Giovedì 17 Aprile 2014
Cinemalia Menù
HOME
ANTEPRIME GRATUITE
RECENSIONI NOVITA'
RECENSIONI FILM
RECENSIONI DVD
I FILM CHE USCIRANNO
GLI INEDITI
CULT MOVIE SCI-FI
SORRIDI CON NOI
PROSSIMAMENTE
LUOGHI COMUNI
ARTICOLI CINEMA
CINEMA E CURIOSITA'
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI E CINEMA
COLLABORA CON NOI
CONTATTACI
STAFF
FEED RSS
NEWS & RUMORS
SERIE TV
Cerca in Cinemalia
Newsletter Cinemalia
Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.
Ricevi HTML?
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Pubblicità
Anteprima TFF

Retrospettiva Sono Sion
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)

Libri & Cinema
Prossimamente
Green Zone PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Biagio Giordano   
lunedì 19 aprile 2010

Green Zone
Titolo originale: Green Zone
USA, Gran Bretagna, Francia, Spagna: 2010. Regia di: Paul Greengrass Genere: Bellico Durata: 156'
Interpreti: Matt Damon, Greg Kinnear, Brendan Gleeson, Khalid Abdalla, Amy Ryan, Jason Isaacs, Michael O'Neill, Antoni Corone, Yigal Naor, Said Faraj, Lewis Alsamari, Martin McDougall, Sean Huze, Raad Rawi
Sito web: www.greenzonemovie.com
Nelle sale dal: 09/04/2010
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Biagio Giordano
L'aggettivo ideale: Denso
Scarica il Pressbook del film

green_zone_leggero.jpegIl regista Paul Greengrass e l’attore  Matt Damon di nuovo insieme nel film Green Zone dopo The Bourne Supremacy e The Bourne Ultimatum-Il ritorno dello sciacallo, il binomio continua a funzionare a meraviglia in un  film sulla guerra irachena del 2003, una pellicola eccezionale per verismo delle immagini, suspense delle azioni, ma soprattutto per la credibilità dell’eroe di turno, l’ufficiale Roy Miller, impersonato da Matt Damon, che anziché trovare nel deserto armi chimiche di distruzione di massa finirà per scovare complotti politici dietro ogni angolo, costringendolo ad un risveglio di  coscienza che lo porterà a deviare da ogni direttiva impostagli dall’alto e a cercare la soluzione del rebus politico principale.

Paul Greengrass sceglie di sceneggiare il film con una trama semplice e lineare, privilegiando l’aspetto visuale dell’azione, della cinepresa (Barry Ackroyd) ispirata nel suo lavoro al solo momento del ciak, che riempie ogni scena di un evento di guerra specifico, ben dettagliato, ricco di tensione, in una successione di immagini sempre più drammatica che sembra avvisare lo spettatore dell’avvicinamento a verità essenziali, a realtà non più intuite o ipotizzate ma del tutto visibili.
Pur arrivati a Bagdad da vincitori gli americani brancolano in un buio di paure e incertezze,  temono di non riuscire a padroneggiare un territorio così vasto e sconosciuto, popolato da tre etnie politicamente imprevedibili come quelle dei sunniti, degli sciiti, e dei curdi. Presa la capitale occorre costruire un governo fantoccio e attivare una falsa democrazia, ben pilotata dagli strumenti del potere americano interessato più al petrolio iracheno che alla libertà della  popolazione, l’oro nero dell’Iraq infatti, per quantità, al momento della guerra risultava al secondo posto nel mondo.
Successivamente  il vero  scopo dell’invasione dell’Iraq da parte degli americani risulterà  agli occhi del mondo alquanto banale: rafforzare la presenza americana nella produzione mondiale del petrolio.

Presa Bagdad, da una parte gli americani  sperano di trovare nel deserto le armi di distruzione di massa per acquisire  a livello internazionale e con l’ONU più credibilità e maggiori consensi, anche se su di esse aleggia uno strano mistero politico, dall’altra  cercano di entrare in contatto con il generale capo dell’esercito iracheno, Al Rawi, per proporgli una collaborazione fatta di conoscenze e di scambi di potere, come la guida dell’esercito iracheno a difesa del nuovo governo e della nascente pseudodemocrazia, cosa che avrebbe garantito anche una più efficace azione antiterroristica sui ribelli, e l’individuazione dei siti dove  presumibilmente venivano tenute nascoste  armi particolari.
Nel film la resistenza irachena  farà il possibile perché Al Rawi non cada nelle mani di Roy Miller, mettendo in preventivo anche l’eventuale assassinio del generale.

Il film sembra voler interpretare tutto un pensiero critico nei confronti della guerra americana in Iraq, diffusosi prima, durante e dopo l’invasione, soprattutto nelle popolazioni cristiane e di orientamento politico di sinistra o liberal democratico.
Pensiero che il film riassume in modo mirabile quando a un certo punto l’ufficiale Miller si scaglia contro il politico che rappresentava il governo americano a Bagdad urlandogli che per una questione etica e di efficienza l’esercito deve sempre conoscere le vere ragioni di una guerra e che nella lotta armata che stavano vivendo tutto ciò rimaneva un tragico mistero.
Da più parti è stato scritto che il regista Greengrass ha inaugurato con i suoi film di guerra uno stile nuovo, assolutamente inedito, riuscendo a fare di ogni scena una cellula del film a sé, dove non manca mai una suspense, una drammatizzazione, una tensione, caricando quindi il film al massimo di cartucce visive esplosive, rendendolo piacevolmente denso, privo di ogni attesa o falsa aspettativa, togliendo orpelli visivi inutili, e imbastendo una narrazione dal significato scopribile in una modalità lineare, a successione, tutto ciò è vero ma forse il pericolo è di ripetersi troppo, soprattutto per quanto riguarda il modo di costruire la struttura logico-narrativa, cosa che potrebbe portare in futuro ad annoiare un po’ il pubblico anche se riconoscerebbe sempre per il resto tutti i meriti fotografici dei suoi film.

 

Commenti 

 
0 #1 michela 2010-07-30 10:45
Bello..mi è proprio piaciuto..
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_home_1.png twitter_home_1.png facebook_home_1.png SiteBook


Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
The Five
Montage Florence Korea Film Fest
Our Sunhi Florence Korea Film Fest
Why don’t you play in hell? Venezia 2013
Secretly, Greatly Florence Korea Film Fest
Hide and Seek Film d'apertura del Florence Korea Film Fest
Hwayi: A Monster Boy
The Face Reader
The White Storm
R100 Toronto Film Festival
The Terror Live
No Man’s Land
Real Toronto Film Festival
Unbeatable
Blind Detective Courmayeur Noir in Festival
A Woman and War Anteprima Torino film festival
Snowpiercer Festival di Roma
Il tocco del peccato Festival di Roma
Young Detective Dee: Rise of the Sea Dragon Festival di Roma
Tales from the Dark Festival di Roma
Possession Asiatica Film Mediale
Killer Toon
Moebius
New World
The Berlin File
The Land of Hope
The Last Supper Far East Film Festival
Journey to the West: Conquering the Demons Inedito
Outrage Beyond XI Asian Film Festival
Lethal Hostage XI Asian Film Festival
Gli articolii più letti
Box Office
I Top Movie del Week-End dal 14 al 16 Marzo 2014
1 300: L’ALBA DI UN IMPERO € 90.057 - 14.423 spettatori
2 NEED FOR SPEED € 65.880 - 10.185 spettatori
3 ALLACCIATE LE CINTURE € 61.557 - 11.754 spettatori
4 47 RONIN - 3D € 53.516 - 8.209 spettatori
5 LEI (HER) € 39.973 - 7.316 spettatori
6 MR. PEABODY E SHERMAN € 34.660 - 6.692 spettatori
7 LA BELLA E LA BESTIA € 30.813 - 6.126 spettatori
8 SUPERCONDRIACO - RIDERE FA BENE ALLA SALUTE € 25.917 - 4.985 spettatori
9 12 ANNI SCHIAVO € 21.886 - 4.211 spettatori
10 SOTTO UNA BUONA STELLA € 21.156 - 5.663 spettatori
In Blu-Ray a Aprile
Aspirante vedovo
Something Good
Frozen - Il regno di ghiaccio
Lo Hobbit - La desolazione di Smaug
I sogni segreti di Walter Mitty
Escape Plan - Fuga dall'inferno
Capitan Harlock
Oltre i confini del male - Insidious 2
Un boss in salotto
Botte di fortuna
In solitario
Comic Movie
Il paradiso degli Orchi
Lo sguardo di Satana - Carrie
Archivio per genere
Sondaggi