HOME arrow PROSSIMAMENTE: arrow Stasera in tv su Italia 1: "The Day After Tomorrow - L'alba del giorno dopo"
Giovedì 27 Gennaio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Stasera in tv su Italia 1: "The Day After Tomorrow - L'alba del giorno dopo" PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedì 17 novembre 2015

Stasera in tv su Italia 1: "The Day After Tomorrow - L'alba del giorno dopo"

Trama
Il paleoclimatologo Jack Hall (Dennis Quaid) ha una teoria molto particolare: l’effetto serra ed il conseguente surriscaldamento del globo porteranno ad una reazione totalmente inversa del nostro pianeta che reagirà con una devastante nuova era glaciale.
Per dimostrare ciò Hall ha ideato un software che può calcolare questi eventi, quello che non sa è che le sue statistiche e i dati forniti dal suo software, che prevedono un evento simile avverarsi nell’arco di circa cento anni, avranno una brusca e inprevedibile accellerazione e la glaciazione investirà il pianeta nel giro di pochi giorni.
Da una stazione di monitoraggio Il professore e climatologo scozzese Terry Rampson (Ian Holm), capisce l’accellerarsi degli eventi e comincia una collaborazione a distanza con Hall, quest’ultimo raccolti i dati rende partecipi anche le autorità che invece di agire tempestivamente lo accusano di essere a caccia di notorietà e ne ignorano gli avvertimenti.
La situazione degenera, arrivano le piogge, i cataclismi naturali, un mastodontico fronte di aria gelida investe il globo, è in atto una nuova glaciazione. Hall scoprirà che il figlio Sam (Jake Gyllenhaal), partito per un concorso scolastico è in pericolo imprigionato nel bel mezzo di una New York, prima devastata da uno tsunami e poi piombata in un glaciale e letale inverno.
Lo scienziato con un fido collaboratore e amico deciderà di raggiungere il figlio per portarlo in salvo. Hall, esperto di traversate in situazioni estreme, cercherà di raggiungere New York prima che l’ondata di gelo finale uccida sia lui che il figlio asserragliato in una biblioteca della città con alcuni superstiti.

Considerazioni
The Day After Tomorrow - L’alba del giorno dopo è un classico disaster-movie attualizzato, che utilizza odierne e fondate paure come il surriscaldamento del pianeta e gli sconvolgimenti climatici in atto. Questo da sicuramente una marcia in più all’operazione visto che il regista si è ben documentato spettacolarizzando le varie teorie espresse nell’arco degli ultimi anni da illustri scienziati di fama mondiale, non abbandonando mai del tutto un certo realismo di fondo.
Il cast è ricco e variegato, su tutti citiamo il veterano Ian Holm ed un credibile Dennis Quaid, ma sono gli effetti speciali a farla da padrone, ben rappresentate le devastazioni, tutto è all’insegna dell’eccesso visivo, ma il regista Roland Emmerich (Independence Day, 2012) ci ha abituati a questa ipervisione da kolossal catastrofico.
C’è da dire che il film coinvolge il giusto e a tratti turba, però come in ogni altra produzione in cui viene fatto un massiccio uso di effetti digitali la parte più "umana" dell’operazione rimane un po' in disparte rischiando di naufragare sotto i colpi di effetti digitali e computer grafica. Anche se nel complesso il film risulta un po' "freddo", The Day After Tomorrow - L’alba del giorno dopo rimane comunque un godibile rappresentante del genere cui fa riferimento.

Curiosità
20th Century Fox ha invitato un gruppo di scienziati per visualizzare in anteprima il film, per testare le loro reazioni alla scienza usata nel film. Nessuno degli scienziati è rimasto colpito da quello che hanno visto, anche se la maggior parte ha ammesso che il film era una piacevole sciocchezza.

La scena dell'attraversamento del fiume è stata effettivamente girato sul confine Usa-Messico e le comparse stavano davvero attraversando il Rio Grande verso il Messico.

Una consultazione con scienziati della NASA è stata richiesta prima delle riprese del film, ma la NASA ha dichiarato che gli eventi del film erano troppo assurdi per verificarsi realmente ed ha quindi negato la richiesta. In un primo momento la NASA ha anche inviato una nota, poi ritirata, a tutti i suoi dipendenti in cui li avvertivano di non essere autorizzati a commentare gli eventi rappresentati nel film.

Nel 2008 Yahoo! Cinema ha elencato il film come uno dei 10 film più scientificamente accurati.

L'esercito americano ha prestato alcuni elicotteri UH-60 Blackhawk per la scena di salvataggio alla fine de film, spingendo le autorità canadesi a rassicurare gli abitanti di Montréal che non fosse in atto un'invasione dagli Stati Uniti.

Matt Stone e Trey Parker, creatori di South Park, sono riusciti a mettere le mani su una copia della sceneggiatura di questo film durante la pre-produzione. I due avevano pianificato di girare di nascosto lo stesso film parola per parola con pupazzi al posto degli attori e di rilasciarlo nello stesso giorno. Il duo ha abbandonato questi piani dopo che il loro avvocato li ha convinti che un film del genere non sarebbe mai arrivato in sala.

Roland Emmerich ha confessato che la Statua della Libertà avrebbe ceduto di fronte alla forza della massiccia quantità di acqua che la travolge nel film, ma ha dichiarato di aver voluto creare un simbolo di valori americani che si ergeva contro le forze della natura.

C'era qualche dubbio nel team di produzione di mettere in scena una grave catastrofe che colpisce New York, in particolare dopo l'11 settembre. Ironia della sorte questa sensibilità non sembrava essere condivisa dagli stessi newyorchesi. Ogni volta che la Grande Mela veniva colpita dall'enorme maremoto il pubblico in sala gioiva rumorosamente.

Il film è stato originariamente sceneggiato con Sam e i suoi amici descritti come undicenni, ma il regista e sceneggiatore Roland Emmerich li ha modificati in studenti delle scuole superiori per avere nel film Jake Gyllenhaal, che Emmerich aveva visto in Cielo d'ottobre (1999).

Il casting di Kenneth Welsh come Vice Presidente è stato controverso, a causa della sua somiglianza fisica con l'allora vicepresidente degli Stati Uniti Dick Cheney. Tuttavia Roland Emmerich ha insistito sull'attore proprio per questo motivo, ammettendo che i personaggi del Presidente e del Vicepresidente erano destinati a rappresentare una critica all'amministrazione Bush / Cheney e alla loro opposizione al Protocollo di Kyoto per la riduzione globale delle emissioni di gas serra.

La Croce Rossa ha messo su diversi stand nei cinema degli Stati Uniti per distribuire agli spettatori opuscoli con informazioni su cosa fare per tenersi al sicuro durante tornado, inondazioni e tempeste di neve.

Il respiro che esce dalle bocche degli attori nelle scene fredde è stato tutto aggiunto in seguito utilizzando CG. Questo si è rivelato un modo più pratico di farlo, piuttosto che congelare il set.

"The Coming Global Superstorm", un saggio di Art Bell e Whitley Strieber, è stato utilizzato come riferimento da Roland Emmerich per il film. Il regista ammette che mentre gli eventi ritratti nel film sono effettivamente possibili, il lasso di tempo in cui si svolgono è poco plausibile, troppo breve e su misura per fornire puro intrattenimento. In linea con il tema ecologico del film, Emmerich ha pagato 200.000$ di tasca propria per rendere la produzione a "zero emissioni", la prima del suo genere a Hollywood. Tutta l'anidride carbonica emessa dalla produzione è stata compensata con il piantare alberi e investire nelle energie rinnovabili.

Roland Emmerich ha iniziato a scrivere la sceneggiatura, mentre stava girando Il patriota (2000). Si fermò dopo l'11 settembre pensando che un film catastrofico fosse inadeguato dopo un vero tragico evento di portata globale.

Roland Emmerich ha stimato che almeno 1000 artisti digitali hanno lavorato al film.

L'immagine piatta della superficie terrestre utilizzata durante la presentazione è disponibile al pubblico e può essere scaricata a questo LINK.

Nove aziende di effetti speciali hanno lavorato al film per oltre un anno.

Quando la macchina da presa si allontana dalla Terra dopo che l'astronauta esclama "l'aria è così pulita", l'immagine della Terra è una versione modificata dell'immagine "Blue Marble", creata da Robert Simmon. L'immagine Blue Marble è composta da migliaia di foto satellitari e alcune delle nuvole sono duplicate. L'iPhone di Apple utilizza l'immagine Blue Marble come sfondo predefinito.

Il filmato dell'aereo che si è schiantato nel Midwest prima del divieto di volo emesso della FAA sono in realtà immagini d'archivio dell'incidente dell'Avianca Airlines avvenuto a Long Island nel gennaio 1990. Il filmato dell'uragano è invece dell'uragano Iniki che ha colpito le Hawaii nel 1992 ed è stato girato da Aaron Boyd assistente di Roland Emmerich, che ha ribattezzato la tempesta "Hurricane Noelani" come la sua moglie hawaiana. Il filmato della tormenta nel Regno Unito è un servizio news del gennaio 2002.

Emmy Rossum ha accettato il ruolo di Laura dopo che Lindsay Lohan aveva dato forfait per altri impegni. Questa era la prima volta che la Rossum prendeva un ruolo originariamente destinato alla Lohan. In seguito sarebbe successo di nuovo con Poseidon (2006), un altro disaster-movie.

Il film ha avuto l'approvazione di Al Gore.

Il film costato 125 milioni di dollari ne ha incassati worldwide circa 544.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere