HOME arrow IL CINEMA ASIATICO arrow Azione arrow Sukiyaki Western Django
Martedì 27 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Sukiyaki Western Django PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 14
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
mercoledì 26 marzo 2008

Sukiyaki Western Django
Titolo originale: Sukiyaki Western Django
Giappone: 2007. Regia di: Miike Takashi Genere: Azione Durata: 120'
Interpreti: Ito Hideaki, Sato Koichi, Iseya Yusuke, Ando Masanobu, Ishibashi Takaaki, Momoi Kaori, Kimura Yoshino, Kagawa Teruyuki, Quentin Tarantino, Oguri Shun
Sito web:
Voto: 7
Recensione di: Nicola Picchi

sukiyaki_leggero.jpegCon “Sukiyaki Western Django”, già in concorso a Venezia 2007, si chiude un ciclo. Se “Per un pugno di dollari” si ispirava fin troppo generosamente al “Yojimbo” di Kurosawa, dando alla luce il western all’italiana (graziosamente definito in Giappone “Macaroni Western”), con questo film, che sostanzialmente riprende il canovaccio del film di Leone, il genere ritorna alle origini. Nella cittadina di Yuta (Nevada) si affrontano due clan rivali, quello degli Heike, i rossi, e quello dei Genji, i bianchi, entrambi alla ricerca di un tesoro nascosto. Il precario equilibrio è destinato ad incrinarsi con l’arrivo di un misterioso straniero senza nome, che si affeziona al piccolo Heihachi, nato da madre Genji e da padre Heike. Il padre del bambino è stato ucciso da Kiyomori, il capo degli Heike, e sia la nonna Ruriko, la quale nasconde un passato di imbattibile pistolera, che la madre Shizuka, amante di Yoshitsune, il capo dei Genji, vogliono vendicarsi.
Come ben sanno gli appassionati, già la Nikkatsu nei primi anni ’60 produceva titoli come “Plains Wanderer” e “Fast-Draw Guy”, in bilico tra il western americano di serie B e la parodia che sarà poi caratteristica dello spaghetti-western italico, senza dimenticare titoli come “The Fort of Death” (1969) di Eiichi Kudo, presentato durante la retrospettiva veneziana dello scorso anno.
L’ibrido transculturale di Miike Takashi ha dunque dei precedenti e si inserisce pienamente nella tradizione nipponica, pur con un diverso livello di consapevolezza, complice l’effetto “Grindhouse” di Tarantino e Rodriguez, di cui “Sukiyaki Western Django” potrebbe costituire un terzo, ideale tassello, con tanto di trailer di uno spin-off basato sul personaggio di Ruriko (The Bloody Benten) inserito nel corpo del film. Non a caso nel teatralissimo prologo è proprio Tarantino, nei panni del pistolero Piringo (crasi di Pierrot e Ringo), a dare il via alla storia, raccontando in un imperdibile anglo-giapponese le origini della rivalità tra gli Heike e i Genji, i quali si erano scontrati settecento anni prima nella battaglia di Dannoura. Da qui parte una divertita scorribanda trans-gender (nel senso di genere cinematografico, oltrechè sessuale), in cui Miike, senza prendersi troppo sul serio, non rinuncia ad alcuni dei suoi personalissimi tocchi, incrociando chambara, Sergio Leone e, naturalmente, il Corbucci di Django, da cui riprende l’immancabile bara con la Gatling. Il regista segue con piglio filologico tutti i luoghi comuni del genere, dal pestaggio rituale dell’eroe al duello finale, e li rilegge con grande ironia e lucidità. Dal devastante “test del Samurai” alla fissazione di Kiyomori per l’Enrico VI di Shakespeare, dove si narra della contesa tra gli York e i Lancaster, fino all’inserto “anime”, è un fuoco di fila di trovate, gestite con estrema libertà espressiva e vitalità, senso del ritmo e spettacolari movimenti di macchina.
Le citazioni naturalmente non si contano (in una scena fa capolino persino “Duello al Sole”), ma si inseriscono perfettamente nel tessuto narrativo del film, senza mai correre il rischio di risultare irritanti o modaiole.
In mezzo a tanta abbondanza, Miike riesce a ritagliarsi anche dei momenti più caratteristici del suo cinema, come nei flashback o nella scena sorprendente della danza di Shizuka nel saloon dei Genji. Menzione d’onore per la fotografia di Toyomichi Kurita, per la scenografia di Sasaki Takashi, che aveva già lavorato sul set giapponese di “Kill Bill”, per i meravigliosi e selvaggi costumi di Kitamura Michiko e per la colonna sonora di Endo Koji, che rielabora a suo modo i classici temi alla Ennio Morricone. Tra gli attori, costretti a recitare in un inglese ai limiti con la comprensibilità, svettano Momoi Kaori nella parte di Ruriko e, soprattutto, l’irresistibile e felino Yoshitsune di Iseya Yusuke.
Naturalmente siamo più dalle parti di “The Great Yokai War” che da quelle di “Izo”: “Sukiyaki Western Django” è dichiaratamente “commerciale” e felice di esserlo, lontano anni luce dalle opere maggiori di Miike, ma comunque girato con una freschezza stupefacente ed invidiabile per un autore che ha al suo attivo più di sessanta pellicole.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere