HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow Il Cavaliere Oscuro
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Il Cavaliere Oscuro PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 8
ScarsoOttimo 
Scritto da Cosimo Grieco   
giovedì 24 luglio 2008

Il Cavaliere Oscuro
Titolo originale: The Dark Knight
USA: 2008 Regia di: Christopher Nolan Genere: Azione Durata: 152'
Interpreti: Christian Bale, Heath Ledger, Gary Oldman,Michael Caine, Morgan Freeman, Maggie Gyllenhaal, Aaron Eckhart, Eric Roberts
Sito web: www.thedarkknight.warnerbros.com
Nelle sale dal: 23/07/2008
Voto: 9
Trailer
Recensione di: Cosimo Grieco

ilcavaliereoscuro_leggero.jpegBello, intricato, frenetico, cinico, profondo e avvincente.
Possiamo riassumere in questo modo il Cavaliere Oscuro.
Chi scrive è un appassionato dei fumetti di Batman che si sta sforzando di dare un parere possibilmente distaccato, ma sin dall’azione pura e ben concertata dei primi minuti si capisce di trovarsi di fronte ad un film superiore.
Non solo superiore alle altre pellicole supereroistiche (a mio parere un’offesa accostare questo film al genere) ma che può essere messo a paragoni con i grandi polizieschi o gangster-movie del passato (non a caso non mancano le citazioni/ammiccamenti al Padrino parte II o a Heat la sfida).
I fratelli Nolan hanno fatto un lavoro eccezionale prima di tutto nella costruzione della storia. Era da tanto tempo che non veniva realizzata una pellicola che tratti il tema della criminalità in tutte le sue sfaccettature: i piani ben architettati, la corruzione, la violenza gratuita e l’anarchia. La trama non è assolutamente facile da seguire, anche perché il film scorre velocemente e sono troppi gli avvenimenti che vengono proposti allo spettatore.
Il tutto è condito da dialoghi mai scontati, quasi poetici e numerosissimi colpi di scena che solo Nolan attualmente ci sa dare.
La regia è di mestiere e mai scontata. Ci sono molte spettacolari inquadrature aeree e l’azione è ben strutturata; questa volta, a differenza del primo Batman Begins, c’è poca telecamera a spalla e le scene di combattimento sono meno fastidiose e quindi più facili da seguire. Nolan, inoltre, cede poco alla computer grafica, regalandoci inseguimenti e scazzottate genuine, come si vedevano una volta.
Ma oltre alla storia e ai dialoghi c’è di più, molto di più.
C’è il ricco cast che dà il meglio di se stesso.
Tutti, ma proprio tutti gli attori ci regalano delle interpretazioni avvincenti.
Abbastanza scontatamente, la nota di merito va al compianto Heath Ledger.
Il suo Joker racchiude tutta la magia del Cavaliere Oscuro; è dai tempi del famoso Tony Montana di Al Pacino che non si vede un così maledettamente sopra le righe e ottimamente interpretato.
Il Joker è pazzo, imprevedibile e cattivo. Le sue trovate malate mettono a soqquadro Gotham City e la gettano nell’anarchia totale; il carisma di questo personaggio sta nel fatto che non ha un arco evolutivo all’interno della storia, non sapremo mai nulla sulla sua identità e sulla causa delle orribili cicatrici che presenta sul volto che lui copre con un trucco da clown, si vede già dopo pochi minuti e subito sconvolge e diverte il pubblico in sala, e nelle scene in cui non si vede ci si chiede quando comparirà e che cosa sconvolgerà nella trama.
Complice del successo del personaggio di Joker della versione italiana è il bravo Adriano Giannini, che si cala perfettamente nel personaggio e regge a tutti i cambi di voce che Ledger ha realizzato per rendere ancora più colorito il suo Joker. Curioso il fatto che ogni tanto pareva di sentire il vecchio Joker di Jack Nicholson, dato che il tono di voce di Adriano Giannini diventa in alcuni tratti simile a quello di suo padre, che prestò la voce allo stesso personaggio (solo teoricamente lo stesso) nel film di Tim Burton.

Christian Bale, purtroppo non può reggere il carisma di Joker, e quindi a lui spetta l’ingrato compito di interpretare il protagonista che però rimane sullo sfondo per esigenze di copione.
Eppure, mi viene da ricordare che quelle di Batman e di Joker non devono essere delle interpretazioni da considerare singolarmente, ma sono da considerarsi un tutt’uno.
I due attori sono stati bravissimi a rappresentare la dualità che esiste tra i due personaggi, che è il tema ricorrente del fumetto. Batman e Joker sono acerrimi nemici ma tra i due esiste un legame profondo: uno rappresenta il bene e l’altro il male, uno completa l’altro.
In ogni caso, questo il parare di un appassionato fan del fumetto, Bale rimane il Bruce Wayne/Batman più bravo e azzeccato della storia del cinema.
Per il resto gli attori sono tutti al loro posto e Michael Caine, che nel film interpreta il saggio e sarcastico maggiordomo Alfred, nonostante il poco spazio a sua disposizione ci delizia con i suoi dialoghi profondi, quelli menzionati pocanzi che danno spessore al film.
Aaron Eckhart nei panni del coraggioso procuratore Harvey Dent è carismatico e decisamente nella parte.
Un po’ fuori luogo invece la sua trasformazione nel criminale Due Facce, complice della sceneggiatura che cala di tono (e forse un po’ di qualità) nella parte centrale/finale del film.

Dopo aver elogiato così tanto un film è brutto parlare dei suoi difetti solo alla fine, ma il suddetto calo di tono rappresenta uno dei pochissimi aspetti negativi del film.
Un calo di tono che non peggiora assolutamente la suspance e la spettacolarità delle scene, ma contamina il taglio realistico che Nolan ha voluto dare alla serie. Ho il sospetto che questo sia stato voluto dalla casa di produzione che non dimentica che Batman è un film che dovrebbe essere visto anche dal pubblico più giovane che deve comprare le bombole del film. Così si iniziano a vedere le solite inquadrature in computer grafica e Batman non solo deve sfoggiare la sua moto con acrobazie che non tengono contro della forza di gravità, ma deve avere delle attrezzature così tecnologicamente avanzate da sembrare inverosimili.
L’incidente di Dent deve trasformare un integerrimo politico in un supercriminale furioso nel giro di pochi minuti, per portare il nostro eroe ad un finale un po’ telefonato ma pur sempre in linea con lo spirito del film e con la sua visione pessimista riguardo alla criminalità a alla corruzione.
Tuttavia questi lati negativi sono una piccolissima parte delle 2 ore e trenta minuti del film, che a fine proiezione lasciano lo spettatore consapevole di aver visto un gran film, come pochi se ne vedono ultimamente. I record d’incassi che il film sta realizzando sono assolutamente meritati.
Spero vivamente che questo non renda il film un prodotto esclusivamente commerciale anziché una pellicola avvincente e, perché no, raffinata. Il cavaliere oscuro merita di rimanere nella storia come un cult se non altro per storia (anche un po’ stravolta rispetto al fumetto), regia e interpretazioni.
Sperando che alla prossima notte degli Oscar il nostro eroe mascherato riesca a rubare almeno una statuetta…

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere