Lunedì 6 Dicembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Edmond PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea D'Addio   
giovedì 12 aprile 2007

Edmond
USA: 2005. Regia di: Stuart Gordon Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: William H. Macy, Julia Stiles, Joe Mantegna, Rebecca Pidgeon, Ling Bai, Frances Bay, Patricia Belcher
Recensione di: Andrea D'Addio

edmondleggero.jpegWilliam H. Macy è uno di quegli attori di cui non ti ricordi mai il nome, ma benissimo il volto. Rugoso come la corteccia di una sequoia, bianco come il marmo, se non per dei glaciali occhi azzurri che ce lo fanno credere sempre un tipo calmo e riflessivo, uno di quelli che metabolizza le delusioni quotidiane in silenzio, senza ribellarsi.
E così c'è chi se ne approfitta scambiando la cortesia per debolezza, senza sapere che il vaso, goccia dopo goccia, sta per traboccare…
Come tutti i giorni Edmond esce dall'ufficio per tornare a casa. Lungo la strada si ferma per farsi leggere il futuro con le carte. Ascoltatone l'esito, la svolta: basta con quella vita, si cambia.. Va' dalla moglie per lasciarla, dopodiché si avventura per le strade della sua città armato di tanta rabbia repressa e un coltello… A metà tra "Fuori orario" di Martin Scorsese e "Un giorno di ordinaria follia", Edmond è un film brutale, scomodo, scorretto. In poche parole: tremendamente affascinante. La sceneggiatura è del grande David Mamet, già autore, tra l'altro, di "Il postino suona sempre due volte", "Gli intoccabili" e "Ronin". Edmond è prima di tutto un film americano. Lo è il suo protagonista, emblema di quel gruppo di persone che si è scocciato di dover pensare bene e comportarsi di conseguenza. All'inizio della sua "nottata" Edmond confessa i propri problemi ad un uomo al bar. "Un bel rapporto sessuale risolverà tutto" a suo dire. E così la ricerca dell'appagamento sessuale (ne abbiamo conferma con l'enigmatico finale) diventa il filo conduttore del suo personale viaggio verso gli inferi (che scopriremo non esser tali per lui).Un percorso allucinato, dove la voglia di combattere l'ipocrisia e i luoghi comuni con cui lo hanno educato va' oltre ogni limite. Edmond per combattere quelle paure a suo dire"immotivate" semina terrore e se qualcuno usa su di lui la forza, gli risponde con la violenza. Cerca attenzione, trova indifferenza. Vuole controllo, vaga nella confusione. E quella sicurezza in grado di calmarlo che invoca in ben due occasioni finisce per trovarla lì dove non si sarebbe mai aspettato di trovare.
Stuart Gordon, che nel passato aveva fatto diretto soprattutto film horror, firma una regia tesa, angosciante, perfetta per tenere col fiato sospeso lo spettatore fino alla fine. La lunga scena nell'appartamento della cameriera Julia Stiles concentra tutte queste peculiarità riuscendo a raggiungere un apice di suspance degna di tanti, celebrissimi, film di paura. Il film è stato presentato a Venezia, ma nella selezione minore "Orizzonti". Che dietro alla scelta ci sia il timore che un film così "politico" potesse vincere qualche premio ed attirare troppa attenzione tra i mass-media, è quasi una certezza.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere