HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow Professione Assassino
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Professione Assassino PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 54
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
venerdì 15 aprile 2011

Professione Assassino
Titolo originale: The Mechanic
USA: 2011. Regia di: Simon West Genere: Azione Durata: 92'
Interpreti:  Jason Statham, Ben Foster, Donald Sutherland, Jeff Chase, Christa Campbell, Liam Ferguson, Eddie J. Fernandez, J.D. Evermore, Stuart Greer, Elizabeth Tranchant, Kurt Deville, Felder Charbonnet, Julia Adams, Russell M. Haeuser, Joel Davis, Michael Arnona, Nick Jones, Beau Brasso, James Logan, Amber Gaiennie, Shima Ghamari, Ada Michelle Loridans, David Dahlgren, Tony Goldwyn, Mini Anden, Katarzyna Wolejnio, Lance E. Nichols, John Teague, Jeffrey Whitney
Sito web ufficiale: www.themechanicmovie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 24/08/2011
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Riciclato
Scarica il Pressbook del film
The Mechanic su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

Professione AssassinoSecondo I canoni tradizionali dell’assurdo,il cinema aderisce al principio della chimica di Lavoisier,secondo il quale nella natura organica nulla si crea e nulla si distrugge.
In termini scientifici,se la materia è in grado di mutare aspetto,la sua quantità è la stessa all’inizio e alla fine di ogni reazione. Nella sfera più astratta dell’arte immaginifica,in un cinema che proietta sullo schermo realtà virtuali o dimensioni oniriche,vademecum umano dei desideri,la legge molecolare si traduce in un’identità visiva che pare rispettare lo stesso principio di immutabilità.

E’ il caso di “The Mechanic”,di Simon West,elemento in stato di quiete sostanziale,inerte e immobile ad ogni sollecitazione emotiva. Nel ’72 Michael Winner dirigeva “Professione assassino” (“The Mechanic”),con Charles Bronson e Jan Michael Vincent (“Un mercoledì da leoni”),una pellicola senza aspirazioni di particolare rilievo,ma dove il regista seppe creare un microcosmo relazionale fra due attori di opposta estrazione artistica.
Il risultato fu un film allineato alla fisionomia del cinema di quel decennio,contenente un ardito tentativo da parte di Winner di coniugare crimine sociale a delinquenza spicciola,in un rapporto fra i due protagonisti che dava corpo ad un’esile storia di violenza metropolitana ed un doppio finale ad effetto ripreso in seguito da “The Score”,di Frank Oz.

Questo ricalco di Simon West è una vuota eco dell’originale,immagine riproposta nei colori saturi del cinema d’azione di questo tempo,ma del tutto priva di quell’affetto coesivo che cementa storia e persone. Nomi e fatti sono gli stessi.
Arthur Bishop (Jason Statham) è un killer professionista,un assassino d’elite dotato di grande talento,il cui mentore Harry (Donald Sutherland) è anche amico.
Quando il socio di Harry,Dean (Tony Goldwyn) accusa Harry di tradimento e incarica Arthur di eliminarlo,questi si trova di fronte ad una difficile scelta.
Arthur ucciderà l’amico a malincuore e si troverà affiancato dal figlio di questi,l’impulsivo e violento Steve (Ben Foster),sempre in conflitto con  il padre,quando il rapporto non si esauriva nella reciproca indifferenza.
Steve diventerà l’apprendista di Bishop,da cui il giovane apprenderà come uccidere per mestiere. Ma Steve resta sempre il figlio di Harry e Bishop il suo esecutore.

Dalla sceneggiatura di Richard Wenk e Lewis John Carlino,nasce una copia conforme di un lavoro quaranta anni fa  ,ma svuotata del simbolismo visivo tipico del decennio di cui l’originale era figlio e si offre come meditazione su una violenza che si rigenera in un processo arido di distruzione ed annullamento morale,senza lasciare spazio ad alcuno spessore emozionale.
Non resta molto di un film senza spunti,che si autocita e si alimenta del moto assurdo di dinamiche ed azione senza smalto e anima propria.
Statham naturalmente non può che fare il suo dovere di attore destinato all’esclusiva del cinema di genere,ma la sua uniforme espressione va oltre l’indulgenza e la corsa diventa subito noiosa.
Le tante sequenze d’azione rette da uno score che ammicca alle sonorità di  John Barry girano a vuoto nel moto perpetuo di uno spettacolo sfiatato e afflitto dalla contrattura di una infelice ristesura di una pagina già letta.

Il conflitto relazionale fra Harry e Steve è solo sfiorato nei pochi dialoghi dove è presente Donald Sutherland,unica ragione di esistenza di una pellicola che,diversamente decreterebbe il proprio anonimato.
La sofferta coscienza di Arthur non affiora alla superficie degli archetipi narrativi digeriti da una filmografia da portfolio – il risvolto artistico di Bishop e la sua passione per la musica classica su supporto vinilico suona guasta e fasulla – e nulla di nuova sembra uscire dalle esplosioni,gli inseguimenti,i conflitti a fuoco,le collisioni di auto in corsa,se non un senso di indigente spettacolarità ed un muto linguaggio del corpo cui non segue ombra di  pathos umano.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere