HOME arrow RECENSIONI FILM arrow Azione arrow Harsh Times - I giorni dell'odio
Sabato 23 Maggio 2015
Cinemalia Menù
HOME
ANTEPRIME GRATUITE
FILM GRATIS
RECENSIONI NOVITA'
RECENSIONI FILM
RECENSIONI DVD
I FILM CHE USCIRANNO
GLI INEDITI
CULT MOVIE SCI-FI
SORRIDI CON NOI
PROSSIMAMENTE
LUOGHI COMUNI
ARTICOLI CINEMA
CINEMA E CURIOSITA'
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI E CINEMA
COLLABORA CON NOI
CONTATTACI
STAFF
FEED RSS
NEWS & RUMORS
SERIE TV
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Newsletter Cinemalia
Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.
Ricevi HTML?
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
Harsh Times - I giorni dell'odio PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Federico Raponi   
mercoledì 06 giugno 2007

Harsh Times - I giorni dell'odio
USA: 2005. Regia di: David Ayer Genere: Azione Durata: 119'
Interpreti: Christian Bale, Freddy Rodríguez, Tammy Trull, Adriana Millan, Armando Cantina, Lora Chio, Kenneth Choi
Sito web:
Voto: 6,5
Recensione di: Federico Raponi

56.jpgUn uomo, una volta trasformato in macchina bellica, è senza scampo.
Jim è stato ranger, ha prestato servizio in Iraq partecipando ad azioni da "nessun prigioniero", di macelleria.
Dopo sei anni, il congedo con onore. Ma ora la notte è tormentato dagli incubi, vede sè stesso e la sua squadra in divisa militare e maschera da morte uccidere arabi senza pietà. Di giorno poi ha violente reazioni psicopatiche in cui perde completamente il controllo, e neanche l'amore per una giovane messicana da far entrare legalmente negli USA o l'amicizia fraterna di Mike nei bassifondi di Los Angeles dove vive riescono a salvarlo. "Harsh times" è stato scritto dieci anni fa da David Hayer (nel frattempo affermatosi come sceneggiatore, da ricordare per "Training day" e "Indagini sporche"), che se lo è tenuto per sé con l'intenzione di dirigere da solo. Per far ciò ha ipotecato la propria abitazione, preferendo lavorare in maniera indipendente e assicurarsi così il controllo completo sull'opera. La storia contiene reminescenze autobiografiche - questa è pure l'impressione che dà il modo di descrivere ambiente e personaggi - e il regista per rendere l'aspetto povero, sporco, realistico ha filmato in super 16mm (ottenendo perciò anche il doppio di materiale), "sottoesposto le immagini di due stop e mezzo, utilizzato luci al vapore di mercurio", girato in case vere e strade. Il tutto finalizzato e costruito intorno alla parte di Christian Bale, produttore esecutivo. Se l'inizio, sulle bravate a base di alcol, droga e donne è banale e noioso, in seguito si delinea il profondo vincolo tra i due amici e un senso di alterità ("Mike è cresciuto nel quartiere, conosce tutti i membri delle gang - dice Hayer - ma non è mai diventato uno di loro, un prodotto di questo ambiente"). E mentre il dramma si fa immanente, il racconto - assecondando la folle corsa autodistruttiva - prende continuamente nuove direzioni fino all'impatto finale.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_home_1.png twitter_home_1.png facebook_home_1.png SiteBook


dvdstore_banner.png


Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Box Office
Avengers: Age of Ultron
Adaline - L'eterna giovinezza
Mia madre
Fast & Furious 7
Se Dio vuole
Samba
Black Sea
Home - A Casa
La famiglia Bélier
Sarà il mio tipo?
I Blu-Ray di maggio
Exodus - Dei e re
The Imitation Game
St. Vincent
Storie pazzesche
Scusate se esisto!
These Final Hours
The Pact
American Sniper
Unbroken
Notte al museo - Il segreto del faraone
Clown
Il ricco, il povero e il maggiordomo
Ogni maledetto Natale
Scemo & + scemo 2
Cold in July - Freddo a luglio
Pride
Il nome del figlio
Cinquanta sfumature di grigio
Archivio per genere
Sondaggi
Il prezzo dei biglietti aumenta, cosa ne pensi?