HOME arrow PROSSIMAMENTE: arrow Kim Jee-woon omaggia Sergio Leone con Il Buono il Matto il Cattivo
Sabato 22 Gennaio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Kim Jee-woon omaggia Sergio Leone con Il Buono il Matto il Cattivo PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
sabato 19 novembre 2011

Kim Jee-woon omaggia Sergio Leone con Il Buono il Matto il Cattivo

Film del 2008, presentato all’Udine Far East Film Festival 12, “Il Buono il Matto il Cattivo” è l’omaggio del regista coreano Kim Jee-woon a Sergio Leone e agli spaghetti western. Esce nelle sale italiane grazie alla Tucker Film, impegnata attivamente nella promozione di una serie di film asiatici che era un delitto trascurare.
Sono svariati i cineasti asiatici che si dilettano affrontando sempre generi diversi e ciò non è mai stato così vero come per Kim Jee-woon, il quale fino ad oggi ha realizzato sei film di sei generi differenti. Dalla black comedy “Quite family” (1998), con la quale ha fatto il suo esordio cinematografico, è passato alla commedia sportiva “The Foul King” (2000). Non si è fatto mancare un film horror: “Two Sister” (2003), che ha raccolto largo consenso di critica e successo commerciale, e poi un noir: “Bittersweet Life” (2005). Il recente “I saw the Devil” del 2010 è una detective story che tiene tesi come le corde di un violino, incollando lo spettatore alla sedia. Con “Il Buono il Matto il Cattivo” rivolge il suo interesse al western, attuando un tributo a uno dei più grandi cineasti italiani, che ha influenzato intere generazioni di registi in tutto il mondo.

Kim Jee-woon è uno dei registi di maggior talento visivo del cinema coreano contemporaneo (oltre ad essere anche un bravo sceneggiatore). Tutti i suoi film sono caratterizzati da una superba cura dell’immagine, che è magnetica e monopolizza lo sguardo dello spettatore. Chi non è rimasto incantato da “Two Sister” o “Bittersweet Life” (distribuito in Italia dalla Lucky Red)?
In pochi anni Kim è riuscito a imporsi sulla scena internazionale, le sue opere hanno partecipato a numerosi festival in tutto il mondo e hanno vinto nel complesso 15 premi.
Ne “Il Buono il Matto il Cattivo” il cineasta si concentra sul linguaggio visivo del genere e ne rispecchia lo stile. L’idea del film non nasce con l’intento di rifare il film di Sergio Leone, ma di dare una personale reinterpretazione, che segua la sensibilità di narratore di Kim Jee-woon.

L’azione è l’elemento preponderante del film, differenziandosi dai silenzi, le pause e le lunghe inquadrature dell’originale. Il regista orchestra sparatorie e duelli calcolati inquadratura per inquadratura, con il risultato di un montaggio entusiasmante, che conferisce un ritmo incalzante. I movimenti di macchina sono catalizzanti e meravigliosamente eleganti, soprattutto quando in una sequenza la cinepresa si muove a volo d’uccello, inquadrando il paesaggio dall’alto, dando l’impressione di essere una soggettiva dell’aquila presente in apertura di film.
Nell’epilogo viene riprodotto il confronto a tre dell’originale, ma mentre ne “Il Buono il Brutto il Cattivo” la cinepresa è posta davanti al personaggio posizionato al centro, Kim Jee-woon la colloca alle sue spalle, quasi a voler dare un altro punto di vista. Inoltre sottolinea come quello rappresentato sia uno scontro all’ultimo sangue, accanendosi sui corpi martoriati dalle pallottole che i tre uomini si sparano a vicenda.

“Il Buono il Matto il Cattivo” è, nondimeno, permeato da un aspetto ludico, che lo rende ilare. Il Matto Tae-gu è delineato in maniera spassosa: la sua faccia, che sbuca dalla porta del casolare dove è stato legato come un salame, è irresistibile, come altre mille situazioni in cui il malcapitato si viene a trovare. Il regista ha anche utilizzato un paio di espedienti per generare le risa dello spettatore: gli occhiali da sole e il casco da palombaro indossati da Tae-gu, in momenti differenti, talmente inaspettati che spiazzano per qualche istante.
Le musiche superbe di Ennio Morricone non possono essere eguagliate (e certamente non è stato questo il proposito del regista), tuttavia Kim Jee-woon ha creato una ragnatela musicale che scandisce bene ogni cambio narrativo, ogni sequenza.
Per ciò che riguarda l’aspetto attoriale, Song Kang-ho (il matto) e Lee Byung-hoon (il cattivo) hanno già lavorato con Kim: il primo in “Quite family” e in “The Foul King”; il secondo in “Bittersweet Life” e nel successivo “I saw the Devil”.
L’interpretazione del poliedrico e bravissimo Song Kang-ho mette in ombra i pur bravi Lee Byung-hoon e Jung Woo-sung (il buono).
Tutti i mezzi messi a disposizione hanno permesso al regista di dar vita ad un film che non si è fatto mancare nulla: paesaggi sconfinati, armi in abbondanza e di ogni genere, migliaia di comparse e naturalmente un’idea, quella del soggetto originario, di sicuro effetto.

Francesca Caruso

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere