Domenica 20 Ottobre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
godzilla_2_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
la_llorona_728x120_top.jpeg
Another Year PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 26
ScarsoOttimo 
Scritto da Daria Castelfranchi   
lunedì 31 gennaio 2011

Another Year
Titolo originale: Another Year
Regno Unito: 2010. Regia di: Mike Leigh Genere: Commedia Durata: 129'
Interpreti: David Bradley, Jim Broadbent, Karina Fernandez, Oliver Maltman, Lesley Manville, Ruth Sheen, Imelda Staunton, Peter Wight, Martin Savage, Michele Austin, Philip Davis
Sito web ufficiale: www.anotheryear-movie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 04/02/2011
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Daria Castelfranchi
L'aggettivo ideale: Concreto
Scarica il Pressbook del film
Another Year su Facebook

Another YearCiò che colpisce maggiormente dell’ultimo film di Mike Leigh, Another Year, è l’assoluto realismo: delle vicende, dei dialoghi, dei costumi, degli ambienti.
La famiglia di Gerri e Tom è una famiglia comune, come quelle che tutti noi conosciamo o di cui facciamo parte.
Loro stessi formano la coppia che tutti gli innamorati aspirano a diventare: una solida coppia over sessanta, ancora unita, che vive in una casa calda e accogliente, aperta a tutti gli amici.
Tom e Gerri - buffo accostamento di nomi perché i due fanno tutt’altro che punzecchiarsi l’uno con l’altra - coltivano con amore il loro orto attraverso il susseguirsi delle stagioni che, a sua volta, scandisce la narrazione.

Conducono una vita tranquilla, divisi tra le visite di Mary - collega di Gerri, insofferente e sempre pronta a piangere addosso alla sua devastata vita sentimentale - il weekend con l’amico Ken - che avverte l’avanzare degli anni come una spada di Damocle e si sente prigioniero della routine - e il figlio Joe che, dapprima infelice perché tutti i suoi amici si stanno sposando mentre lui è ancora solo, presenta a sorpresa la sua nuova ragazza, Katie, che è una ventata d’aria fresca nella casa dei genitori, oppressi dall’ingombrante presenza di Mary.
E proprio lei, Mary, anima comica del film, svampita, stravagante, giuliva ed esilarante: ma sostanzialmente sola. Una donna che dipende dalla sua amicizia con Gerri e Tom, che ha una cotta per Joe, più giovane di lei di dieci anni, che manifesta ostilità quando conosce la sua fidanzata e da allora viene allontanata.
E nel momento in cui la frequentazione con i suoi amici viene meno, si ritrova spaesata, in un abisso di solitudine con il quale, alla fine, deve fare i conti.

Another Year, un altro anno che passa senza che la vita di Mary subisca cambiamenti significativi.
La macchina da presa indugia sul suo sguardo vacuo, sul suo volto pensieroso e impaurito. L’occhio del regista si insinua nelle vite dei protagonisti, svelandone gli stati d’animo con grazia e delicatezza, senza portare alla commozione ovvia e senza suscitare noia.
Va reso senz’altro omaggio al lavoro della costumista perché Jaqueline Durran, già collaboratrice di Mike Leigh - per il cui Il segreto di Vera Drake vinse un BAFTA - ha fatto un lavoro egregio caratterizzando Mary con abiti sgargianti e sempre inappropriati alle occasioni, e Gerri con uno stile sobrio e un guardaroba fatto di ampie bluse dai toni caldi che valorizzano il suo volte dolce e comprensivo.

Si potrebbe dire che il film di Mike Leigh racconta quello che potrebbe raccontare una telecamera nascosta, con in più la grazia della sua regia e la fotografia che incornicia i sobborghi di Londra e l’orto coperto di brina. Another Year è un film intriso di realismo e poesia al tempo stesso, in cui i lunghi silenzi, gli abbracci e le lacrime, ricordano da vicino Segreti e Bugie, pur allontanandosi dalla lentezza che, a suo tempo, rese il film un po’ meno digeribile.

 

Commenti  

 
+1 #2 Ivy 2011-03-19 01:48
Unico pregio del film... dormire due ore in tranquillità...
Citazione
 
 
+1 #1 Chiaretta 2011-02-25 12:03
Tom e Jerry sono accoglienti, calorosi e bravi a gestire gli amici sofferenti (e a volte un po' egoisti nelle loro nevrosi). Morale del film (secondo me): è vero che la vita maltratta alcuni più di altri, ma la felicità (come l'infelicità) si costruisce. Partendo dal finale l'infelice Mary (con la terapia?) avrà ampi margini di miglioramento della sua vita, forse anche con Ronnie...Unici difetti del film: un po' lento, poca trama. Chiara
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere