Giovedì 6 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
L'Immortale PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
martedì 30 novembre 2010

L'Immortale
Titolo originale: L'immortel
Francia: 2010. Regia di: Richard Berry Genere: Azione Durata: 115'
Interpreti: Jean Reno, Kad Mérad, Jean-Pierre Darroussin, Marina Foïs, Richard Berry, Joey Starr, Venantino Venantini, Joséphine Berry, Max Baissette de Malglaive, Lucie Phan, Laurent Casanova, Boris Baum, Cédric Appietto, Moussa Maaskri, Dominique Thomas, Denis Braccini, Fani Kolarova, Catherine Samie, Jessica Forde, Jean-Jérome Esposito, Martial Bezot, Luc Palun, Carlo Brandt, Daniel Lundh, Philippe Magnan, Gabriella Wright, Claude Gensac
Sito web ufficiale: www.limmortel-2010.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 05/11/2010
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Vendicativo
Scarica il Pressbook del film
L'Immortale su Facebook

L'immortaleIn "Io vi troverò",di Pierre Morelle sullo script di Luc Besson,Liam Neeson salva sua figlia caduta nella rete dei trafficanti di vite umane,consumando una violenta e metodica vendetta.
In "Giustizia privata",Gerard Butler pareggia il conto della sua famiglia massacrata perseguendo ed eliminando i responsabili con feroce determinazione.
In entrambi i film il comune denominatore è il riscatto del bene insostituibile della famiglia.ottenuto al prezzo di vite e sofferenze inflitte dai protagonisti a chi si è reso colpevole del crimine lesivo del fondamentale diritto umano all'esistenza.

Nell'ultimo decennio altri titoli hanno sviluppato sullo schermo il tema della vendetta,con maggiore o minore densità artistica - "Man on Fire", "Il Conte di Montecristo",con Caviezel,"Death Sentence" - e differenti prospettive - la saga dei Saw - ma l'intento primario dei lavori sembra essere sempre il richiamo ad un'etica tradita. Ne "L'immortale",pellicola ispirata all'omonimo romanzo di Franz-Olivier Giesbert,il regista Richard Berry narra la vicenda reale seppur amplificata,di Charly Mattei,un ex malavitoso con alle spalle un passato oscuro,intento a riprendersi la propria vita e chiudendo il lato buio della sua esistenza dietro la ricerca di un riscatto retto dalla normalità di una onesta vita famigliare.
Ma alcune condizioni non possono essere cancellate senza lasciare traccia e Charly cade nella trappola tesagli dai suoi ex colleghi che lo lasciano mezzo morto in un parcheggio con 22 proiettili in corpo.
Riuscito miracolosamente a sopravvivere all'attentato,l'uomo si riprende ed abbraccia la vendetta verso i suoi persecutori,dimenticando pietà ed amicizia.
"L'immortale" si classifica come un tradizionale polar francese che sintetizza i termini di rivincita ed onore in una società guasta e malata. Charly è un uomo che si chiude una porta alle spalle,ma questo intento non gli è sufficiente per affrancarlo da una condizione di cui resta prigioniero.

La violenza e il delitto si trasformano in fantasmi che lo aspettano nella forma del tradimento da parte di coloro che un tempo condividevano con lui ideali ed obiettivi,amici di sangue legati dalle promesse ora spezzate e disilluse.
Il film segue il suo fil rouge nei termini del dualismo onore/inganno,crimine e redenzione,in un palcoscenico di anarchia morale fra le condizioni di bene e male che innervano la società e le stesse strutture dell'Ordine,inerti di fronte alle posizioni da prendere davanti alla delinquenza eccellente.
Il naufragio della morale ed il conflitto fra onore e tradimento scandiscono il ritmo del racconto,violento ed ossessivo,con inevitabili cadute in una retorica contestualizzata e deprimente ("...il sangue versato non si asciuga mai...","...una volta che ci sei dentro non ne uscirai...","...cosa ci fai con l'onore,se sei morto...").
Il corollario al crimine giustificato si concretizza nell'uomo che incontra la morte della propria dignità e l'onore non è più che uno strumento pretestuale per reggere la finzione e nutrire la menzogna.
Il film tocca le corde dell'amicizia e del rispetto,temi periodici nei film sulle organizzazioni mafiose,ventilando gli aspetti della predestinazione esistenziale che innesta nell'uomo una realtà malvagia dalla quale non è possibile liberarsi e a cui non resta che assoggettarsi.

Il confronto finale alimenta l'eterno oscillare delle posizioni prospettiche,la soggettiva delle posizioni opposte qui riassunte ed incarnate dai due protagonisti nelle rispettive verità:il riscatto e la derisione della dimensione etica dell'uomo ("...uccidimi perchè ho perso e non per la tua morale...").
Richard Berry dirige questo film di ordinaria violenza,piuttosto ambizioso nelle aspirazioni e troppo fiorito di clichès di genere.
Jean Reno,come Steve Seagal,non muore,pur imbottito di piombo,ma rimane attore capace di regalare una recitazione convincente e persuasiva.
Il montaggio nervoso alla Guy Ritchie è mitigato dalla bella fotografia che reca dovuta giustizia a Marsiglia e al suo porto,ma non parimenti al film.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere