Mercoledì 17 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Le belve PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
domenica 05 agosto 2012

Titolo: Le belve
Titolo originale: Savages
U.S.A.: 2012. Regia di: Oliver Stone Genere: Azione Durata: 131'
Interpreti: Blake Lively, John Travolta, Aaron Johnson, Salma Hayek, Emile Hirsch, Benicio Del Toro, Taylor Kitsch, Joel David Moore, Mia Maestro, Demiàn Bichir
Sito web ufficiale: www.savagesfilm.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 25/10/2012
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Stoniano
Scarica il Pressbook del film
Le belve su Facebook

lebelve_leggero.pngSuona un po' con le corde della sua sceneggiatura per lo "Scarface" dell' 83,la pagina di Oliver Stone sullo smercio della Marijuana in California,altra avventura su una società malata di cui il cinema si nutre da sempre,con le dovute desinenze declinate alle sue epoche,per offrire dramma,denuncia e tragedia sul palcoscenico dell'uomo.
Come regista,Stone ha sempre scoperto il fianco alle sue pulsioni di mettere in scena lati oscuri,sregolatezze e depravazioni di una componente sociopolitica disfunzionale e moralmente emarginata e in "Savages" Stone coniuga sè stesso in una pellicola tortuosa e provocatoria,richiamando i canoni cardinali della sua attitudine alla visualità,ma senza ricavare l'energia aspettata dal talento professionale che ha dato forma alla sua attività di moviemaker.

Il film si apre con la narrazione fuoricampo di una donna,O (per Ofelia),che afferma che solo per il fatto che sta raccontando qualcosa,non significa necessariamente che alla fine della storia sia ancora viva. O (Blake Lively) vive in California con Chon (Taylor Kitsch),veterano delle guerre in Iraq e Afghanistan e Ben (Aaron Johnson) brillante e ispirato botanico.
Chon e Ben condividono in O la stessa compagna e sono entrambi da lei amati,pur restando fra loro in perfetta armonia. Il terzetto gode inoltre di una perfetta salute economica,poichè Chon aveva a suo tempo importato dal Medio Oriente un'ottima semente di Marijuana,fatta crescere con cura e attenzione una volta arrivato in California e messa sul mercato a prezzi incredibilmente alti,ma comunque pagati ben volentieri per la qualità della pianta.
Le cose cominciano a guastarsi quando attraverso un video che mostra in rete una serie di teste mozzate,il gruppo riceve da un cartello messicano il forte invito ad unire all'organizzazione la loro attività. Capo del cartello è Elena (Salma Hayek) disinibita e risoluta donna che vuole espandere i propri affari oltre il confine. Al suo finaco lavora Lado,(Benicio Del Toro) assistente e operatore di morte senza troppi pensieri.
Tra le due realtà si muove Dennis (John Travolta),corrotto agente della DEA,interessato a tessere affari con le due parti per il massimo profitto se ne possa trarre.
Di fronte al rifiuto dei tre compagni,Elena fa rapire O,ma a sua volta al capo del cartello viene portata via la figlia. Il labirinto di situazioni che segue è il solido intreccio di ultimatum,condizioni e accordi che si contrarrà in un doppio finale,di cui uno solo sarà quello vero.

Stone imposta la sceneggiatura di "Savages",scritta in collaborazione con Shane Salerno e Don Winslow,autore dell'omonimo romanzo,sulle basi di una genuina analisi di un menàge à trois in perfetto equilibrio stabile,creando un meccanismo che dà corpo al film nel rapporto fra il nucleo alternativo ,la corruzione delle forze dell'ordine e la dimensione guasta con cui il gruppo entra in contatto. Con un rubato forse eccessivo,il regista pone l'accento sul proposito di moralità, chiamando un'etica perduta fra vizi e brutalità,in un gioco ossessivo fra la danza della violenza negli ambienti della droga e l'aspirazione al riscatto,chiuso nelle profondità delle scelte dell'uomo.
La prepotenza,il sangue,l'abuso,tagliati a vivo dalla regia secca e affilata di Stone,fanno da contraltare ai lineamenti interiori dei protagonisti,tratteggiati con il disegno sottile delle complessità che agitano ogni animo. Il modo in cui il regista e Don Mindel catturano la fotografia delle spiagge della California meridionale è la provvida cornice a giorno alla ferocia che permea la storia e getta occhiate di luce su sabbie bianche lambite dal mare cobalto quasi a reclamare un diritto alla vita sulle ombre inferme della seduzione dell'onnipotenza.
Questo contrasto fa da sfondo a tutto il film,dove in soluzione di continuità sfilano i contorni di figure riprese dalle diverse angolazioni del loro patrimonio caratteriale,quasi Stone tenesse a rifiutarne la definizione assoluta. Basti guardare la relazione che si genera fra O e Elena,o il rapporto fra Ben e Chon per quanto riguarda la comune compagna,la leggerezza dei loro pensieri e insieme la fortezza delle loro decisioni.

E' perfino accessibile alla lettura la spietatezza di Lado,nel quale è possibile intravedere spunti di sensibilità inaspettata.
Molto del fascino di "Savages" risiede nel modo in cui Stone tesse il racconto dei negoziati,fitti e serrati in argomenti chiave e dettagli destinati a tradurre i pensieri dei protagonisti nei confronti delle rispettive controparti.
I 130 minuti di pellicola hanno il gusto fluido di una composizione caleidoscopica e articolata di elementi raccolti dal regista e cuciti in sottili sottotrame nel tessuto di una storia di pensosa attualità,imbastita in un racconto forse troppo saturo di spunti e segnali,come in un intreccio narrativo svilito dall'eccesso di suggerimenti e curve psicologiche.
Nonostante l'evidente inciampo in inopportuni clichès, "Savages" è una storia forte di vizi e armonie dipinta nei colori intensi di un regista che fa del suo lavoro una citazione alla sua talentuosità controversa e pungente,qui non giunta alla pienezza della sua reale versatilità,ma comunque viva espressione di un'energia figurativa tornata a dar vita al suo cinema dopo la struttura delle memorie ("W","World Trade Center","Alexander") e la debacle finanziaria ("Il denaro non dorme mai"). Stone ricorre in appello alle pari opportunità per fare luce sulle storie di uomini mai tutti buoni o del tutto malvagi e mai maschere uniformate al loro ruolo solo apparente.
E nell'epilogo,Stone accompagna le seconda opportunità con il sole di George Harrison che ritorna a splendere.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere