HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow Hitman - L'assassino
Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Hitman - L'assassino PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 23
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 30 novembre 2007

Hitman - L'assassino
Titolo originale: Hitman
USA, Francia: 2007. Regia di: Xavier Gens Genere: Azione Durata: 100'
Interpreti: Timothy Olyphant, Dougray Scott, Olga Kurylenko, Robert Knepper, Ulrich Thomsen, Henry Ian Cusick, Michael Offei
Sito web: www.hitmanmovie.com
Nelle sale dal: 07/12/2007
Voto: 6
Recensione di: Nicola Picchi

hitman_leggero.jpgSecondo film di Xavier Gens, dopo l’horror “Frontiere(s)” che ha riscosso molti consensi sia a Toronto che a Sitges, “Hitman” è al momento l’ultimo tra i personaggi videoludici ad essere stato trasferito su grande schermo.
Il killer il cui unico nome è 47, calvo e con tanto di codice a barre tatuato sulla nuca, viene infatti dalla fortunata saga della Eidos che lo vede protagonista, ormai giunta al quarto capitolo (Hitman: Blood Money). Il gioco originale lasciava il giocatore libero di scegliere come affrontare le missioni che gli venivano proposte, con un approccio stealth e più ragionato oppure con uno da sparatutto, più radicalmente votato al massacro. Inutile dire che il 47 cinematografico preferisce optare per la seconda soluzione, molto più coreografica ed anche più gratificante per lo spettatore. Il primo e più spinoso problema che devono affrontare le trasposizioni dai videogiochi è quello di imbastire una sceneggiatura decente o almeno credibile, senza tradire il personaggio originario. Skip Woods (già sceneggiatore dell’inutile “Codice: Swordfish”) ci svela nel prologo l’esistenza di una misteriosa Organizzazione, che alleva orfani di tutte le nazionalità allo scopo di farli diventare dei killer professionisti, spietati e privi di emozioni. L’Agente 47, inviato in Russia per uccidere il Presidente Belicoff, si troverà invischiato in una rete di tradimenti e cambi di fronte, e finirà per ritrovarsi braccato anche dalla sua stessa organizzazione. Il plot è abbastanza tradizionale e non riserva grosse sorprese né stravolgimenti particolarmente audaci, con i consueti cambi di set a cui ci ha abituato il genere, in questo caso la Nigeria, Londra, Mosca, Istanbul e San Pietroburgo, perfidi doppiogiochisti, chirurgie plastiche truffaldine e conflitti tra Interpol, CIA e servizi segreti russi. E’ abbastanza visibile l’influenza di Luc Besson, che coproduce con la sua EuroCorp, non solo per quanto riguarda l’Organizzazione che addestra killer perfetti quanto letali (Nikita), ma anche per il rapporto tra l’Agente 47 e Nika, una prostituta tenuta pressochè in schiavitù dal cattivissimo fratello di Belicoff, che riecheggia quello tra Jean Reno e Natalie Portman in “Léon”, pur con tutti gli aggiornamenti seduttivi del caso.
Gens rispetta pienamente la consolidata iconografia del personaggio, abito nero, camicia bianca e cravatta rossa, e clona persino il design molto cool delle sue pistole ed il portatile che gli invia le informazioni, ma non riesce ad infondergli quell’alito di vita che avrebbe fatto la differenza, nonostante la buona prova di Timothy Olyphant (l’antagonista di Bruce Willis in “Live Free or Die Hard”) che cerca di donare al suo personaggio un pizzico di humour e di umanità.

Non mancano le strizzatine d’occhio autoreferenziali agli appassionati della serie dato che alcune inquadrature, come quelle in terza persona nell’albergo con la camera alle spalle dell’Agente 47, mimano quelle del videogioco, ed in una scena Olyphant sorprende due ragazzi che stanno giocando a Hitman. Dalla serie della Eidos discendono anche alcune ambientazioni, come la stazione ferroviaria e la chiesa a San Pietroburgo, ed in molti punti la fotografia di Laurent Barès insegue l’effetto di rendering fotorealistico dei filmati in CGI che intervallano le varie missioni, mentre nei momenti più squisitamente action entra in scena lo slow motion (o meglio, il bullet time di “Max Payne”) che comunque fa molto videogame.
La regia di Gens è sorprendentemente lontana dal parossismo delirante ma spassoso di molti suoi colleghi francesi (Kounen, Renoh, Siri, Gans), che mixano un po’ a casaccio l’action deviante di Hong Kong con quello testosteronico di Hollywood. Oltre a non risparmiare temibili bordate di kitsch allo spettatore (vedi l’uso dell’”Ave Maria” di Schubert), risulta anche troppo controllata e sui generis, persino in scene promettenti come quella del combattimento all’arma bianca in metropolitana tra l’Agente 47 e quattro killer dell’Organizzazione, tutti rigorosamente calvi e con il codice a barre. Alcuni recensori americani, esagerando, hanno bollato il film come Eurotrash.
In realtà “Hitman” non è una delle peggiori trasposizioni videoludiche degli ultimi tempi, ed è senz’altro superiore ad obbrobri come “Resident evil: Extinction”, “House of dead” o “Doom”, anche se l’ombra del “game over” è sempre dietro l’angolo.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere