Domenica 7 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Immortals PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Marco Fiorillo & Pier Lorenzo Pisano   
lunedì 14 novembre 2011

Immortals
Titolo originale: Immortals
USA: 2011. Regia di: Tarsem Singh Genere: Azione Durata: 110'
Interpreti: Henry Cavill, Stephen Dorff, Luke Evans, Mickey Rourke, Freida Pinto, John Hurt, Kellan Lutz, Isabel Lucas, Robert Maillet, Alan Van Sprang, Joseph Morgan, Corey Sevier, Steve Byers, Romano Orzari, James A. Woods, Daniel Sharman, Robert Naylor, Mercedes Leggett, Gage Munroe, Carlo Mestroni, Aron Tomori, Neil Napier
Sito web ufficiale: www.immortalsmovie.com
Sito web italiano: www.immortals.it
Nelle sale dal: 21/10/2011
Voto: 4
Trailer
Recensione di: Marco Fiorillo & Pier Lorenzo Pisano
L'aggettivo ideale: Ridicolo
Scarica il Pressbook del film
Immortals su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

immortals_leggero.pngIl crudele sovrano Iperione (Mickey Rourke) è alla ricerca di un’arma mitica, un arco forgiato da Eracle (Steve Byers) che possa utilizzare per liberare i Titani dalla prigionia nel Monte Tartaro e guidarli contro Zeus (Luke Evans) e gli Olimpi.
L’unica speranza degli elleni è riposta in un bastardo di nascita, Teseo (Henry Cavill), prescelto fin dalla fanciullezza dallo stesso Zeus, nei panni di un vecchio precettore (John Hurt), per condurre l’offensiva contro Iperione. Accompagnato dal bellissimo oracolo Fedra (Freida Pinto), Teseo si batterà per gi umani e per gli Dei.

Ennesima scomposizione del mito in chiave prettamente estetica, “Immortals” è il tragico terzo lungometraggio firmato Tarsem Singh. Il regista statunitense parte da un idea semplice e di tendenza che potrebbe essere alla base di un modesto blockbuster senza pretese, se non fosse che in corso d’opera non gliene riesca una buona.

Soggetto ad una rilettura a tratti ridicola, l’intero patrimonio cultuale greco viene stravolto: così Teseo, eroe fondatore alla stregua di Eracle, viene trasformato in un “indesiderato” schernito dai suoi stessi compatrioti, quando può vantare la paternità di Poseidone, mentre Iperione, uno dei Dodici Tiranni, diviene un comune mortale, neanche poi così comune considerate le turbe che gli vengono associate; l’Oracolo non ci pensa su due volte prima di perdere il dono della divinazione, giacendo con l’eroe Teseo, e gli Olimpi così come i troppi Titani (numericamente parlando) vengono rappresentati come giovani con armature d’oro, gli uni, come zombie privi di ragione, gli altri. A salvarsi è solo l’interessante rivisitazione del mito del Minotauro.
Se comunque un veto sulle scelte riproduttive sia discutibile trattandosi di un’opera a sé, è problematico valutare positivamente tutto il resto. Al di là della perfetta resa di costumi ed ambientazione, senza considerare il piacere estetico della realizzazione in 3D, Singh tenta di mettere in piedi un’opera “modaiola”, finendo per attingere da varie fonti, inserendo poche e spiacevoli idee originali.

Prende l’odio per gli Dei dell’Achille di Brad Pitt ed i combattimenti di “300”, ci mette insieme personaggi dalla scarsissima profondità, dialoghi imbarazzanti ed una storia a tratti macchinosa, giustificando il tutto adducendo come uno scopo il piacere per gli occhi: “Volevo realizzare quello che definirei una “storia a dipinti”- ammette lo stesso Singh, che continua- “Utilizzare delle immagini in sequenza si fa nelle gallerie d’arte e di solito non si vede del movimento”.
Certo più della resta estetica non ci si poteva aspettare, considerando che la sceneggiatura è stata consegnata un giorno prima dell’inizio delle riprese dopo la pressione che i produttori Gianni Nunnari e Mark Canton hanno esercitato sui due fratelli Parlapanides, sceneggiatori di origine greca, desiderosi di battere sul tempo l’uscita del nuovo lungometraggio del rivale di sempre, Zack Sneyder. Se si aggiunge che Singh si presentava a registrazione con una cartellina contenente le opere di Caravaggio, si capisca quanto “Immortals” sia lontano dal Cinema.

Oltre Mickey Rourke, sempre credibile nei panni del cattivo, il trio protagonista è concluso da Henry Hill, scritturato proprio da Sneyder per vestire i panni dell’Uomo d’Acciaio, Superman, nel reebot di prossima uscita, e da Freida Pinto, resa celebra dall’interpretazione nel successo internazionale “The Millionaire”. Intorno a loro si muove il panorama ellenico, in cui spiccano le due versioni i Zeus: il caratterista anglosassone John Hurt, famoso per i suoi lavori teatrali, ne interpreta le senili sembianze mentre la sua potenza divina è affidata a Luke Evans, già partecipe a produzione di genere e prossimamente nelle sale nel lungometraggi tolkeniano “Lo Hobbit”.

3D e niente più, ecco cosa propone Singh con “Immortals”. Signore e Signori, ecco a voi il trionfo del Cinema moderno.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere