Mercoledì 17 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Wanted – Scegli il tuo destino PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
sabato 05 luglio 2008

Wanted – Scegli il tuo destino
Titolo originale: Wanted
USA: 2008. Regia di: Timur Bekmambetov Genere: Azione Durata: 110'
Interpreti: James McAvoy, Angelina Jolie, Morgan Freeman, Terence Stamp, Thomas Kretschmann
Sito web ufficiale: www.wantedmovie.com
Sito web italiano: www.cinema.universalpictures.it/website/wanted
Nelle sale dal: 02/07/2008
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Fuori controllo
Scarica il Pressbook del film
Wanted - Segli il tuo destino su Facebook

wantedWesley Gibson fa il contabile in un’azienda: soffre di attacchi di panico, è vessato dal suo capo, non ha un soldo e inoltre la sua ragazza lo tradisce con il suo migliore amico.
Dopo un movimentato incontro con Fox in un supermercato, viene a sapere che il padre, da cui era stato abbandonato da piccolo, faceva parte di una società segreta di giustizieri chiamata la Confraternita, i cui adepti si definiscono “le armi del Fato”.
Disgrazia vuole che suo padre sia stato eliminato il giorno prima da Cross, un killer rinnegato che ora lo ha nel mirino; sotto la guida della bella Fox e di Sloan, capo della Confraternita, Wesley, che ha ereditato le qualità del defunto genitore, si sottoporrà ad un duro allenamento per vendicarne la morte ma, naturalmente, le cose si dimostreranno più complicate di quello che sembrano.

Tratto da un fumetto di Mark Millar e J.G. Jones, “Wanted” parte come un “Fight Club” in sedicesimo, con la voce off del protagonista che snocciola monologhi alla maniera di un imitatore di Chuck Palhaniuk, con tanto di tavolino Ikea. L’incipit definisce il tono del film, un action sarcastico e autoironico che non si prende troppo sul serio, meno Looney Tunes del sottovalutato “Shoot‘em up” ma con una nota grottesca, dark e vagamente amorale come valore aggiunto, impregnata di corroborante cinismo. Fin qui nulla di nuovo sotto il sole, ma a fare la differenza con consimili prodotti è la regia del kazako Timur Bekmambetov, già autore di “Night Watch” e “Day Watch”.
Il suo cinema ha la medesima geometria dei frattali, un caos controllato che vomita escrescenze imprevedibili e bizzarre, anomalie anamorfiche e brutali accelerazioni, possiede, insomma, uno sguardo differente, assai diverso da quello, ormai pesantemente stereotipato, della maggioranza dei suoi colleghi d’oltreoceano.
Non che questo basti a ridefinire le dinamiche del genere, ma è sufficiente a garantire allo spettatore che le due ore trascorse in sala non saranno mal spese.

Se vi chiedete perchè i membri della millenaria Confraternita, oltre che degli spietati assassini, siano anche dei tessitori, dovete sapere che la sceneggiatura di Michael Brandt e Derek Haas (Quel treno per Yuma), e di Chris Morgan (Cellular) chiama in causa niente meno che le Parche della mitologia greca, ed è proprio il Telaio del Fato a decidere chi dovrà morire, attraverso un complesso metodo di decifrazione dei difetti nella trama del tessuto. A Wesley che gli esprime le sue riserve di ordine morale, Sloan (un annoiato Morgan Freeman) risponde che le morti sono necessarie per mantenere il giusto bilanciamento di forze nell’universo tra stabilità e caos: “Uccidendone uno, puoi salvarne mille”.
Il punto è che Bekmambetov è appassionatamente dalla parte del caos, un caos creativo e accattivante in cui le tastiere dei pc vengono usate come armi contundenti e i tasti, seguendo la logica dell’action antagonista, volano in aria componendo una sentita esortazione: “Fuck you”.
L’overdose da humour nero manda il film in anfetaminico corto circuito: i cadaveri vengono usati come bersagli da allenamento, un po’ come nei crash-test, orde di roditori incontrano una fine esplosiva, e le pallottole (flessibili) disegnano impossibili traiettorie a parabola oppure impattano a mezz’aria, mandando lo spettatore in iperventilazione da “Bullet Time”. Naturalmente, in un simile contesto, le divagazioni di ordine morale e i vaneggiamenti sul destino lasciano il tempo che trovano, in quella che è sostanzialmente una tipica fantasia escapista adolescenziale, coreografata magnificamente e di sublime stupidità, ma che spiacerà certo ai critici parrucconi.

Anche questa volta Angelina Jolie si conferma l’unica diva virtuale possibile, un simulacro evanescente come un “aidoru” digitale nipponico, e i suoi tatuaggi sono pura elaborazione grafica, un pattern dalle valenze esclusivamente estetiche, ben lontani da quelli cronenberghiani di Viggo Mortensen, ma affascinanti nella loro sinuosa inutilità. In un ruolo perfetto per Edward Norton, lo scozzese James McAvoy (The Last King of Scotland, Espiazione), passa con convinzione da nerd senza speranza a killer nichilista, Morgan Freeman appare distrattamente impegnato in un’interpretazione di routine.
Si segnala inoltre il gradito ritorno di Terence Stamp nel ruolo di , membro anziano della dissennata setta che disegna letali quanto aggraziati proiettili in un monastero della Morovia Orientale.
Insomma, scollegate il cervello e andate a vedere “Wanted”, di certo non ve ne pentirete.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere