HOME arrow PROSSIMAMENTE: arrow Stasera in tv su Rete 4: "Green Zone" con Matt Damon
Giovedì 27 Gennaio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Stasera in tv su Rete 4: "Green Zone" con Matt Damon PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
giovedì 12 febbraio 2015

Stasera in tv su Rete 4: "Green Zone" con Matt Damon

Rete 4 stasera propone "Green Zone", film drammatico del 2010 diretto da Paul Greengrass e interpretato da Matt Damon, Amy Ryan, Greg Kinnear e Brendan Gleeson.

La trama
E' il 2003, il primo maresciallo luogotenente Roy Miller (Matt Damon) e la sua squadra di ispettori ricevono dai loro comandanti l‘incarico di scovare nel deserto dell‘Iraq i depositi dove si suppone siano custodite armi di distruzione di massa. Sfrecciando da un‘insidia all‘altra, in luoghi zeppi di trappole esplosive, gli uomini ricercano i composti chimici mortali, ma si imbattono in un‘elaborata copertura che sconvolge il proposito della loro missione.
Preso nell‘intrigo delle operazioni di altri agenti segreti, Miller deve portare avanti il suo compito, muovendosi tra spie dell‘intelligence corrotte sotto copertura e nascoste sul suolo straniero, alla ricerca di risposte che porteranno all‘annientamento di un regime renitente o all‘intensificazione dello stato di guerra in una regione politicamente instabile. Con un ritmo furioso, in un luogo altamente pericoloso, egli scoprirà che tra tutte, l‘arma più difficile da trovare è la verità.

greenzone_articolo.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Considerazioni

Paul Greengrass sfoggia l’impronta visiva dinamica che lo contraddistingue e utilizzando un approccio in fase di sceneggiatura improntato al thriller, punta sulla ormai consolidata versatilità di un Matt Damon capace, alla stregua del collega Tom Hanks, di sfruttare un volto ed una recitazione mai pienamente caratterizzanti e riconoscibili, doti indispensabili per incarnare personaggi ordinari in situazioni straordinarie.
Green Zone funziona a dovere, sfoggiando un meccanismo ben rodato che miscela il thriller-politico, immergendolo in un ansiogeno scenario di guerra, vedi "Nessuna verità" di Ridley Scott, con qualche doverosa incursione action, vedi "The Kingdom" di Peter Berg, a cui si aggiungono due comprimari di lusso come Greg Kinnear e Brendan Gleeson a supporto di un protagonista efficace ed una messinscena realistica.
A parte un epilogo visivamente caotico ed eccessivamente diluito, il film di Greengrass risulta nel complesso ben confezionato e riesce ad intrattenere con indubbia efficacia.

Curiosità

- Il film è ispirato al libro "Imperial life in the Emerald city" del giornalista americano di origine indiana Rajiv Chandrasekaran, che ha descritto gli straordinari livelli di incompetenza, ignoranza e lotte intestine che si sono verificati all'interno della "Zona Verde" di Baghdad. Il team di produzione ha opzionato il libro, ma il film non è un adattamento.

- La zona verde è il nome più comune che prende la zona internazionale di Baghdad. Si tratta all'incirca di 10 chilometri quadrati (3,8 miglia) del centro di Baghdad (Iraq) adibita a centro dell'autorità provvisoria della coalizione e centro della presenza internazionale in città. Il suo nome ufficiale sotto il governo provvisorio iracheno è "Zona Internazionale", anche se Zona Verde rimane il termine più usato. Subito all'esterno di questa zona ve ne è un'altra chiamata Zona Rossa e si riferisce a tutto il perimetro rimanente della città di Baghdad, ma anche a tutte quelle aree non protette al di fuori del sito militare. Entrambi questi termini sono nati come denominazione militare.

- Molti dei soldati nell'unità WMD di Matt Damon non erano attori, ma veri veterani di guerra che hanno prestato servizio in Iraq e Afghanistan. Damon ha detto che la sua più grande sfida era sapere che era un attore che stava dando ordini a veri soldati.

- Il budget è lievitato perché Matt Damon, Paul Greengrass e lo studio non erano contenti del finale originale del film. L'ultimo terzo del film è stato girato nuovamente e tutto è stato complicato dal fatto che nwl frattempo Damon aveva già lasciato il set per girare The Informant! (2009) e le nuove riprese dovevano essere reinterpretate mesi più tardi per farle coincidere con gli impegni dell'attore.

- Le scene del centro di Baghdad sono state girate in Marocco.

- Gli occhiali indossati da Matt Damon nel film sono degli "Oakley M Frame".

- Il regista Paul Greengrass ha iniziato la sua carriera girando documentari in zone di guerra.

- Il personaggo di Ahmed Zubaidi è basato su Ahmad Chalabi, un politico iracheno che ha fatto pressione per l'invasione americana dell'Iraq.

- Igal Naor, l'attore che interpreta il generale Al Rawi (il comandante in capo dell'esercito di Saddam Hussein) ha interpretato Saddam Hussein due anni prima nella serie tv House of Saddam (2008). Naor è un attore israeliano di origine ebraica e irachena.

- Le iconiche "Spade incrociate" alle porte di Baghdad che si vedono nel film sono in realtà delle gru noleggiate che sono state sovrapposte con CG in post-produzione.

- Ray Miller è basato su un militare dell'esercito americano di nome Richard "Monty" Gonzales, che aveva il compito di dare la caccia alle armi di distruzione di massa dopo la caduta di Baghdad. Gonzales è stato assunto come consulente per il film.

- Il film costato 100 milioni di dollari ne ha incassati worldwide circa 94.


 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere