Sabato 24 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Dieci inverni PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
giovedì 17 dicembre 2009

Dieci inverni
Titolo originale: Dieci inverni
Italia, Russia: 2009  Regia di: Valerio Mieli Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: Luca Avagliano, Glen Blackhall, Francesca Cuttica, Isabella Ragonese, Michele Riondino, Liuba Zaizeva, Sergei Zhigunov.
Sito web: www.dieciinverni.it
Nelle sale dal: 10/12/2009
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Irritante

Dieci inverniSono venticinque anni che esiste il Premio Solinas, un premio intitolato a uno dei maggiori sceneggiatori europei morto precocemente nel 1982 ( suoi sono, tra gli altri, gli script di film come Una Vita Violenta, 1962, La Battaglia Di Algeri, 1966, L'Amerikano, 1974, Il Sospetto,1975 ).
Nel tempo sono cambiati i giurati e sono cambiate nello stile le sceneggiature vincitrici.
Sono stati realizzati quasi cinquanta film dalle storie giunte in finale o vincitrici.
Tra queste nessun capolavoro, qualche film buono, qualche opera interessante, qualche film marginale.

Tra quelli che ricordiamo come felici debutti o ottimi film, Vito e gli altri, Soldati, 365 all’alba, Marrakech Express, Le mille bolle blu, La discesa di Aclà, Cento Passi.  Tra le sceneggiature vincitrici ( 2007 ) c’è anche Dieci inverni che è diventato anche un romanzo.
Non abbiamo letto la sceneggiatura, nemmeno il romanzo; abbiamo visto il film, e scusate se lo anticipiamo, raramente abbiamo visto una storia emotivamente più sgangherata e sconclusionata di queste.  Una storia così mal sviluppata ( non nella regia ) inconcludente e fastidiosa da far tracimare il nostro amore per il cinema in intolleranza e in voglia d’alzarsi e andarsene.  Ma il nostro alfierismo “ volli, fortissimamente volli “ ci ha fatto rimanere fino al finale nella sala.

La storia è molto simile a un altro film italiano, ‘Un amore’ di Tavarelli ( unico pregevole film di questo regista torinese ) che però divideva in dodoci splendidi e coraggiosi piani sequenza una storia d’amore sviluppata negli anni.  In “ Dieci inverni “ invece sono dieci blocchi che vanno dal 1999 al 2008.
Camilla, una semplice ragazza di paese, si trasferisce a Venezia per frequentare l'Università.
Sul vaporetto, che la porta di sera alla sua nuova casetta bohemienne e malandata, incontra Silvestro, giunto a Venezia perché ha una zia: ha idee confuse e infantili ( vorrebbe iscriversi a Giapponese (?) o a Ingegneria o… - anche se d’inverno è poco probabile che ci si possa iscrivere all’Università ).
Lui scende alla stessa fermata di vaporetto della ragazza, la segue, suona alla sua porta.
Lei è apparentemente afasica; lui, apparentemente simpatico e invadente.
Passano la notte nello stesso letto, intirizziti dal freddo e stanchi. La mattina lui vorrebbe… lei fa finta di dormire e allora il ragazzo va via “offeso”. 
Si incontrano su una spiaggia, lei gli sorride e lo saluta, lui fa il risentito e non se la fila.
Si rincontrano in una casa di amici, lui sta con un’altra lei è in imbarazzo ma naturale. 
Sarebbe questo l'inizio di un amore complesso e difficile che impiega quasi dieci anni per essere dichiarato da entrambi. In questo frattempo quando si incontrano per caso si definiscono amici, a turno.
Lei va a Mosca, ci vive un paio d’anni, va a vivere con un maturo regista russo e ogni tanto comunica con e-mail, vaghe e amichevoli con Silvestro.
Lui si presenta all’improvviso a Mosca e appena capisce che lei sta con un altro se ne torna arrabbiato e risentito all’
aeroporto senza che lei faccia nulla per chiarirsi.  Si ritrovano a Venezia, si riperdono di vista, si ritrovano di nuovo e mentre vivono le loro esistenze con fidanzati e amici comuni dovrebbero sentire tra loro amicizia, paura, consapevolezza individuale, dubbi, impennate di orgoglio, gelosia, rabbia.
Non riescono ancora a ‘comprendersi’ e a dichiarare i loro veri sentimenti.
Lei rimane incinta di un altro e lui le chiede se sono amici, poi durante una festa ubriaco picchia il compagno di lei, anche suo amico, in un impeto di gelosia che ancora una volta però non disvela l’arcano tra i due.Si riperdono di vista, lei pentita di aver fatto un figlio lo ammolla al padre e torna in famiglia a viversi un po’di depressione che naturalmente le passa immediatamente appena ( altri due anni ? ) la viene a trovare lui.

Adesso è talmente consapevole dei suoi sentimenti che gli salta addosso per la prima volta e vuole farlo nel furgoncino, ma lui adesso non se la sente, ha paura di tanta passione e di tanto “ impegno “ affettivo ed emotivo.
Passa altro tempo, un altro inverno ?, e i due si ritrovano all’asta della vecchia casa, vorrebbero entrambi comprarla ma non ci riescono e allora decidono di andarla a vedere un’ultima volta. Finalmente…Raramente abbiamo visto un esordio così immaturo narrativamente e allo stesso tempo maturo nella regia, sempre se le due cose possono essere ben divise.
La frammentazione della struttura narrativa è un’operazione coraggiosa ma che deve avere nell’autore una maggiore consapevolezza, una maturità personale e professionale.
L’idea di far vedere all’inizio per strada la ragazza con una lunga lampada ( Diogene al femminile che deve scoprire il mondo dei sentimenti ? ), il  ragazzo con in mano una pianta molto buffa ( Adamo e la mela ? ) e l’atmosfera periferica di una Venezia invernale ci avevano fatto sperare in qualcosa di nuovo che invece ci ha tradito immediatamente.

Gli interpreti sono Michele Riondino ( Fortapasc, Il passato è una tera straniera ) e Isabella Ragonese ( Nuovo Mondo, Tutta la vita davanti, Viola di mare ) due giovani attori che corrispondono credibilmente ai personaggi pensati.
Contraddittorio e caciarone lui, quasi un ragazzo anni settanta, che ha paura di crescere anche con i sentimenti.
Provinciale, semplice, malinconica lei, una giovane donna che non riesce a imporsi con i suoi sentimenti ma sembra una barca spinta dalle correnti. 
Nel film c’è la malinconica presenza di uno dei migliori cantanti italiani Vinicio Capossela che sembra il fautore dello scoppio delle contraddizioni sentimentali dei due protagonisti.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere