HOME arrow Recensioni film arrow Bellico arrow Full metal jacket
Giovedì 23 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Full metal jacket PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Samuele Pasquino   
sabato 14 febbraio 2009

Full metal jacket
Titolo originale: Full Metal Jacket
USA: 1987 Regia di: Stanley Kubrick  Genere: Bellico Durata: 116'
Interpreti: Matthew Modine, Adam Baldwin, Vincent D'Onofrio, R. Lee Ermey, Dorian Harewood, Arliss Howard, Kevyn Major Howard, Ed O'Ross, John Terry, Kieron Jecchinis, Bruce Boa, Kirk Taylor.
Sito web:
Nelle sale dal: 1988
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Samuele Pasquino

fullmetaljacketDei giovani vengono addestrati per diventare macchine da guerra. Alcuni cederanno, gli altri andranno tutti in Vietnam, dove assisteranno ad episodi di violenza inaudita, affrontando un nemico agguerrito.

Questo film del grande regista Stanley Kubrick rimane uno dei migliori mai realizzati sulla guerra del Vietnam.
C'è una vera e propria indagine psicologica, atta a scoprire e rivelare il modo in cui la guerra agisce sulla natura umana, come essa muta l'animo, quanto dolore possa provocare un evento di tale portata. Viene trattato il soldato in quanto tale, il suo coraggio, le sue debolezze, l'esitazione che può decidere le sorti di una battaglia, in un ritratto quanto mai crudo e realistico.
Il film inizia con l'addestramento e i soprusi verbali del sergente Hartman, il quale prende di mira una recluta e la umilia di fronte a tutti, portandolo praticamente alla pazzia. L'ambiente della caserma è crudele e impietoso, forma soldati pronti a uccidere.
Le conflittualità che si instaurano all'interno delle camerate crea una belligeranza che si fa preludio della guerra combattuta in Vietnam, alcuni meccanismi si mettono in moto, altri saltano, non ci sono schemi definiti che possano delineare una qualche sorta di prevedibilità. Tutto viene improvvisato e le reclute non fanno che sottomettersi alla crudeltà del loro destino, un lampante invito al massacro. Nella seconda parte del film gli uomini vengono assegnati ai vari reparti e uno di loro, Joker, diventa reporter di guerra, testimone di un conflitto inutile, dispendioso e crudele.
A Matthew Modine viene affidato un personaggio complicato ma coerente con le proprie scelte, è acuto, affidabile e coraggioso, nonostante il suo incarico di giornalista di guerra, sebbene militare, lo releghi in seconda fila rispetto ad altri compagni che muoiono a centinaia. Attraverso i soldati, filmati in azioni esemplari e coraggiose a fini propagandistici, si delinea un gioco di potere e conquista che tiene poco conto di numeri e statistiche, in un clima in cui molto poco sembra avere veramente un senso.
Kubrick, con il suo stile freddo ma riflessivo, apparentemente distaccato ma in realtà estremamente attento alle dinamiche in gioco, dirige un atto d'accusa nei confronti di una guerra che ancora oggi fa discutere in America.

Le sue inquadrature dagli sfondi fatiscenti, i movimenti di macchina che si alternano fra accademica stabilità e camera a mano, il suo indugiare con cinismo in macabri dettagli sono caratteristiche necessarie e aderenti ad un verismo simbolico atto a spiegare con toni forti una tragedia immane che ha sconvolto un'intera nazione.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere