HOME arrow Recensioni Blu Ray arrow Azione arrow The Terror Live (Blu Ray)
Mercoledì 23 Agosto 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
The Terror Live (Blu Ray) PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
martedì 04 luglio 2017

Titolo: The Terror Live
Titolo originale: The Terror Live
Caratteristiche del Blu Ray in vendita dal 01 Dicembre 2016.

Film
“The Terror Live” è disponibile in Dvd e Blu-ray Far East Film, distribuito da CG Entertainment. Kim Byung-woo, allathe_terror_live_bluraycover.jpg sua terza regia di lungometraggi, ha realizzato una piccola e significativa opera d’arte cinematografica. Presentato all’Udine Far East Film Festival 2014 “The Terror Live” è stato una vera e propria rivelazione, uno tra i più bei film presentati al pubblico e da molti posizionato al primo posto della lista. Il cronista radiofonico Yoon Young-hwa riceve la telefonata in diretta di un uomo che minaccia di far esplodere un ponte. Yoon non crede a quanto gli viene detto e sottovaluta le proprie parole di sfida indirizzate all’uomo. Pochi minuti dopo il ponte salta in aria e Yoon pensa subito di sfruttare la situazione a proprio vantaggio, trasmettendo le successive telefonate del terrorista e realizzando lo scoop che gli permetterà di riprendersi il suo posto di anchorman in Tv. Il direttore acconsente, anche lui attratto dal desiderio di raggiungere un’audience senza precedenti, superando il 70% di share. Le minacce e la messa in atto delle medesime si fanno sempre più gravi. In gioco c’è la stessa vita di Yoon e di tante persone innocenti. Portare a termine il programma radiofonico sarà una vera e propria impresa. Man mano che la storia si evolve e la tensione sale sempre di più, lo spettatore avrà modo di scoprire dei retroscena per cui il buono non è poi così retto, e il cattivo ha le sue buone ragioni per vendicarsi di un sistema corrotto, indifferente e che non si prende le responsabilità delle proprie azioni, quando commette degli errori (pratica molto comune non solo tra la classe politica, ma anche tra la gente comune, che non perde l’occasione di puntare il dito verso l’altro, piuttosto che ammettere di aver sbagliato). “Ha lavorato come una bestia per tutta la vita, e poi è morto. Quindi volevo ottenere delle scuse per lui. E’ COSI’ DIFFICILE SCUSARSI?” chiede l’uomo a Yoon. Quello a cui si assiste nell’ultimo quart’ora è un quadro spietato e autentico del potere, divoratore di anime, e di come lo si voglia salvaguardare a tutti i costi, affinché nulla cambi. Il regista e sceneggiatore è stato bravissimo nel coniugare con sguardo sapiente sia la denuncia di tale sistema sia l’azione adrenalinica, con un ritmo che non cede neanche per un secondo, nonostante il film sia girato interamente in interni e perlopiù nello studio radiofonico. L’azione si svolge in tempo reale, nell’arco di 90 minuti, ricchi di suspense e colpi di scena memorabili. Merito anche dei dialoghi impeccabili e coinvolgenti, e di uno degli attori coreani più bravi, Ha Jung-woo, visto di recente in “The Handmaiden” di Park Chan-wook e in “The Tunnel”, anche questo girato quasi interamente in un unico ambiente e nel quale ritroviamo una situazione che si avvicina molto a un one man show, come in “The Terror Live”. Film con pochi personaggi, tutto ricade sulle spalle di Ha Jung-woo, il quale esprime egregiamente le varie fasi emotive di Yoon. Se la denuncia del sistema è il tema principale, Kim non dimentica di mostrare un altro aspetto altrettanto importante: cosa i media fanno per far salire gli ascolti. Sono disposti a manipolare la notizia e le persone, per poi darle in pasto all’opinione pubblica, pur di raggiungere un obiettivo. Il direttore dell’emittente radiofonica usa Yoon e la sua brama di successo, per poi scaricarlo e trasformarlo nel capro espiatorio. È un film di pregio, da vedere e rivedere, con un finale autenticamente reale: i poteri forti non possono essere piegati dalla forza di un solo individuo, e con una sequenza conclusiva in cui l’occhio della macchina da presa rimane su Yoon, inchiodando definitivamente lo spettatore, che ne rimane stupefatto e affascinato.

Video
Il Blu-ray “The Terror Live” è distribuito nella collana Far East Film, dalla Tucker Film e CG Entertainment e viene presentato nel formato 1.85:1 con codifica 1080p. La qualità dell’immagine è eccellente. I colori predominanti sono le varie tonalità del grigio nelle scenografie e nei costumi a sottolineare non solo la realtà dell’ambiente in cui si svolge l’azione, ma anche la sua naturale freddezza e imperturbabilità. Gli effetti speciali, concentrati nella parte conclusiva della storia, conferiscono credibilità all’azione in corso, portando lo spettatore a sentirsi parte di essa. Le luci in scena sono ben distribuite e l’incarnato dei volti è reso al meglio. Molto bella la scena in cui si scorge la luminosità delle finestre nello studio completamente al buio. Il Blu-ray è confezionato in un’Amaray trasparente e possiede un Artwork interno, sul quale è impressa un’immagine tratta dal film, con a sinistra una concisa biografia del regista e in basso a destra la lista dei capitoli in cui è diviso.

Audio
Il comparto audio è nutrito, con la presenza di tre tracce per il doppiaggio italiano e tre per il coreano: due vigorosi DTS HD Master Audio 5.1, due Dolby Digital 5.1 e due Dolby Digital 2.0, con i sottotitoli in italiano e in italiano per non udenti. Gli effetti sonori sono ben armonizzati, l’acustica delle sequenze d’azione è puntuale e precisa, e la musica contribuisce egregiamente a sostenere la suspense fino all’epilogo. I dialoghi sono nitidi e puliti. Nella versione originale la voce di Ha Jung-woo possiede quell’incisività e maturità, che si perde un po’ nella sua voce italiana.

Extra
È presente un variegato numero di contenuti speciali comprendente il Dietro le Quinte, No Good Cats, Poster Shooting, Premiere, Presentazione e VFX Making.

Francesca Caruso

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere