HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow Ogni cosa è illuminata
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Ogni cosa è illuminata PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 11
ScarsoOttimo 
Scritto da Stefano Salinas   
mercoledì 23 giugno 2010

Ogni cosa è illuminata
Titolo originale: Everything Is Illuminated
USA: 2005. Regia di: Liev Schreiber Genere: Azione Durata: 105'
Interpreti: Elijah Wood, Boris Leskin, Eugene Hutz, Laryssa Lauret, Jonathan Safran Foer, Jana Hrabetova, Stephen Samudovsky, Ljubomir Dezera, Oleksandr Choroshko, Gil Kazimirov, Zuzana Hodkova, Mikki, Mouse, Robert Chytil, Jaroslava Sochova, Sergei Ryabtsev
Sito web:
www.warnerbros.it/everythingisilluminated
Nelle sale dal: 11/11/2005
Voto: 6,5
Trailer 
Recensione di: Stefano Salinas
L'aggettivo ideale: Singolare
Scarica il Pressbook del film
Ogni cosa è illuminata su Facebook

Ogni cosa illuminataTrattasi di una storia che vede come protagonista Jonathan Safran Foer interpretato da ELIJAH WOOD , un adolescente ebreo americano dalle discendenze ucraine, che torna nel suo paese di origine e viene accolto (in modo abbastanza folcloristico) da un ragazzo del posto, di Odessa per la precisione, Alexander Perchov - HEUGENE HUTZ – il quale lo guiderà insieme al suo burbero nonno - BORIS LESKIN - al misterioso posto che l’americano vuole raggiungere, attraversando vaste zone rurali dell’Ucraina.

Una pellicola da immortalare nella propria mente per il bagaglio di riflessioni che lascia, sia sui temi del nazismo e dell’antisemitismo, sia sui i comportamenti di alcuni personaggi che si palesano ai 3 protagonisti attraverso comportamenti lontani, diversi da quelli che nella generalità riteniamo “consueti alla buona socializzazione”; per portare alcuni esempi: la cameriera che lavora alla locanda in cui i 3 protagonisti alloggiano, che prende le comande dai suoi clienti in modo glaciale e silenzioso, oppure gli operai che si rivolgono ai 2 ragazzi in modo piuttosto arrogante, o ancora il bambino che sgonfia una ruota dell’auto dei 3 malcapitati. E’ poi sicuramente da notare è la singola personalità che gli stessi protagonisti mostrano in tali circostanze, il loro modo di reagire a queste bizzarre situazioni, ed inoltre, a prescindere dalle “scenette” in cui si trovano, le loro attitudini di sempre: Come difatti il protagonista si trova a voler accuratamente conservare all’interno di buste di plastica ermetiche gli oggetti di una situazione che a lui sembra abbastanza importante da voler ricordare. Oppure lo strano linguaggio usato dal suo accompagnatore o la tremenda austerità del nonno, ed il suo attaccamento alla sua fedele cagnolina.
A mio parere il film gioca molto su quest’aspetto, sul rendere in primissimo piano i comportamenti assolutamente singolari di ognuno dei personaggi.

Poi il film risulta interessante anche per un altro aspetto: ovvero le riprese a lungo campo che ci mostrano questi ampissimi paesaggi di campagna, i quali, benché le scene siano state girate negli Stati Uniti, appaiono simili a quelli dell’Ucraina e ci forniscono una fedele riproduzione dell’idea che si ha generalmente di alcune zone di questa nazione: ovvero immensità e perdizione (perfino spirituale, perché no).
E da non dimenticare anche le scene girate a Odessa (inizio film).
Dunque per ricapitolare, gli elementi forti del film sono questi: La messa in risalto degli atteggiamenti dei personaggi, i panorami sia rurali che urbani, e le nozioni sull’Ucraina: la sua morfologia, la sua società proletaria, contadina, borghese; poi, sopra ogni altra cosa, i fantasmi che la guerra aveva lasciato dietro di sé, e che ancora a metà secolo di distanza terrorizzava una donna la cui vita era rimasta solcata da sanguinolenti avvenimenti.
Un film le cui scene lasciano lo spettatore interdetto, incuriosito anche dai magnifici dialoghi che si tengono tra i due giovani. L’intreccio narrativo ti porta ovviamente a desiderare il seguito della storia, una storia colma di intensità drammatica e umorismo locale.
Come potrebbe una storia così non rimanere “Lungo il fianco dei nostri ricordi” (come dice Alexander sia all’inizio che alla fine del film), come potremmo non dimenticare tutte le ingiustizie che sono state commesse nei confronti del popolo ebraico, dopo che anche questo prodotto cinematografico abbia contribuito a farci ricordare.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere