Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
The Spirit PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Giovanni Ragosa   
martedì 24 marzo 2009

The Spirit
Titolo originale: The Spirit
USA: 2008. Regia di: Frank Miller Genere: Azione Durata: 108'
Interpreti: Scarlett Johansson, Samuel L. Jackson, Eva Mendes, Gabriel Macht, Paz Vega, Jaime King, Sarah Paulson, Stana Katic, Johnny Simmons
Sito web: www.mycityscreams.com
Nelle sale dal: 25/12/2008
Voto: 3
Trailer
Recensione di: Giovanni Ragosa

thespirit_leggero.jpegDanny Colt (Gabriel Macht) è The Spirit, detective dai poteri sovrannaturali che aiuta la polizia di Central City nella lotta al crimine, trovando anche il tempo di flirtare con tutte le donne della città, dalla dottoressa della polizia alle criminali più pericolose.
In particolare, combatte contro la sua nemesi Octopus (Samuel L. Jackson), dotato di poteri analoghi ai suoi, e i suoi teatrali piani di conquista del mondo.
A complicare la situazione, dal passato di Denny Colt torna Sand Saref (Eva Mendes), suo antico e mai dimenticato amore, diventata una criminale e pericolosamente coinvolta nei piani di Octopus: entrambi sono a caccia del tesoro dei mitologici Argonauti di Ercole e Giasone.

L'esile e sconclusionata trama dell'adattamento dello storico fumetto di Will Eisner segna l'esordio tutt'altro che convincente alla regia per Frank Miller, uno degli autori di fumetti più influenti degli ultimi decenni (suoi sono 300, Sin City e diverse fondamentali storie di Batman e Devil), rerspoonsabile anche dello script. A voler essere maligni, con tutti i fumetti che ha scritto, Frank Miller è andato a dirigere il film tratto dall'opera di un altro. Will Eisner ci ha lasciati da tempo, chissà cosa penserebbe nel vedere le sue creature ridotte a caricature, ridicolizzate in un confuso e poco riuscito mix di generi, dal noir che omaggia l'ambientazione anni trenta alla commedia al genere supereroi, con effetti grotteschi: The Spirit sembra per lunghi tratti la parodia demenziale di Sin City, anche a causa delle sequenze animate in bianco e nero, identiche a quelle che caratterizzavano il film di Rodriguez (che a sua volta riprendeva le tavole di Miller), ma del tutto fuori contesto e presenti troppo nella prima parte etroppo poco nella seconda, quasi come se Miller volesse ricordare a tutti come prima cosa che Sin City è farina del suo sacco.

Non c'è ritmo, non c'è pathos, la storia non sta in piedi, non c'è alcun modo di immedesimarsi con il protagonista, le origini dei poteri di Spirit sono quanto di più scontato e insulso si sia visto nel filone dei supereroi su grnade schermo, ci sono un'infinità di scene condite da un umorismo tanto demeneziale da sembrare quasi involontario.
Il cast (oltre ai già citati Macht, Jackson e Mendes, ci sono anche Scarlett Johansonn e Paz Vega) fa quel che può ma la sequela di scene, o meglio, gag a cui sono costretti di certo non ne esalta le qualità.
Il plot mitologico non riesce ad essere credibile e non si amalgama con le atmosfere hard boiled di Miller così come le assurde macchinazioni di Octopus vanno veramente oltre la soglia della sospensione dell'incredulità di chiunque.   
Altra incredibile debolezza, il personaggio di Octopus: è il criminale più insulso della storia dei criminali cinematografici (del resto, anche l'eroe è sulla buona strada).
Nei film di supereroi, avere un villain carismatico al punto da mettere in ombra l'eroe è metà del lavoro, Tim Burton e Christopher Nolan ne sanno qualcosa, ma Miller che da trent'anni inventa storie di supereroi entrate negli annali, dovrebbe saperlo meglio di loro. Octopus è stato completamente ridefinito da Miller e soci in fase di sceneggiatura, visto che nel fumetto appare solo sotto forma di un paio di guanti nel buio.
Il risultato è sconcertante, un logorroico vanitoso che si trucca il viso e prepara delle ridicole scenografie per illustrare i suo piani (a chi?), circondato da cloni decerebrati come scagnozzi e che si diverte a cercare Spirit solo per riempirlo di botte.
Nell'anno in cui i film di supereroi hanno finalmente guadagnato dignità di grnade cinema con Il cavaliere Oscuro ed il suo immenso Joker, The Spirit ed il suo impresentabile Octopus sono davvero la pecora nera della famiglia.

Tecnicamente, montaggio e fotografia sembrano non avere coerenza per tutto l'arco del film, per non parlar degli effetti speciali, ai limiti dell'imbarazzante per gli standard odierni.
Il risultato finale è un film senza mordente, chiaramente nelle mani di un dilettante, un confuso e assordante fumettone che lascia perplessi, al punto da pensare che the Spirit sia in realtà davvero solo una parodia del genere supereroistico tanto in voga.
Il problema è che anche in questo caso, saremmo lontani da un lavoro ben fatto.
La cosa migliore del film sono i titoli di coda con la canzone di Christina Aguilera e lo storyboard disegnato dallo stesso Miller, ma bisogna arrivarci.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere