Lunedì 8 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
In Bruges - La coscienza dell'assassino PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea D'Addio   
venerdì 16 maggio 2008

In Bruges - La coscienza dell'assassino
Titolo originale: In Bruges
Regno Unito, Belgio: 2008. Regia di: McDonagh Genere: Azione Durata: 107'
Interpreti: Colin Farrell, Brendan Gleeson, Ralph Fiennes, Elizabeth Berrington, Rudy Blomme, Olivier Bonjour, Mark Donovan, Eric Godon
Sito web: www.filminfocus.com/focus-movies/in-bruges
Nelle sale dal: 16/05/2008
Voto: 7
Recensione di: Andrea D'Addio

inbruges_leggero.jpeg Dopo aver vinto l’Oscar nel 2006 con il cortometraggio “Six Shooter”, al regista e sceneggiatore inglese Martin McDonagh è stata offerta la grande opportunità del lungometraggio. Dal premiato lavoro si è portato dietro l’attore Brendan Gleeson e ha poi completato il cast con due attori di primo ordine: il compatriota Ralph Fiennes e l’irlandese Colin Farrell. Chiara la matrice europea del prodotto, sottolineata dall’ambientazione, che come potrete ben intuire dal titolo è Bruges.
E’ lì infatti che i due sicari Farrell e Gleeson vengono mandati dal committente Fiennes a nascondersi dopo aver eseguito, non senza complicazioni, un omicidio. Chiaro che tutto non andrà come previsto e quello che sembrava, apparentemente, un soggiorno tranquillo in attesa che al di là della Manica si siano calmate le acque, si trasformerà in qualcos’altro.
Richiamando l’ironia beffarda dei Coen e quella più pulp di Tarantino, Kevin McDonagh riesce a realizzare un film avvincente e al contempo divertente. Il primo merito va dato alla sceneggiatura: le battute si rincorrono senza soluzione di sosta (sembra, per chi lo conosce, un film scritto da Shane Black), non c’è nessun passaggio narrativo, anche minuscolo e sul momento illusoriamente insignificante, che poi non verrà ripreso per dipanare la sceneggiatura (si pensi alle monetine tenute nella tasca), ma soprattutto c’è la grande capacità di giocare con gli stereotipi del film noir e d’azione senza diventare demenziale, ma riuscendo anche a lasciare anche un fondo di malinconia al tutto.
La regia segue quanto già scritto riuscendo a ben enfatizzare i momenti comici e dando quella giusta connotazione di città misteriosa e affascinante, ma anche (alla lunga) noiosa, alla bella Bruges, protagonista della pellicola tanto quanto il cast. Allo stesso modo, ben curati sono i dettagli anche concettuali della storia (ad esempio, quando, dall’alto della torre, Ken fa finta con le dita di sparare a Ray si anticipa un tema che si svelerà, anche al personaggio stesso, solo successivamente), e grande attenzione vi è anche per non cadere nei soliti luoghi comuni e bloopers in cui cascano tante storie poliziesche (vedere Ralph Fiennes mettere dritta la mappa di Bruges è un momento di cinema straordinario).
Ottima anche la direzione degli attori, tutti capaci di entrare in sintonia con il tono di un film che si prepara a diventare piccolo cult.

 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere