Giovedì 23 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Black book PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 13
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea D'Addio   
lunedì 29 gennaio 2007

Black book
Titolo originale: Black Book
Olanda - Germania - Gran Bretagna: 2006. Regia di: Paul Verhoeven Genere: Bellico Durata: 135'
Interpreti: Carice van Houten, Thom Hoffman, Halina Reijn, Sebastian Koch, Christian Berkel, Waldemar Kobus, Michiel Huisman, Derek de Lint
Sito web:
Voto: 7
Recensione di: Andrea D'Addio

blackbook.jpgErano vent'anni che il regista Paul Verhoeven non faceva un film nel suo Paese, l'Olanda. Il trasferimento negli States non si può certo dire che sia andato male: Robocop, Atto di forza, Basic Instict, Starship Troopers: tutti lavori entrati a torto o a ragione, nella categoria "cult".
Perché è tornato? Domanda lecita, la cui risposta è altrettanto scontata: aveva bisogno di un film che avrebbe potuto progettare con i giusti tempi e modi, senza fretta e senza interferenze… Ispirandosi ad una serie di vicende realmente accadute, ciò che viene raccontato in Black Book è la storia di alcuni resistenti olandesi all'occupazione tedesca durante la seconda guerra mondiale. Protagonista una ex cantante ebrea, la bellissima Rachel Steinn (Carice Van Houten), che una volta persi tutti i genitori durante una disperata fuga in battello verso il Belgio, cerca di aiutare come può i patrioti. Non tutto però è come sembra...ed infatti il film passa dopo oltre un'ora e mezza, dal genere drammatico/azione a quello ancora più avvincente del thriller spionistico. Un film europeo fatto in Hollywood style, ma affatto convenzionale (potrà mai esserlo Verhoeven?). Tante storie sono state raccontate sulla seconda guerra mondiale: eroi, cattivi, morti e salvataggi miracolosi. Black book di originale ha il voler confondere le carte. Nessun buono è davvero buono, la protagonista si mette con un nazista, tutti a prescindere dal proprio ruolo sono pronti a fregare il prossimo. La guerra genera egoismo (oltre che, talvolta, eroismo), e così la lucentezza del denaro diventa l'unica cosa affidabile. Ma è vero anche il contrario i soldi sono l'emblema delle nostre aspirazioni materiali che hanno nella sopraffazione violenta dell'altro l'unico sbocco. Eccoci quindi in un circolo vizioso. Chissà se è proprio questo ciò che ci dice il regista olandese e i suoi sceneggiatori, nell'ultima, "raggelante" scena...

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere