Domenica 27 Novembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Come tu mi vuoi PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 58
ScarsoOttimo 
Scritto da Raffaella Perri   
venerdì 02 novembre 2007

Come tu mi vuoi
Titolo originale: Come tu mi vuoi
Italia: 2007. Regia di: Volfango De Biasi Genere: Commedia Durata: 107'
Interpreti: Nicolas Vaporidis, Cristiana Capotondi, Giulia Steigerwalt, Niccolò Senni, Marco Foschi, Elisa di Eusanio, Paola Carleo, Paola Roberti, Ludovica Modugno
Sito web: www.medusa.it/cometumivuoi
Nelle sale dal: 09/11/2007
Voto: 5,5
Recensione di: Raffaella Perri

cometumivuoi_leggero.jpgChi di noi, almeno una volta nella vita, non si è mai sentito un po’ un “brutto anatroccolo”? Pochissimi, forse nessuno. E’ questo il motivo per cui il principio ispiratore della favola di Andersen ha fatto da plot per numerosissimi film: ognuno di noi potrebbe immedesimarsi nel brutto anatroccolo, schernito dagli altri perché “diverso” , quasi non “omologato”..
In “Come tu mi vuoi” di Volfango De Biasi, il brutto anatroccolo è Giada (Cristiana Capotondi), preparatissima studentessa di Scienze della Comunicazione a Roma, del tutto disinteressata all’apparire, tanto da trascurare il suo aspetto fino a livelli inverosimili.
Giada non può sopportare che persone in realtà mediocri e superficiali, che non hanno mai lavorato e che vivono solo grazie ai soldi di papà possano avere più successo degli altri, unicamente grazie alla loro immagine. E il simbolo di questa vita così consumista, dettata solo dall’apparire e non dall’esserci, s’incarna perfettamente in Ricky (Nicolas Vaporidis), classico figlio di papà abituato ad avere facilmente tutto ciò che desidera e a comportarsi come un dio. Ricky e Giada sono quindi agli antipodi, appartengono a due mondi completamente diversi e difficilmente potrebbero incontrarsi.. Se il caso non avesse voluto che il primo contatti proprio la “brutta anatroccola” per avere delle ripetizioni di economia politica, necessarie perché il padre gli paghi l’indispensabile vacanza ad Ibiza.
Succede ovviamente ciò che tutti si aspettano, come da copione: cominciano ad interessarsi l’uno all’altro!!
Ma Ricky non può permettere che la sua immagine “cool” sia deturpata dal frequentare una ragazza bruttina, non alla moda, in una sola parola, “out”…. Cosa direbbero mai i suoi “grandi” amici, compagni di serate e di vita mondana?
E allora Giada, andando contro tutti i suoi principi e il suo disprezzo verso l’apparire, decide di cambiare, di diventare “come lui la vuole”… Il brutto anatroccolo diventa così cigno, entrando a far parte di quel mondo che tanto diceva di disprezzare:“Non ci sono mai stata sulla giostra… E ora ci sto quanto mi pare!”.
Chissà se anche il brutto anatroccolo della favola di Andersen, una volta diventato bello, sarà diventato arrogante come chi lo scherniva prima?
Ma allora è proprio vero che “chi pensa alla verità, è solo perchè non ha nient’altro”, così come dice l’amica di Ricky?
Oppure nella vita c’è di più, qualcosa di diverso dalla “cool-tura”?
Il film di Volfango De Biasi segue il filone del brutto anatroccolo nel modo più tradizionale del genere, senza in realtà offrire nuovi spunti di riflessione, trasmettendo il tutto in modo fin troppo leggero.
Il personaggio di Giada sembra quasi una macchietta, tanta la sua caratterizzazione esageratamente stereotipata (tipica secchiona con occhiali a fondo di bottiglia, maglione della nonna..), Ricky è il classico figlio di papà che in realtà ha qualcosa di più e non è così superficiale come sembra.. Il tutto quindi sa un po’ troppo di “già visto”, anche se degni di nota sono i riferimenti alla purtroppo attuale situazione dell’università italiana, con diversi corsi di laurea, come quello in scienze della comunicazione qui in esame, spesso bistrattati come scienze “inutili”, per le difficoltà di trovare sbocchi lavorativi.
In ogni caso, un film di sicura presa verso il mondo dei teenager, vista la tematica così cara e vicina agli adolescenti; tuttavia, sicuramente si sarebbe potuto fare qualcosa di più, pur trattandosi di un tema leggero.
Buona però la prova dei due protagonisti Cristiana Capotondi, dalla bellezza “pulita” e adatta alla parte, e Nicolas Vaporidis (in particolare di quest’ultimo), già “rodati” come coppia sullo schermo in “Notte prima degli esami”, dove le parti erano quasi invertite.
E’ adatta, inoltre, la colonna sonora con brani come quello di Sophie Ellis Dextor (“Murder on the dancefloor”) e dei Phoenix (“If I ever feel better”), capaci di creare un’ atmosfera leggera e spensierata, tipica della vita studentesca, in particolare di quella fuori sede.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere