soli, i nostri 5 devono conquistare una posizione strategica che li vedrà scontrarsi contro trecento soldati tedeschi ben equipaggiati.
Potrebbero scappare, nascondersi e così avere altri giorni di vita, invece si trasformano in veri eroi e in una notte feroce e definitiva anche ultima linea armata che servirà in qualche modo a far volgere a termine la guerra…

Trailer



 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere