Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
The prestige PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Bassi   
domenica 21 gennaio 2007

The prestige
USA - Gran Bretagna: 2006. Regia di: Christopher Nolan Genere: Azione Durata: 130'
Interpreti: Christian Bale, Michael Caine, Hugh Jackman, Scarlett Johansson, Andy Serkis, David Bowie
Recensione di: Francesco Bassi

prestige.jpgLondra, fine '800, gli illusionisti sono considerati delle vere e proprie star.
Tra questi, due amici, Robert Angier, affascinante e sofisticato, capace di intrattenere il pubblico come nessun altro, e, Alfred Borden, un purista della professione, un vero e proprio genio capace di creare i trucchi più spettacolari ma non altrettanto in grado di far apprezzare al pubblico le proprie idee.
La rivalità tra loro nasce quando il loro più grande trucco finisce male.
Da quel momento i due faranno di tutto per cercare di carpire i segreti dell'altro, fino ad oltrepassare qualsiasi limite...Un film da novero dei classici moderni, come e più di altri degli ultimi decenni. Esagerato? Forse. Ma tutto è di una tale precisione, fantasia e intensità che sembra davvero di assistere a un gioco di prestigio.
Siamo in balia della storia, e dei suoi interpreti, impressionanti anch'essi: Caine e Bale sono a livelli di eccellenza - con Jackman un gradino sotto, ma in crescendo (esploso come bello e rude ormai si sta costruendo una versatilità discreta e sta crescendo anche quanto a capacità attoriali... Quando riuscirà a dare spessore e continuità sarà ottimo. Ancora un po' di pazienza!) - e profondono un carisma che solo l'eterno 'Duca Bianco' Bowie riesce ad offuscare.
"Presentazioni" su "presentazioni", per un susseguirsi di "Colpi di scena" che non perdono di corpo o di effetto per il solo moltiplicarsi.
Onore al merito quindi, per la costruzione (è proprio il caso di dirlo, considerato che i nostri più che maghi appaiono soprattutto ingegneri e scienziati) di una sceneggiatura che segue le regole che detta e ci mostra un gioco di specchi e di inganni, a più livelli, interni e palesi, un gioco anche di scritture e di protagonisti, nel quale i fruitori, il pubblico, solo in maniera accessoria è quello pagante.
Preparatevi quindi ad assistere a una guerra più cruenta di altre più banalmente esplicitate, combattuta con freddezza e calcolo, sempre lasciando indizi che possano rendere la sconfitta una beffa e la vittoria un contrappasso più crudele in una costante ricerca di risposte strumentale e fittizia, mirata all'ottenimento di una gratificazione superiore per il proprio ego.
Ma non c'è morale, per quanto se ne intravedano i lembi, c'è solo lo spettacolo e la conclusione di un meraviglioso artificio preparato a lungo, un definitivo ed inappellabile "Prestige".

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere