HOME arrow Recensioni film arrow Azione arrow Logan - The Wolverine
Sabato 16 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Logan - The Wolverine PDF Stampa E-mail
Scritto da Davide Sorghini   
domenica 19 febbraio 2017

Titolo: Logan - The Wolverine
Titolo originale: Logan
USA 2017 Regia di: James Mangold Genere: Azione Durata: 135'
Interpreti: Hugh Jackman, Patrick Stewart, Richard E. Grant, Boyd Holbrook, Stephen Merchant, Dafne Keen, Eriq La Salle, Elizabeth Rodriguez, Doris Morgado, Mark Ashworth, Julia Holt, Elise Neal, Dave Davis, Juan Gaspard, Lauren Gros
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 01/03/2017
Voto: 7,5
Recensione di: Davide Sorghini
L'aggettivo ideale: Potente
Scarica il Pressbook del film
Logan - The Wolverine su Facebook

logan_leggero.png2029. È un Logan invecchiato, ombra pallida di colui che fu Wolverine, quel personaggio che oramai vive solo nei sogni dei ragazzini che ne leggono le gesta a fumetti.
In questo futuro immaginato pochi sono i riferimenti ma la certezza è una: i mutanti sono scomparsi. O almeno, così pare. Logan e il Professor X vivono rintanati nel deserto, quest'ultimo addirittura dentro una sorta di cisterna, assumendo pillole per tenerne a bada i poteri. Hugh Jackman incarna la rassegnazione, il dolore di chi sa che non c'è più posto per lui, di chi è sopravvissuto a tutto e tutti tra coloro a cui teneva di più; una pesantezza che si avverte chiaramente dalle movenze del corpo, appesantito come non mai, Logan oramai non è che una carcassa.
Tutto il film di James Mangold rappresenta una staffetta, quel passaggio di testimone che conduce da un'epoca a un'altra, perché l'epilogo di una storia in fin dei conti segna sempre l'inizio di un'altra. La sua esistenza dedita per lo più a trascinarsi è però sul punto di cambiare: Gabriela (Elizabeth Rodriguez) è un'infermiera che cerca in tutti i modi di convincere Logan a farsi carico della piccola Laura, supplicandolo di condurla fino in Nord Dakota.
Malgrado di lavoro faccia l'autista, Wolverine non intende nemmeno prendere in considerazione l'idea, ma quando gli viene offerta una considerevole somma ci ripensa: con quei soldi lui e il professore potrebbero finalmente realizzare il loro sogno, ossia comprarsi una barca e vivere sull'oceano.

Di lì a poco si capisce che Laura non è una ragazzina come la stragrande maggioranza delle sue coetanee: in un centro di sperimentazione della Transigen vengono infatti allevati dei ragazzini mutanti, con l'intenzione di "addomesticarli", ossia farli diventare delle macchine da guerra al servizio del Paese o chi per lui.
Il percorso di Logan incrocia quello di questa nuova generazione di X-Men, generazione che non «non ha idea di come fosse il mondo un tempo» e che dovrà farsi strada da sé, senza maestri o tutori. Ma di certo c'è qualcosa che un attempato Wolverine può ancora fare, dev'esserci un modo in cui il suo contributo può e per certi versi "deve" rivelarsi determinante, come se in realtà quella fosse l'unica la ragione per cui è ancora in circolazione, il senso che aveva smarrito in questi anni di esilio forzato, non dal mondo ma da sé stesso.
Mangold non ci gira tanto intorno, prendendo alla lettera quanto Cicerone secoli or sono andava sostenendo, ossia che «non esiste peggior nemico di sé stessi»; infatti Logan è chiamato a questa lotta impari, prima con quella parte di sé che si sta lasciando morire, come ravvisa la piccola Laura ad un certo punto, poi con una sua copia/clone, più giovane, più in forze, ma sostanzialmente una scatola vuota.
La parabola di uno dei personaggi più iconici tra i comics non poteva che essere quintessenzialmente americana, una lotta in cui ad avere la meglio non può che essere quello dotato della volontà più ferrea. Mangold riesce a convogliare certe istanze sapendo di doversi al tempo stesso rivolgere ad un pubblico molto ampio, perciò questo dimenarsi dello spirito si manifesta in modo chiaro, accessibile, tanto che molto passa proprio dal corpo di Logan e da come va logorandosi sotto i nostri occhi.

Chi è l'eroe? Per anni abbiamo pensato si trattasse di colui che salva il mondo, o almeno una cospicua parte di esso, mentre altri, su altri fronti, ci hanno detto che l'eroe fosse l'uomo comune, quello che porta la pagnotta a casa e retorica cantando.
Logan sta a metà strada tra queste due possibili risposte, perché il suo di mondo oramai è andato perduto, non può più salvarlo. Cosa fare perciò quando per noi è troppo tardi? Quando il tempo ci è scivolato tra le dita e, come l'acqua di un ruscello, è andata per sempre? Trasmettere. Il concetto di tradizione sta tutto lì: nel trasmettere (dal latino tradere) tutto ciò che abbiamo acquisito, o almeno la porzione migliore, cosicché siano altri, quelli che vengono dopo di noi, a proseguire ciò che eravamo chiamati a compiere.
Non per niente il concetto di famiglia è centrale in Logan, verrebbe da dire strutturale, portante: una famiglia è tutto ciò che è mancato a Wolverine, quell'unico elemento capace di "normalizzare" persino un "anormale" come lui, come si vede in una scena che, nell'immaginario collettivo, rientra fra le due/tre americane per eccellenza: una famiglia dei sobborghi seduta a tavola che discute e sorride mentre mangia il più classico dei polpettoni con purè e fagiolino, emblema degli Stati Uniti che nel dopoguerra ha vissuto e promosso come nessun altro il proprio benessere economico, sinonimo, ça va sans dire, di felicità.

Il classicismo di Mangold però non è solo culturale ma più specificatamente cinematografico, con quegli echi à la Peckinpah che attraversano non solo le scene d'azione, truculente, incattivite, ma in generale il tono del film, a conti fatti un western distopico duro ma tutt'altro che avaro di sentimenti. Molto abile Mangold a farci vivere la prima parte del film completamente dalla parte dei mutanti senza praticamente mostrare alcunché: fino alla prima scena d'azione pura, infatti, viviamo il mondo in cui si muove Logan come una gabbia a cielo aperto, una strana sensazione che viene fatta filtrare attraverso quei canali che più attengono al cinema, ovvero l'atmosfera, i gesti, il non detto e finanche il non visto. Nella seconda parte, quando Logan deve necessariamente spostarsi su un altro livello, ecco, qualcosa in questi termini viene meno, sebbene tutto sia funzionale al rapporto tra lui e Laura, a questo punto centrale e perciò in primo piano.
Logan è un'anomalia, inaspettata, a suo modo meravigliosa, che "sconfessa" il cinecomic proprio perché oramai un genere a sé stante: se non lo fosse, un'operazione di questo tipo non attecchirebbe con uguale intensità. È come se tale fenomeno avesse abbandonato la chiassosa e spericolata adolescenza per avviarsi all'età adulta, non tanto per i temi trattati ma perché consapevole di dover dare ascolto ai «grandi», cioè a coloro che l'hanno preceduto. Un processo che si specchia nel rapporto tra Logan e Xavier, finalmente deboli, esposti come non mai, in altre parole umani. Il primo che si occupa del secondo amorevolmente, quantunque si becchino, mostrino insofferenza l'uno per l'altro, si producano in siparietti ora teneri ora comici. C'è qui l'ultima lezione che Logan deve apprendere, nonché l'unica che dovrà trasferire: l'arte di sacrificarsi.
Non dare la propria vita ma sé stesso, che è cosa ben diversa. Adesso si può (ri)cominciare.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere