HOME arrow Il Cinema Asiatico arrow Azione arrow Nowhere to hide
Mercoledì 13 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Nowhere to hide PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
domenica 09 marzo 2008

Nowhere to hide
Titolo originale: Nowhere to hide
Corea: 1999. Regia di: Myung-se Lee Genere: Azione Durata: 110'
Interpreti: Park Joong-hoon, Ahn Sung-ki, Jang Dong-gun, Choi Ji-wu, Shim Cheol-jong, Lee Won-jong, Do Yong-koo
Sito web:
In Italia in dvd
Voto: 5
Recensione di: Nicola Picchi

nowhere_to_hide_leggero.jpegPresentato al Samsung Korean Film Fest di Firenze durante la retrospettiva dedicata a Myung-se Lee, “Nowhere to hide” è anche l’unico dei suoi film ad essere stato distribuito in Italia, direttamente in DVD.
Dopo un omicidio, i detective Woo e Kim, si mettono sulle tracce di Chan Sung-min, il presunto killer. Comincia così una caccia che si snoda attraverso le quasi due ore del film, dove i due antagonisti giocano alternativamente le parti del gatto e del topo, fino alla prevedibile conclusione. Pur utilizzando una trama convenzionale ridotta ai minimi termini, Myung-se Lee scompagina le carte facendo implodere la narrazione e spezzandola in tanti piccoli frammenti autoconclusivi, con effetti discontinui ma interessanti, a patto che si sia disposti ad accontentarsi. Il regista ha dichiarato che “La storia e i personaggi non sono il punto principale del film. Il punto principale è il movimento.”, e si comporta, molto coerentemente, di conseguenza. “Nowhere to hide” è una rivisitazione dell’action-thriller affrontata con taglio aggressivo e parodistico, quasi fumettistico, e strutturata sull’esasperazione dei toni, più interessata a sperimentare con presunte bellurie, che appaiono già vertiginosamente sorpassate e ormai di modernariato, che non a dedicarsi all’approfondimento dei personaggi. Quella di Myung-se Lee è pura energia cinetica allo stato brado, che va sempre avanti a testa bassa senza chiedersi mai dove stia andando, utilizzando cambi di registro continui, sia musicali che di genere.
La colonna sonora spazia dai Bee Gees, la cui musica sottolinea l’omicidio iniziale, all’Heavy Metal al Trip Hop, mentre la costruzione delle sequenze contamina noir, western urbano e persino le vecchie comiche del cinema muto, senza tralasciare un umoristico sbeffeggiamento dei canoni nonchè qualche insospettabile cedimento ai luoghi comuni, sfruttati esclusivamente ai fini della riuscita estetica dell’immagine: la pioggia continua e martellante fa molto “noir”, mentre la neve scende a cascata nelle sequenze più malinconiche ed introspettive. L’estetica del frammento da videoclip regna sovrana, a scapito della totale assenza di pathos e della vacuità dei protagonisti, Woo e Sung-min, nonostante l’ottima prova di Park Joong-hoon nella parte del brutale detective Woo. Tale ablazione, volontaria ma non per questo meno deleteria sul piano dell’incisività, rende il film una prova ancora immatura, mutilata e barcollante, una superficie smaltata che riflette il vuoto.
Nonostante non si possano negare al regista una forte sensibilità pittorica ed una grande abilità nella costruzione dell’inquadratura, il tutto resta confinato nei limiti dell’esercizio di stile fine a se stesso intriso di autoindulgenza fino al midollo, che potrà forse piacere ad alcuni cinefili oltranzisti, che non si lasciano scoraggiare dall’abuso di freeze e di slow-motion reiterati fino all’estenuazione. Senza scomodare maestri del cinema coreano come Park Chan-wook o Kim Ki-duk, si potrebbe suggerire a Myung-se Lee di rivedersi con attenzione i film di Kim Jee-woon (“A tale of two sisters”, “A bittersweet life”), regista anch’esso molto attento all’estetica, ma che non permette mai che quest’ultima prenda il sopravvento, cannibalizzando l’opera nel suo complesso. Purtroppo gli stessi difetti di fondo si possono riscontrare anche nel successivo film di Myung-se Lee (“Duelist”), che solo con l’ultimissimo “M” sembra pervenuto a risultati più convincenti, anche se minati alla base dalla medesima inconsistenza di fondo.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere