HOME arrow Il Cinema Asiatico arrow Commedia arrow Au Revoir Taipei
Sabato 25 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Au Revoir Taipei PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 7
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
mercoledì 14 luglio 2010

Au Revoir Taipei
Titolo originale: Yiye Taibei
Taiwan, USA: 2009  Regia di: Arvin Chen Genere: Commedia Durata: 85'
Interpreti: Jack Yao, Amber Kuo, Joseph Chang, Lawrence Ko, Frankie Gao, Jack Kao, Liu Jui-chi, Paul Chiang, Peggy Tseng, Vera Yen
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Esile

Au Revoir TaipeiLa fidanzata parte per Parigi e il giovane Kai, che nel tempo libero studia il francese, cerca di mettere insieme i soldi per raggiungerla lavorando nel ristorante dei genitori. Disperato, ottiene un prestito dal boss Bao, accettando di recuperare un misterioso pacchetto per suo conto. In una libreria incontra Susie, una  ragazza che rimarrà coinvolta insieme a Kai e all’amico Gao in un’avventura che si svolgerà nell’arco di una notte.

“Au Revoir Taipei”, che vede coinvolto addirittura Wim Wenders nelle vesti di produttore esecutivo, è il lungometraggio d’esordio di Arvin Chen, regista taiwanese di origini americane. Basato sul suo premiatissimo cortometraggio “Mei” (Orso d’Argento a Berlino 2007), si è aggiudicato anche un premio come miglior film asiatico al festival di Berlino di quest’anno.
C’è da chiedersi quali fossero gli altri candidati, e non tanto perché “Au Revoir Taipei” sia un prodotto immeritevole, quanto per la sua esilità di fondo. Forse gli ovvi riferimenti strutturali, giustamente rilevati nel catalogo dal direttore dell’Asian Film Festival, ad opere quali “Tutto in una notte” o “Fuori Orario” hanno incontrato i gusti della giuria. L’ammiccamento al gusto occidentale, anche se declinato con sensibilità tutta taiwanese, è infatti abbastanza evidente. Quello che manca sono il sarcasmo e l’humour nero dei film presi a modello, accantonati in favore di una levità che rasenta l’inconsistenza, sia pur ottimamente impaginata. Le modalità della commedia americana, più basata sulle situazioni che sui rapporti interpersonali, sono estranee alle commedie cinesi, in cui anche la farsa più sguaiata conserva un retrogusto amarognolo e i sottintesi la fanno da padrone.

Una diversità incolmabile e la mancanza di radici comuni possono condurre solo a una perdita di specificità e, a sostegno di questa tesi, basti pensare all’imbarazzante vacuità dei remake americani condotti a spese del cinema asiatico. Il discorso è valido anche in senso inverso; la volontà di confezionare un ibrido evidenzia uno scollamento culturale, in cui si aspira a modelli d’oltreoceano, senza riuscire a raggiungerli in quanto profondamente alieni.
La Parigi sognata dal protagonista è un po’ il simbolo di questo “falso movimento”, un luogo esclusivamente “altro”, immaginato ma mai realmente vissuto, che forse è meglio confinare nella brillante vividezza del sogno. Non a caso, Kai alla fine sceglierà di non raggiungere la fidanzata Faye, ormai divenuta un’estranea, e rimanere a Taiwan con Suzie.

I personaggi sono ben articolati e convincenti: Kai, adolescente sognatore ancora alla ricerca di una propria identità definita; Suzie, la commessa della libreria chiaramente attratta da Kai; Gao, l’amico di Kai segretamente innamorato di Peach, la ragazza che lavora con lui in un supermercato; Bao, piccolo boss della mafia taiwanese che, innamorato, vorrebbe ritirarsi dall’attività; Ji-yong, un poliziotto che indaga sulle illecite attività di Bao, e che viene lasciato dalla moglie; Hong, il nipote di Bao che ne erediterà l’attività, e i suoi imbranati compari.
Tutti loro sono destinati a incrociarsi in una zuccherosa Taipei, mettendo in scena una romantica e godibile commedia degli equivoci, che ha il solo torto di rimanere vittima delle proprie pulsioni contraddittorie.
La regia di Arvin Chen, anche sceneggiatore, non è avara di ottime soluzioni visive e ha un discreto senso del ritmo, così come all’altezza sono tutti gli attori, da Jack Yao (Kai) a Amber Kuo (Suzie), fino a Lawrence Ko (Hong), di ineccepibile fisiognomica. Fondamentali nel costruire l’atmosfera l’apporto del direttore della fotografia, l’americano Michael Fimognari, che dona alla città tonalità calde e quasi caramellose, gli squillanti cromatismi dei costumi di Hsieh Ching-liang e la melanconica colonna sonora jazzata del sino-americano Hsu Wen.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere