HOME arrow ARTICOLI CINEMA: arrow Cinema e Cinema arrow Udine Far East Film Festival 13: Tributo ad Asakura Daisuke e ai pinku eiga
Mercoledì 28 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Udine Far East Film Festival 13: Tributo ad Asakura Daisuke e ai pinku eiga PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
martedì 10 maggio 2011

Udine Far East Film Festival 13: Tributo ad Asakura Daisuke e ai pinku eiga

La 13a edizione dell’Udine Far East Film Festival dedica una retrospettiva di 15 film ai pinku eiga, facendo un tributo alla produttrice Asakura Daisuke e, di conseguenza, alla sua Kokuei.
È stata la società di distribuzione Kokuei a dare il via a quello che diventerà un genere molto seguito dal pubblico, soprattutto tra gli anni ‘60 e ’70, arrivando in buona salute fino ai giorni nostri, sapendosi evolvere e rinnovare. Il merito lo si deve a uno dei fondatori della Kokuei, Yamoto Teruo, che ha intravisto nei pinku eiga (t.l. film rosa – temine che indica i soft-porno giapponesi) un mercato molto più redditizio sia dei film educativi che d’animazione (verso i quali si era orientato inizialmente).
Questa definizione è stata coniata nel settembre del 1963 dal giornalista Murai Minoru in un articolo pubblicato sul Naigai Times in merito al film “Cave of Lust”, una versione al femminile di Tarzan. Il “rosa” sta ad indicare la corposa presenza femminile in questi film, poi adottato permanentemente con l’intento di portare al cinema anche le coppie d’innamorati.
I primi film non hanno vita facile: accusati di oscenità alcuni vengono confiscati dalla polizia, altri devono passare obbligatoriamente sotto le mani della censura.
Tutti vengono visti in maniera negativa, soprattutto dalle autorità, eppure i pinku eiga non sono dei semplici film a sfondo erotico, l’eros è molto presente, tuttavia al loro interno si possono trovare sia tematiche politiche che sociali o di cronaca (come “Angeli Violati” - 1967 - di Koji Wakamatsu).

La loro carica dirompente è sta notata dal Festival di Berlino, che ha selezionato in concorso “Il segreto tra le mura” (1965), sempre di Wakamatsu, come rappresentante del cinema giapponese.
Col passare degli anni si aggiungono altri tre produttori alla Kokuei: Yamoto Kazuyuki, figlio di Yamoto Teruo, Nao Shinichi e Sato Keiko, i quali iniziano a investire nei registi giovani. I tre condividono lo pseudonimo Asakura Daisuke, per differenziarsi dai film prodotti da Yamoto Teruo e anche per celare la produttrice donna, che avrebbe potuto sollevare curiosità e scetticismo nel pubblico. Nel 1982 Yamoto Kazuyuki muore prematuramente all’età di 42 anni (Nao Shinichi aveva già da tempo lasciato la società e Yamoto Teruo si era ritirato) e Sato Keiko rimane l’unica a tenere le redini della società e quello che oramai è diventato il suo pseudonimo: Asakura Daisuke.
La Kokuei ha saputo nel corso degli anni stare al passo con i cambiamenti in atto nella società, i pinku eiga hanno subito diverse evoluzioni: dai toni violenti e di ribellione si è passati all’approfondire le relazioni interpersonali tra i personaggi. Sato Keiko è stata testimone e fautrice di tutto questo, lavorando in questo settore dal 1963.
Con il nuovo musical pink “Underwater Love” (2011), presentato al Far East, Asakura Daisuke dimostra quanto questo genere sia ancora vivo e sappia trovare strade sempre nuove per esprimersi.

Tra i numerosi ospiti internazionali presenti al Far East Film Festival 2011 ci sono stati quattro rappresentanti dei pinku eiga: la produttrice Asakura Daisuke e tre registi che hanno iniziato la loro carriera cinematografica realizzando i film rosa: Sakamoto Rei, Moriya Kentaro e Hiroki Ryuichi.
Durante l’incontro col pubblico e con la stampa del Far East, ognuno di loro ha parlato della propria esperienza e degli inizi lavorativi.

Asakura Daisuke: Negli ultimi cinquant’anni ci sono stati numerosi cambiamenti e le condizioni in cui si realizzano i pinku eiga sono notevolmente variate. In principio c’era un’unica casa di produzione e distribuzione e la maggior parte delle opere di quel periodo (gli anni ’60) uscivano in sala grazie ad essa. Inoltre un aspetto da tener presente è che all’epoca non c’erano dei diritti stabiliti, il settore non si era ancora sviluppato e quindi ciò di cui si discuteva era di come dar corpo alle trame e ai contenuti dei film, tutto il resto veniva dopo.

Hiroki Ryuichi: Quando ho iniziato io era praticamente impossibile entrare nel settore cinema. Le case cinematografiche erano un numero esiguo e quando ho sentito che nel settore dei pink movie cercavano giovani registi, insieme con un mio amico, ci siamo armati di faccia tosta e ci siamo presentati dicendo che volevamo fare un film anche se non avevamo una sceneggiatura pronta. La verità è che non avevamo nessuna esperienza a livello tecnico.
Ci dissero che potevamo iniziare come aiuto regista. Così dalla sera alla mattina da dilettante sono diventato assistente alla regia. L’apprendistato durava tre anni e se in questo lasso di tempo non sarei riuscito a passare da assistente a regista, mi dissero che avrei fatto meglio a lasciare la carriera cinematografica. Se si faceva l’assistente si lavorava con un solo maestro e in quei tre anni abbiamo realizzato dieci o forse venti film e non ho mai neanche usato il ciak (ride).

Sakamoto Rei: Ho iniziato a fare cinema nel 1994, quando c’era un certo tipo di boom del settore, ma rimaneva comunque complicato entrarci. Ho avuto la fortuna di conoscere un collega universitario che mi ha introdotto in questo ambiente.
Le ragioni per cui ho accettato di fare pinku eiga sono tre: la prima è che sono convinto che dalla quantità possa nascere la qualità. La seconda è che volevo utilizzare la 35mm per essere distribuito nelle sale e infine la terza è perché nell’arco di tre anni potevo diventare un regista a tutto tondo.
Ho fatto l’aiuto regista per cinque anni. In totale mi sono occupato di quaranta pellicole, in quanto il periodo di produzione è molto più breve rispetto agli altri generi. Il ritmo era di un film al mese, quando ho iniziato io, e poteva capitare che la realizzazione di più progetti si potesse sovrapporre.

Moriya Kentaro: Ho iniziato a lavorare nel 1992 nelle produzioni televisive, fino ai trent’anni sono andato avanti realizzando programmi musicali e televisivi. Non sapevo che ci volesse un passaggio particolare per approdare al cinema. Ho deciso di creare un corto, che è stato ben accolto e ha ricevuto dei premi. Oshima Nagisa mi ha premiato a un Festival. Ciò mi ha dato lo spunto per intraprendere questa direzione e voler fare un lungometraggio. Nel 2000 in Giappone accade un fenomeno particolare, che vede diversi registi passare da un settore ad un altro, concentrandosi in quello prettamente cinematografico e nel 2005 realizzo il mio primo lungometraggio: “School Daze”.

Ci sono più rischi che in passato nel produrre film oggi?

Asakura Daisuke: Con lo scorrere del tempo la tendenza è diventata quella di fare film a basso costo, prima si rischiava di più nelle grandi operazioni. Per i pink, in particolare, non ci sono sponsor di nessun tipo, ma proprio per questo si prendono più rischi nella misura che si sa di poter gestire. Inizialmente è il regista che si accolla certi rischi in quanto, avendo poco denaro a disposizione, deve saper gestire le spese di produzione e lo staff, ed è dura, a volte, portare a casa il film. Io cerco di supportarlo il più possibile.

Hiroki Ryuichi: I miei film sono divisi in due categorie: quella in cui sono io a decidere il progetto e l’altra in cui sono terze parti a decidere. Quando un produttore mi propone di lavorare a un progetto a volte sono contento, altre ci penso sopra.
Sono un regista cinematografico e quando mi offrono qualcosa di nuovo la sento come una nuova sfida, che deve essere affrontata. Io sono un fior fiore di professionista e aggiungo sempre un tocco personale a quelle che sono le richieste dei produttori.

Moriya Kentaro: “Seaside Motel” è tratto da un manga praticamente sconosciuto, così ho utilizzato degli attori famosi per creare attenzione e curiosità intorno al film. Sono riuscito a raccogliere il denaro per la sua realizzazione grazie ai nomi che avrebbero partecipato.

Il terribile terremoto che ha investito il Giappone avrà delle ripercussioni anche nel settore cinematografico?

Sakamoto Rei: Non so quale influenza avrà nei confronti non solo della cinematografia, ma anche dei valori dei giapponesi.
L’11 settembre 2001 mi trovavo a Manhattan e ho visto con i miei occhi cosa ha comportato quella tragedia nei valori di chi l’ha vissuto, incluso me. Non so che reazione si avrà, ma di certo ci sarà un cambiamento.

Hiroki Ryuichi: Non sono ancora arrivato a una conclusione emotiva di cosa è successo. Forse l’esprimerò nel modo a me più consono, realizzando un documentario per registrare quanto è accaduto, raccontando una verità.

Moriya Kentaro: Già prima del terremoto avevo una sceneggiatura pronta per essere realizzata, su una ragazza che trova la felicità. Oggi mi chiedo se sia il caso di cambiarla o di gettarla via e scrivere qualcosa che rispecchi i miei sentimenti attuali.

Di Francesca Caruso

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere