Domenica 25 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Cadavres PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 8
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
martedì 12 gennaio 2010

Cadavres
Titolo originale: Cadavres
Canada: 2009 Regia di: Erik Canuel Genere: Commedia Durata: 117'
Interpreti: Patrick Huard, Julie LeBreton, Sylvie Boucher, Christopher Heyerdahl, Marie Brassard, Christian Bégin, Patrice Robitaille, Hugolin Chevrette-Landesque, Gilles Renaud, Marie-Josée Godin
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Caotico

CadavresRay è in auto con sua madre mentre lei si toglie la vita con un colpo di pistola.
Lui decide di abbandonarne il corpo nella palude lungo lo strada e poi telefona a sua sorella Angie.
Lei accorre in casa di Ray e lo obbliga a recuperare il corpo della madre.
Ma da quel momento in poi la situazione si complicherà molto velocemente.

Ray è un tipo strano. Ha un rapporto piuttosto conflittuale con sua madre. Quindi nessuna meraviglia se scarica il suo corpo, dopo che la donna ha dichiarato la sua intenzione e messo in atto il suo suicidio, lungo la strada che i due stavano percorrendo in auto. Ma sua sorella ha da ridire sul fatto che la genitrice non avrà una degna sepoltura e costringe Ray a recuperarne il corpo.
Solo che quello che i due tirano su dalla palude appartiene invece a un brutto ceffo in posa rigida da motociclista. Ci piace pensare che sia caduto dalla moto e morto così. Ma non conserveremo a lungo quell'idea. Intanto perchè, mentre i due sono impegnati a seppellire il motociclista nella cantina di casa, due punk si presentano alla porta con un tappeto dentro cui sostengono di aver adagiato le spoglie terrene della mamma. In cambio chiedono il corpo del motociclista, che gli viene prontamente restituito.
Poi arriva la polizia, proprio mentre i punk stanno recuperando dalle tasche del cadavere alcune bustine che contengono qualcosa che potrebbe interessare il poliziotto, il quale sta bussando alla porta alla ricerca di alcuni maialini.
E inoltre il tappeto, portato appena in tempo giù in cantina per la cerimonia di inumazione, non custodisce le spoglie di mamma, ma quelle di una ragazza che Ray conosceva bene. E via così.

Non è esattamente un film lineare questo Cadavres. Tratto da un romanzo di François Barcelo, Cadaveri appunto, è piuttosto un giro su un ottovolante psichedelico, che lascia lo spettatore leggermente euforico e con un tocco di nausea da sballottamento eccessivo. Ma la rappresentazione circense e le riuscite caratterizzazioni dei personaggi ne fanno un'esperienza tutto sommato divertente. Del tipo che lascia un mal di testa da doposbronza.
Il sottotesto che striscia all'interno della caotica rappresentazione è di quelli inquietanti. Parla di gente strana, di famiglie disfunzionali e di tratti di personalità isterici.
La mamma, genitrice e capostipite di una prole decisamente originale, dev'essere stata un personaggio molto teatrale.
E la sua uscita di scena, con tanto di apparizioni postume in situazioni piuttosto imbarazzanti, rivela chiaramente una tendenza inusuale alle complicazioni eccessive.
Angie, la figlia attrice di telefilm in cui interpreta un commissario sexy con una scollatura e delle gambe che sostitiuscono ampiamente le doti recitative, sembra avviata all'instabilità emotiva materna e alla seduttività manipolatoria che le creerà non pochi grattacapi.
Ray invece agisce semplicemente la propria ostilità verso il mondo con modalità infantili e a tratti assai pericolose.
Insieme faranno da detonatore a una serie di contrattempi e situazioni le quali, prese singolarmente, non sarebbero neanche poi tanto eccessive, ma la cui realizzazione in simultanea porterebbe allegramente alla follia chiunque.
La regia spumeggiante e volutamente caotica lascia immaginare un senso di divertimento misto a leggero stupore che deve aver colto anche il regista, e contagiato un cast dalle sorprendenti capacità evocative di una follia del tutto fuori controllo e pertanto vissuta come unica realtà pensabile.
Il taglio essenziale e le piccole sfumature surreali, come le apparizioni della mamma in situazioni assurdamente quotidiane, rendono piacevole la visione e stimolano la complicità dello spettatore.
Nel complesso si tratta di una divertente cavalcata a dorso di mulo su un sentiero lastricato da infinite buche, che normalmente si sceglierebbe di evitare, ma che qui acquisiscono di colpo il fascino dell'abisso in fondo al quale a tutti, prima o poi, piacerebbe dare una sbirciatina.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere