HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Azione arrow The Last Stand - L'ultima sfida
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
The Last Stand - L'ultima sfida PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 44
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
lunedì 28 gennaio 2013

Titolo: The Last Stand - L'ultima sfida
Titolo originale: The Last Stand
USA: 2013. Regia di: Kim Jee-woon Genere: Azione Durata: 107'
Interpreti: Arnold Schwarzenegger, Johnny Knoxville, Forest Whitaker, Eduardo Noriega, Peter Stormare, Luis Guzman, Jaimie Alexander, Rodrigo Santoro, Harry Dean Stanton
Sito web ufficiale: www.thelaststandfilm.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 31/01/2013
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Convenzionale
Scarica il Pressbook del film
The Last Stand - L'ultima sfida su Facebook

thelaststandlultimasfida_leggero.pngDopo un’evasione spettacolare, il narcotrafficante Gabriel Cortez si dirige verso l’Arizona a bordo di una Corvette modificata, sperando di attraversare la frontiera con il Messico. Braccato dagli agenti dell’FBI, che però si riveleranno inefficaci, Cortez troverà sulla sua strada Ray Owens, sceriffo della pacifica cittadina di Sommerton Junction.

Atteso ritorno sulle scene di Arnold Schwarzenegger, nel suo primo ruolo da protagonista a dieci anni esatti da “Terminator 3 – Le macchine ribelli” (2003), “L’ultima sfida” vede anche l’altrettanto atteso debutto di Kim Jee-woon all’interno del sistema produttivo del cinema americano.
E qui iniziano i guai, perché se il film è certamente il miglior ritorno possibile per l’attore austriaco dopo i sette anni trascorsi come Governatore della California, è anche il peggior debutto possibile per il regista.

Seguendo le orme di John Woo con “Hard Target” (1993), di Ringo Lam con “Maximum Risk” (1996) e di Tsui Hark con “Double Team” (1997), tutti e tre con Van Damme, l’enfant prodige del cinema coreano, iconoclasta sovvertitore di generi dallo stile fiammeggiante, firma il suo film più esile, in cui si stenta alle volte a riconoscere la stessa mano che ha realizzato “I Saw the Devil” o “Two Sisters”. Le prospettive di carriera dei registi asiatici in quel di Hollywood continuano ad essere molto limitate, e il più delle volte il loro modo peculiare di fare cinema risulta gravemente snaturato, polverizzato da trascurabili sceneggiature da B-movie, anche se speriamo che l’imminente “Stoker” di Park Chan-wook possa fare la differenza. Che Kim fosse un estimatore del western, italiano o americano che fosse, lo si era già compreso ai tempi di “Il Buono, il Matto, il Cattivo” (2008), sublime detour sulle spoglie insepolte del cinema leoniano.

L’impianto de “L’ultima sfida” è infatti decisamente western, con molti richiami a un classico come “Mezzogiorno di fuoco”, anche se Schwarzenegger, pur invecchiato e autoironico, non possiederà mai la sofferta malinconia di Gary Cooper. L’America di Kim Jee-woon è quella del mito, una ragnatela di Highways che solcano il continente, tra infinite distese di grano alla Edward Hopper e sperduti paesi di fontiera come Sommerton Junction, archetipi della “homeland” da difendere a ogni costo dalle aggressioni esterne.
Un paesaggio inconfondibile, che esiste solo per essere sfregiato dalla Corvette modificata del narcotrafficante Gabriel Cortez, il quale si lascia alle spalle una scia di cadaveri da Los Angeles all’Arizona.
Il regista affronta l’action a stelle e a strisce un po’ come Wharhol davanti al barattolo della zuppa Campbell, offrendone una fedele riproduzione che ne evidenzia l’aspetto seriale.

Distillato alchemico di stereotipi consolidati in oltre un secolo di cinema americano, l’America sognata da Kim è però lo sfondo ideale per l’apparizione di un corpo altrettanto iconico, quello di Arnold Schwarzenegger, ex poliziotto della narcotici di Los Angeles, che getta la spugna rifugiandosi in un tranquillo paese dell’Arizona. Un corpo-simbolo del cinema action degli anni’80, recentemente tornato in gran spolvero con il dittico de “I Mercenari” e con l’imminente “Die Hard 4”. Ma se quella di Stallone si limitava a essere una baracconata nostalgica, che rianimava un’ultima volta il cadavere del cinema che fu, riconoscendone implicitamente il decesso, “L’ultima sfida” si sottrae a tentazioni consimili. Il film di Kim non vuole essere un omaggio al cinema degli anni ’80, “è” un action-movie degli anni ’80 uscito direttamente da un’ideale macchina del tempo, e come tale è abbastanza divertente, ammesso che si sia disposti a soprassedere su alcuni difetti macroscopici.

La sceneggiatura di Andrew Knauer, funzionale quanto si vuole, è difatti un po’ troppo elementare per destare l’attenzione, mentre i dialoghi, di rara insipienza, non rendono un buon servizio agli attori. Il bizzarro humour di Kim Jee-woon buca lo schermo occasionalmente (l’ottantenne armata, Schwarzy che precipita da un palazzo continuando a sparare), concretizzandosi nel personaggio di Lewis Dinkum, lo svitato del villaggio interpretato da Johnny Knoxville, che indossa abiti simili a quelli di Song Kang-ho ne “Il Buono, il Matto, il Cattivo”. Knoxville, s’immagina inserito per soddisfare gli affezionati spettatori di “Jackass”, regala all’insieme una nota decisamente eccentrica, bilanciando la “normalizzazione” della regia, evidentemente troppo preoccupata di rispettare le convenzioni del cinema americano.

L’unica sequenza alla Kim, infatti, è quella in cui Harry Dean Stanton viene abbattuto con un colpo sparato da fuoricampo. Arnold Schwarzenegger è un efficacissimo Ray Owens, se non altro come presenza scenica vista la vacuità delle battute, e alla sua età è ancora capace di estrarsi frammenti di vetro dalla coscia senza emettere un solo lamento.
Se Luis Guzman e Forest Whitaker sono alquanto di prammatica, Eduardo Noriega (Cortez) è un degno antagonista, Johnny Knoxville funziona bene nel ruolo della scheggia impazzita e Peter Stormare gigioneggia amabilmente nei panni del capo della banda; deludente invece la scialba Jaimie Alexander (Thor) nel ruolo dell’intrepida poliziotta.
Da consigliare a tutti i fan di Arnold Schwarzenegger, un po’ meno a quelli di Kim Jee-woon, che potranno riprendersi dalla delusione rivedendo “A Bittersweet Life”.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere