HOME arrow Il Cinema Asiatico arrow Azione arrow The Divine Weapon
Lunedì 25 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
The Divine Weapon PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 06 febbraio 2009

The Divine Weapon
Titolo originale: The Divine Weapon
Corea: 2008 Regia di: Kim Yoo-jin Genere: Azione Durata: 134'
Interpreti: Jeong Jae-yeong, Han Eun-jeong, Ahn Sung-ki, Heo Jun-ho, Ryu Hyeon-gyeong
Sito web: 
Nelle sale dal:
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi

the_divine_weapon_leggero.jpeg1448, dinastia Chosun: l’interferenza dei subdoli cinesi della dinastia Ming negli affari interni della Corea è oltre il livello di guardia e il Re Sejong ordina a Choi Hae-san di sviluppare un’arma segreta, il “Singijeon”.
I cinesi, venuti a conoscenza dei piani del Re, mandano degli uomini ad assassinare l’inventore, il quale si fa saltare in aria insieme al suo laboratorio.
Sua figlia Hong-ri riesce a fuggire, e Sejong la fa nascondere presso Seol-ju, il capo di un gruppo di mercanti, assegnandole il compito di portare a termine l’invenzione del padre.

Premiato al botteghino con ottimi incassi, “The Divine Weapon” è uno di quei  film storici a grosso budget che ai cinesi riescono meravigliosamente e ai coreani in maniera mediocre. Basta confrontare i recenti “Red Cliff” e “The Warlords” con ”The Divine Weapon” per rendersi conto dell’incolmabile divario; il taglio terragno e minuziosamente realistico dei registi coreani quando si accostano al genere gli impedisce di raggiungere risultati che esulino dall’imitazione un po’ scolastica e volenterosa di modelli mutuati da altre cinematografie.
Il problema è tutt’altro che recente, e affliggeva già “Sword in the Moon” di Kim Eui-suk, i legnosi “Bichunmoo” e “Shadowless Sword” di Kim Young-jun  o i più riusciti ”Musa the Warrior” di Kim Sung-soo e “The Restless” di Jo Dong-ho.
In questo caso si aggiunge una buona dose di  nazionalismo naïf, dato che “The Divine Weapon” si premura di rammentarci, con tanto di didascalia conclusiva, che la Corea è stato il primo paese al mondo a sviluppare armi da lancio che utilizzavano come propellente la polvere nera: il “Singijeon”, effettivamente realizzato da Choe Mu-seon nel 1377 durante la dinastia Goryeo, consiste nel film in una batteria di grosse frecce esplosive, e poco importa che, storicamente, si trattasse dell’importazione di un’invenzione cinese, utilizzata per la prima volta nel 904.

Non che il nazionalismo sia una novità, e qui basti pensare ai recenti “D-War” e “May 18”, ma il problema è che l’apatica sceneggiatura di Shin Hyeon-jeong, oltre ad essere gravata da lentezza d’esposizione, lambisce vari generi mescolando ricostruzione storica e intrighi politici, romance e avventura, senza approfondirne nessuno. Le svirgolate wuxia poi, sono sì ben realizzate ma artificiosamente pedestri e ben lontane dalla poetica astrazione raggiunta dai registi cinesi. Detto questo, il film è sufficientemente spettacolare da soddisfare lo spettatore occasionale, soprattutto nella seconda parte, quando azione ed effetti speciali prendono il sopravvento: la battaglia sulle rive del fiume tra un manipolo di astuti coreani e le orde degli invasori cinesi è decisamente riuscita, anche grazie alle coreografie dell’esperto Kwak Jin-seok (The Good, the Bad, the Weird, The Restless, Hanbando).
La regia è diligente sebbene in odore di accademismo, ma per buona sorte Kim Yoo-jin (A Promise, Wild Card) può contare su un ottimo cast, essenziale alla complessiva riuscita del film, in primis un vigoroso Jeong Jae-yeong (Public Enemy Returns, Going by the Book) nel ruolo di Seol-ju e il veterano Ahn Sung-ki (Radio Star, Silmido) nei panni del Re Sejong, ruolo a cui dona sfumature di grande ironia.
Costumi e scenografie sono improntate ad un sobrio realismo, cosa che spesso va in conflitto con la deriva quasi fantasy di molte scene d’azione.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere