Mercoledì 23 Agosto 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
Stolen PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 19
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
mercoledì 17 ottobre 2012

Titolo: Stolen
Titolo originale: Stolen
USA: 2012. Regia di: Simon West Genere: Azione Durata: 96'
Interpreti: Nicolas Cage, Malin Akerman, Josh Lucas, Danny Huston, M.C. Gainey, Mark Valley, Marcus Lyle Brown, J.D. Evermore, Matt Nolan, Tanc Sade, Edrick Browne, Sami Gayle, Glen Warner, Mustafa Harris
Sito web ufficiale: www.stolen-movie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Rubato
Scarica il Pressbook del film
Stolen su Facebook

stolen_leggero.pngCompendio di clichès e stilemi del cinema d'azione scritto per l'intrattenimento disinvolto dei botteghini di gusto fiacco,"Stolen" è la messa in scena di uno script tanto singolare per la sua futilità,quanto inadeguato a veicolare ogni ombra di emozione.
Scritto dal David Guggenheim di "Safe House" ,titolo di tutt'altra timbrica, "Stolen" vede il regista Simon West dirigere ancora Nicolas Cage dopo il precedente "Con Air" ,con la convalida della formula di routine d'ordinanza nel vocabolario del cinema di genere.

Intuitiva e banale,imbastita sui paradigmi logorati da mille riletture,la trama e la sua struttura non privilegiano di alcuna forma di solidità o fascino per agganciare un'attenzione che si disperde nella frustrazione di un racconto avido di chiasso ma avaro di emozioni e segnali.
Lo spunto è la corsa di un padre per salvare la figlia rapita,l'intenzione è quella di "Taken",ma lo smalto è spento,la dinamica perde slancio e la tensione sfiata nelle frenetiche rocamboles in una metropoli ambigua,testimone dei mille volti di un cinema cittadino di New Orleans nelle sue poliedriche identità,da "Big Easy" a "Angel Heart",da "Deja Vu" a "12 Rounds",da "Skeleton Key" a "Il cliente".

Will Montgomery (Nicolas Cage) fallisce una rapina in una banca,viene arrestato e passa otto anni in galera. Al suo ritorno alla società,tutto quello che Will desidera è di rivedere e riallacciare i rapporti con la figlia Alison (Sami Gayle). Nel frattempo i due complici Vincent (Josh Lucas) e Riley (Malin Akerman) hanno preso strade diverse. Mentre Riley ha rigato dritto portando avanti un bar frequentato da poliziotti,Vincent,divorato dal rancore e dal desiderio di vendetta,si convince che Will ha nascosto il bottino per tenerselo per sè. Will nega di avere il denaro e Vincent gli apisce la figlia,chiudendola nel bagagliaio del suo taxi.
Se i 10 milioni di dollari della rapina non gli verranno consegnati,Alison morirà. Will dovrà tentare un'altra rapina,mentre il detective che l'aveva incastrato otto anni prima (Danny Huston) gli è ancora alle costole.

L'impianto del lavoro è l'usuale omaggio a spettacolo d'azione e dramma d'effetto,con occhiate alle pagine della rapina in commedia,dai doberman d'oro di ieri all' "Italian Job" , alla serie degli Ocean. Ma montaggio e score non bastano a scandire il ritmo per un coinvolgimento delle emozioni e gli spunti d'ironia sparsi qua e là nel racconto sono occasionali e blandi pretesti per conferire spirito ad un lavoro da protocollo.
Cage,per nulla carismatico e la cui empatia è la stessa dei suoi ultimi impegni,corre e si affanna fra le fotografie di una città che gli ruba la scena in cartoline suggestive e scorci funzionali. Ha poco respiro "Stolen",luogo iconografico di stereotipi del cinema dal fiato corto e linguaggio emarginato nel vocabolario delle emozioni rarefatte.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere