Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Miami Vice PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Mario Corso   
domenica 21 gennaio 2007

Miami Vice
USA: 2005. Regia di: Michael Mann Genere: Azione Durata: 134'
Interpreti: Jamie Foxx, Colin Farrell, Gong Li, Naomie Harris, Ciarán Hinds, Justin Theroux, John Ortiz
Recensione di: Mario Corso

miamivice_us.jpg"Miami Vice" è stata una delle serie televisive più emblematiche degli anni '80. Ambientata in una città affascinante, solare e ricca di glamour, mostrava un sottobosco criminale fatto di traffici illeciti, omicidi e corruzione in un mondo dalla facciata impeccabile ma irrimediabilmente marcio. Venivano messe per la prima volta in evidenza le sottili implicazioni psicologiche del lavoro sotto copertura, della sua natura corruttrice e straniante, fino alla perdita della propria identità e del senso della propria missione. Questo nuovo "Miami Vice" si inserisce completamente in questo filone, anche se sviluppato forse in maniera ancora più cupa e disperata. In "Collateral" Michael Mann ci aveva mostrato una Los Angeles notturna e spettrale nella sua desolazione umana. La Miami di questo nuovo prodotto non è meno insolita, nella sua lontananza da spiagge, tramonti rosati tra palme e oceani cristallini. È una Miami oscura, terra di confine tra legalità e crimine organizzato e tra lingue e culture differenti. Protagonisti sono di nuovo i mitici Sonny Crockett e Ricardo Tubbs, interpretati rispettivamente da un Colin Farrell ancora più stazzonato rispetto al Don Johnson della serie originale e da Jamie Foxx, molto credibile nel suo ruolo, ma forse sottoutilizzato rispetto al suo partner irlandese. Per prepararsi adeguatamente al film i due attori hanno partecipato a diverse operazioni in incognito, rigorosamente simulate, sotto la supervisione di agenti della DEA (l'agenzia antidroga statunitense) e dell'FBI. Quello che viene messo in evidenza è come l'attività sottocopertura comporti un lavoro lungo, logorante ed estremamente pericoloso, sia fisicamente che psicologicamente. Sotto quest'ultimo punto di vista è quasi impossibile evitare coinvolgimenti dal punto di vista emotivo, con complicazioni dall'esito potenzialmente letale. Questi sono gli aspetti principalI presi in esame in Miami Vice, ma non sono sufficienti a fare di questo "remake" un film appassionante, forse proprio per un eccesso di approfondimento psicologico, accompagnato da una sceneggiatura priva di colpi di scena. Le vicende dei due agenti inoltre si svolgono troppo spesso in maniera parallela e speculare, e procedono stancamente durante le oltre due ore della durata del film verso un doppio finale largamente previsto ed annunciato. Nessuno ovviamente si aspettava un film d'azione "tradizionale" da Mann, ma si sente che in questo caso qualcosa manca.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere