Giovedì 23 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Green Zone PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
martedì 20 aprile 2010

Green Zone
Titolo originale: Green Zone
USA, Gran Bretagna, Francia, Spagna: 2010. Regia di: Paul Greengrass Genere: Bellico Durata: 156'
Interpreti: Matt Damon, Greg Kinnear, Brendan Gleeson, Khalid Abdalla, Amy Ryan, Jason Isaacs, Michael O'Neill, Antoni Corone, Yigal Naor, Said Faraj, Lewis Alsamari, Martin McDougall, Sean Huze, Raad Rawi
Sito web: www.greenzonemovie.com
Nelle sale dal: 09/04/2010
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Piacione
Scarica il Pressbook del film

green_zone_leggero.jpegCome si fa a parlare della più grande bufala degli ultimi cinquantanni spiegandone le motivazioni e facendo nomi e cognomi ? Per bufala drammatica intendiamo le motivazioni della guerra in Iraq.
Vi ricordate Colin Powell - faccia onesta e ministro degli esteri USA - alla conferenza stampa di Febbario 2003 quando dichiara che ci sono le prove delle armi di distruzione di massa in Iraq ?
E dei giornali americani che ci rifilavano la bufala che l'esercito iracheno era organizzatissimo, forse il quarto esercito più forte al mondo ? E tutte le baggianate di voler riportare la democrazia in quel Paese? E alla fine sembrava che Saddam fosse l'autore dell'11 Settembre e che era alleato con Osama. Argomento difficile da trattare e politicamente ancora più complesso, perché gran parte di quei signori che hanno organizzato in seconda fila il massacro sono ancora lì, al centro del potere.

E allora un film doverosamente di taglio politico si trasforma in un film di guerra e la guerra ci fa dimenticare un po' le colpe oscene di Bush, figlio e padre, Colin Powell, Dick Cheney, Condoleza Rice, Donald Rumsfeld. Tuttavia nel film ci sono due o tre momenti di critica all'impegno americano in Iraq ( come la visione dell'interno di un carcere, il trattamento di alcuni civili, la piscina di un albergo dove si fanno affari e complotti e si dimentica di essere in un luogo di morte e sofferenza ) ma forse involontariamente il tutto trova una giustificazione perché la guerra in fondo non è un invito a pranzo e l'orrore è nelle cose stesse delle armi.

Siamo in Iraq nel 2003, l'esercito americano crede d'aver vinto una guerra che non ha ancora combattuto.
L'esercito baatista di Saddam si è nascosto e aspetta di essere richiamato dagli americani a rifare un Iraq senza Hussein.
E' il momento per i soldati americani di trovare quelle armi di distruzione di massa che hanno scatenato il conflitto e che giustificherebbe tutto e permetterebbe con maggiore tranquillità gli affari per il capitalismo americano.
L'ufficiale Roy Miller, valoroso e coraggioso soldato, è a capo di una delle squadre che ogni giorno si reca nei siti indicati come probabili nascondigli delle famigerate armi, ma non trovano nulla e qualche soldato ci rimette anche la vita inutilmente. Miller è l'unico che si fa delle domande, trova il suo lavoro inutile e incomprensibile e desidera saperne di più.
Chiede ripetutamente ma non riceve risposte. Casualmente entra in possesso di un  libretto che indicherebbe i luoghi dove si nasconde il Generale Al Rawi (il Jack di Fiori secondo il mazzo di carte fornito dal governo e l'unico che dovrebbe conoscere la verità sulle armi di distruzione di massa).
Non sapendo di chi fidarsi tra un burocrate del governo che muove tutti i fili e un capo della Cia, dopo poco preferisce fidarsi del secondo ma punta sul cavallo perdente. E' obbligato quindi a non procedere dai suoi superiori e di rientrare nei ranghi.
Ma con un clichè da film hollywoodiano Miller decide di trovare Al Rawi da solo e salvarlo dai suoi colleghi che, invece che arrestarlo, vogliono ucciderlo. E attraverso la caccia scoprirà il reale motivo della guerra in Iraq.

Il soggetto è tratto dal libro "Imperial Life in the Emerald City: Inside Iraq's Green Zone" di Rajiv Chandrasekaran, un giornalista indiano-americano che scrive per il Washington Post e che è stato a Baghdad, a Cairo e nel Sudest asiatico oltre che in Afghanistan. Il romanzo che ha avuto molti riconoscimenti negli Stati Uniti ma che non è stato pubblicato in Italia racconta in modo 'romanzato' le motivazioni dietro la seconda guerra in Iraq e il film trova la sua vera ragione d'esistere più nella scelta di una storia di genere che non in un thriller politico.
Il regista ( conosciuto per due film importanti La teoria del volo e Bloody Sunday, sulla domenica di sangue a Derry in Irlanda ) in questo suo ultimo lavoro non pretende di insegnarci niente che non conosciamo già, anzi si appoggia a un finale già noto ( le armi di distruzione non ci sono ), dando per scontato il tutto senza nemmeno criticare le scelte di Bush e non scavando oltre.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere