HOME arrow ARTICOLI CINEMA: arrow Cinema e Cinema arrow "Venezia 2011" le donne di Polanski e le donne di Madonna
Venerdì 7 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
"Venezia 2011" le donne di Polanski e le donne di Madonna PDF Stampa E-mail
Scritto da Federico Albani   
venerdì 02 settembre 2011

"Venezia 2011" le donne di Polanski e le donne di Madonna

Roman PolanskiMadonna è una donna o un uomo, o un adrogino? Non so, o meglio lo so ma non anticipo.
Sicuramente Polanski è un uomo e, con il suo nuovo film, "Carnage", scopre che i suoi simili, i maschi, sono delle bestie e non sanno però come fare per arginare le loro donne (mogli).

Ha una sensibilità femminile anche se lo hanno condannato in America per un brutta storia (abuso di una minorenne), lo hanno messo in carcere in Svizzera dopo anni e lo hanno tenuto lì a lungo. Mentre Strauss- Khan è stato rispedito libero a Parigi, senza approfondire troppo la situazione (violenza reale o presunta a spese di una cameriera). Uno è un regista, l’altro è un banchiere potente, potente politico, potente maschilista. Così va il mondo.

“Carnage”, tratto da una commedia di Yasmina Reza rappresentata anche in Italia, è un film bello, divertente, tonico, modificato nei dialoghi rispetto al testo, girato per intero in un appartamento. Come il vecchio “Nodo alla gola” di Hitchcock, che era un horror filosofico. Questo film invece lascia alle spalle senza complicarsi la vita i temi più scoperti, e cioè le paradossali contorsioni di una piccola-media borghesia per tenersi su nella nostra epoca senza pace e molta stupidità. Il grande Polanski, di cui sono ammiratore fin dai tempi del “Coltello nell’acqua”, amministra situazioni e personaggi.

Non sono solo figure stereotipate che si riuniscono per mettere pace tra i figli neanche adolescenti dopo una lite con ferite ad uno dei due. Le donne non sono le desperate housewives che abbiamo conosciuto in tv .
Gli uomini non sono solo pazzi ridicoli senza coscienza. Le prime sono la sublimazione delle desperate: chiacchierano, si scatenano, vomitano e insultano.
I loro mariti, maschi più disperati ancora, sono annichiliti: uno stordito dal cellulare, tutto proteso a rimediare il guasto di un farmaco- lavora in una multinazionale- che è in potenza velenoso; l’altro proteso a bere whisky e a succhiare sigari, per difendersi dalla consorte e naturalmente dai figli che lo ritengono una sorta di minus habens.

Polanski conferma di avere gli attrezzi mentali e formali per aprire questi forzieri del nulla, rinfrescando la lezione di Ionesco (teatro della parola ripetitiva e urtante); e per nutrire illusioni sul destino di ordinary people di New York che sembrano aver scavalcato le barriere e le differenze dei sessi per unificarsi nella stupidità trans gender. Fantastico. In che mani siamo, sembra dire il sensibile Roman a cui un diavolo-scemo in terra Manson uccise la moglie e il figlio che aveva in pancia; e che da allora si interroga fuori e sul set sull’assurdità dei comportamenti nella educata società dei valori, la “nostra”. Da non perdere, ovviamente. Attori al di là dei sessi. Sublimi.

Si può perdere W.E. di Madonna, film molto ambizioso: tentativo di mostrare come le donne di ieri (la Wally che fece abdicare Edoardo VIII) e le donne di oggi (una Wally che fra aste e mostre ravviva il mito della duchessa) vivono l’amore che non perdona. Intorno ad una più celebri love story del Novecento, la pretesa della star di delineare il romanzo del romanticismo, scusate il bisticcio, ovvero di far salire la fiction a modello perenne, saldo, invidiabile di esistenza.
Le donne sono come le vedono gli uomini: desiderabili, rompiballe, incomprensibili, mai contente. Gli uomini sono picchiatori scesi dal ring: calci e pugni, soprattutto quando la donna è incinta, facendole perdere il bene che porta dentro.

E Madonna? Non è né uomo né donna. E’ Madonna sapiens. Si vede che è rimasta suggestionata dalla regia di Alan Parker per Evita di cui è stata la protagonista.
Brucia -nel suo falò pendolare tra storia e story senza tempo- milioni di dollari, lusso, tragedia, consolazione, pianisti russi e collezionisti (che accendono un perenne camino in una stanza di un palazzo vuoto dove viene conservata una cassetta delle lettere d’amore fra Wally ed Eduardo), baci, abbracci e finalmente un bimbo in arrivo.
Madonna dei miracoli, amor sublime, che punta alla cassetta, ma degli incassi. Don’t cry for me Argentina, cantava Evita ed era più brava. Lacrime di cinema coccodrillo.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere