Mercoledì 1 Dicembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Soo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
lunedì 24 settembre 2007

Soo
Titolo originale: Soo
Corea: 2007. Regia di: Choi Yang-Il Genere: Azione Durata: 122'
Interpreti: Ji Jin-Hee, Kang Seong-Yeon, Moon Seong-Geun, Lee Ki-Young, Oh Man-Seok,
Jo Kyeong-Hwan, Choi Doek-Moon, Yang Yeong-Jo, Kim Joon-Bae, Lee Jae-Goo, Kim Yeong-Ok
Sito web:
Voto: 7
Recensione di: Nicola Picchi

soo_leggero.jpgRecentemente arrivano dall’Asia numerosi film strutturati attorno al tema dei gemelli (il bruttissimo Alone, il letargico The evil twin), perlopiù declinato in chiave horror. Lo affronta invece con tutti i crismi del più classico revenge movie il regista nippo-coreano Choi Yang-Il, già autore del notevole Blood and Bones, in questo “Soo” (che in coreano significa acqua). Solitamente il tema dei gemelli è collegato a quello del doppio ed alla codificata quanto ovvia dicotomia bene/male, ma in questo caso i confini sono più sfumati: Tae-Soo è un killer professionista mentre il fratello Tae-Jin è un detective della Squadra Omicidi, ma questo non contribuisce a renderli due caratteri antagonisti. Dopo 19 anni di separazione, durante i quali i due non hanno smesso di cercarsi, una telefonata misteriosa rivela a Tae-Soo dove incontrare Tae-Jin ma, prima che i due riescano a parlarsi, Tae-Jin viene ucciso. Tae-Soo prima ne conserva il cadavere nella vasca da bagno poi, vista la decomposizione imminente, è costretto a liberarsi del corpo e a seppellirlo. Pieno di rabbia e di dolore decide allora di sostituirsi a lui infiltrandosi nella Polizia, per scoprire gli assassini del fratello e vendicarne la morte. Contemporaneamente gli assassini di Tae-Jin, convinti di aver lasciato il lavoro a metà, si daranno da fare per eliminarlo.
Come si vede la scelta del tema è piuttosto strumentale al dipanarsi della trama, e serve più che altro come pretesto di partenza. Choi Yang-Il filma con nitidezza iperrealista, senza grossi lampi di genio ma con robusto professionismo, affidandosi ad una fotografia desaturata, quasi virata in seppia nei numerosi flasback che rievocano l’infanzia dei due fratelli, e costruendo un’atmosfera cupa e nostalgica, a volte addirittura elegiaca. Ji Jin-Hee dipinge Tae-Soo come un killer freddo e spietato, esattamente come siamo abituati a vederli rappresentati al cinema, ma il regista si affranca presto dallo stereotipo filmando il breve incontro tra i gemelli come un incontro tra due innamorati, dato che tutto il mondo emozionale di Tae-Soo è intimamente legato alla memoria del fratello e ai suoi ricordi infantili. Da questo varco improvviso s’insinua il melodramma, che tanto piace ai coreani e tanto spiazza lo spettatore occidentale. Vale la pena di notare, aprendo una digressione, come nel cinema coreano la propensione per il melodramma più viscerale sia riservata esclusivamente ai film d’azione e ai noir, mentre nelle opere che si occupano della vita quotidiana e dei rapporti interpersonali si preferisca ricorrere ad un stile più distaccato, gelido e straniante. Ma dove Soo tocca il suo apice è nella rappresentazione della violenza, tanto che in Corea il film è passato più volte al vaglio della censura subendo numerosi tagli.
Ci sono molti modi di rappresentare la violenza nel cinema asiatico contemporaneo: epica, iperbolica ed intrisa di pathos in John Woo; piena di humour nero in Park Chan-Wook; rarefatta e stilizzata in Johnnie To (simpaticamente ribattezzato Jimmy dalla Aspesi in un recente articolo); sovversiva e splatter in Miike; ellittica e fuoricampo in Kurosawa Kiyoshi; spiazzante e volta a prendere in contropiede lo spettatore come in Kitano; sublimata ed incorporea in Tsukamoto; didascalica ed enfatizzata in Ishii. Choi Yang-Il la osserva invece con distacco da entomologo, scegliendo la strada dell’estremo realismo e della brutalità. Gli ultimi 40 minuti di film sono un tour de force quasi insostenibile, dove si utilizzano al meglio mazze da baseball, pistole, coltelli e katane, mentre, tra rantoli e grida di dolore, dai corpi martoriati sprizzano geyser di sangue, nel probabile tentativo di definire un nuovo standard per il genere alzando il livello di guardia.
La vendetta porterà il killer a ricongiungersi con il fratello nella morte, mentre Choi Yang-Il inquadra il simbolo del personale paradiso perduto di Tae-Soo, un bidone di metallo pieno d’acqua (Soo) dove galleggia un azzurro pesce di plastica. In conclusione, non certo un capolavoro ma un’ottima produzione di medio livello, materiale di cui, dalle nostre parti, si sono perse le tracce.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere