Mercoledì 20 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Dachimawa Lee PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 06 febbraio 2009

Dachimawa Lee
Titolo originale: Dachimawa Lee
Corea: 2008 Regia di: Ryoo Seung-wan Genere: Commedia Durata: 99'
Interpreti: Im Won-hee, Kong Hyo-jin, Park Si-yeon, Kim Su-hyeon, Hwang Bo-ra, Ahn Gil-gang, Ryu Seung-beom
Sito web: 
Nelle sale dal:
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi

dachimawa_lee_leggero.jpegSiamo in Corea nel 1940, e il leggendario Dachimawa Lee è un agente segreto che combatte per liberare il suo paese dall’oppressione nipponica.
Quando viene trafugato un prezioso Buddha d’oro massiccio che contiene al suo interno la lista degli agenti segreti coreani, Dachimawa Lee dovrà recuperarlo a tutti i costi prima che se ne impadroniscano i giapponesi.
Nel 2008 il cinema coreano sembra aver riscoperto il periodo buio del colonialismo e abbondano i film che utilizzano come sfondo quel particolare periodo storico, rivisitato in maniera tutt’altro che realistica.
A parte l’ultimo, sfavillante Kim Jee-won, ci si ritrova per le mani lo scanzonato “Once Upon a Time” di Jeong Yong-ki, l’irrisolto e claudicante “Modern Boy” di Jung Ji-woo e  “Dachimawa Lee”, il quale sviluppa il primo cortometraggio di Ryoo Seung-wan, risalente al 1998 e liberamente visionabile su “YouTube”.
Di quell’abbozzo della durata di 35 minuti, Ryoo conserva anche il protagonista, il tutt’altro che affascinante Im Won-hee, utilizzandolo a contrasto. Infatti  Im, sovrappeso e dotato di una fisicità goffa e impacciata, non ha certo le phisique du rôle dell’agente segreto, né tantomeno quella del tombeur de femmes. Il regista pratica qui un genere poco frequentato in Corea, quello della parodia, prendendo di mira i film d’azione degli anni ’60 e ’70, alla stregua degli spoof  bondiani di nazionalità incerta  che si susseguivano anche dalle nostre parti, o dell’esilarante “Casino Royale” del 1967, con David Niven e Peter Sellers.
Il titolo, che suona come una parola giapponese, è infatti il termine che usavano all’epoca i registi coreani per definire un film d’azione; la presa in giro è affettuosa, dall’interno e non certo accesa di furia iconoclasta, un po’ come fecero a suo tempo Ken Russell e Michael Caine con il personaggio di Harry Palmer ne “Il cervello da un miliardo di dollari”.

Parcellizzato in microscene, “Dachimawa Lee” segue la filosofia dell’accumulo, saturando all’inverosimile ogni segmento per poi farlo esplodere e passare al successivo. L’iperbolica compressione e le citazioni sfoderate da Ryoo possono far sorridere, a patto di condividere l’humour del regista e i suoi film di riferimento.
Ovvi gli ammiccamenti alla filmografia coreana dell’epoca, ma non ci si dimentica di tirare in ballo “The One Armed Sworsdman” dei gloriosi Shaw Brothers e gli sgangherati film di arti marziali di quel periodo, o di concedersi parentesi da western all’italiana.
Le avventure di Dachimawa Lee lo porteranno a viaggiare da Shanghai alla Manciuria, dalla Svizzera alla Pennsylvania, tutti luoghi assurdamente fittizi dato che, visibilmente, siamo ancora in Corea.
La comicità è delegata non solo alle innumeri gag da slapstick comedy, ma, curiosamente, anche alla colonna sonora e al doppiaggio, realizzato in postproduzione: la “Sarabanda” di Haendel (da “Barry Lyndon”) e le musiche di Bernard Herrmann, usate del tutto incongruamente, si mescolano a stacchi musicali e a sigle di telefilm, mentre gli attori recitano in quattro lingue diverse (coreano, inglese, cinese e giapponese), ma ci si accorge ben presto che in realtà si limitano a strascicare le parole in modo diverso, imitando l’inflessione cantonese o giapponese.
La cinefilia bulimica di Ryoo conduce verso un torrente incontrollato di gag, le quali non sempre colgono il bersaglio ma assicurano una buona dose di divertimento.
Del resto Ryoo, anche se carente per altri versi, è ottimo regista di scene d’azione, come ha ampiamente dimostrato in “The City of Violence” e “Crying Fist”, e anche stavolta si avvale degli stuntmen della Seoul Action School del coreografo Jung Doo-hong, la stessa al centro dell’interessante documentario “Action Boys” di Jeong Byeong-gil. Confezione smagliante, costumi strepitosi e due fascinose “Bond girl” come Kong Hyo-jin e Park Si-yeon, cosa chiedere di più?

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere